La Festa della Riscossa Popolare in Lombardia

Il 18, 19 e 20 giugno si è svolta a Milano la Festa di Riscossa Popolare della Federazione Lombardia del P.CARC.
La Festa è stata organizzata assieme ai compagni di Gratosoglio Autogestita, spazio in cui si è tenuta e dove ha sede anche la brigata volontaria “Solidarietà Popolare Milano sud”.
Abbiamo concepito questa tre giorni come la festa delle organizzazioni operaie e popolari e momenti di dibattito e confronto si sono combinati con iniziative di lotta e spazi di socialità.

Dal momento che la mattina di venerdì 18 giugno, mentre erano in atto gli scioperi del settore elettrodomestici e della logistica, ci è arrivata la tragica notizia dell’omicidio di Adil (vedi articolo a pag. 8) ci siamo immediatamente mossi per mettere in campo un’iniziativa, coordinandoci con i compagni del vicino centro sociale ZAM (Zona Autonoma Milano): abbiamo organizzato un piccolo presidio e affisso uno striscione fuori dal LIDL di zona.
Nel pomeriggio la brigata ha distribuito i pacchi spesa, coinvolgendo nell’attività anche diversi abitanti del quartiere.

Si è quindi tenuto il primo dibattito, sul tema della solidarietà ai rivoluzionari prigionieri, organizzato assieme ai compagni dello spazio Micene e che ha visto la partecipazione di Manolo Morlacchi, autore di libri sull’argomento ed esponente del Partito Comunista.
Sono intervenuti in collegamento telefonico i compagni della Rete Internazionale in Difesa del Popolo Mapuche e del Movimento per l’Amnistia e i Diritti Fondamentali (Movadef), attivo in Perù nella lotta per la liberazione dei rivoluzionari prigionieri di Sendero Luminoso. I compagni del Partito Comunista delle Filippine, che conducono una delle più avanzate esperienze di guerra popolare rivoluzionaria, hanno invece inviato un contributo scritto.
La giornata si è chiusa con un concerto rap, che è stato occasione per ribadire la nostra solidarietà a Pablo Hasel, rapper catalano arrestato per le sue canzoni, e per fare una foto collettiva in ricordo di Adil.

Sabato 19 giugno si è tenuta una nuova distribuzione di pacchi spesa che è stata occasione di confronto con gli abitanti del quartiere. Nel pomeriggio si è svolto invece il dibattito sulle elezioni amministrative, a cui abbiamo invitato tutti i candidati per il Comune di Milano per ragionare assieme a loro su come usare la campagna elettorale per rafforzare la mobilitazione popolare.
Hanno partecipato i compagni di GTA, quelli del Comitato di difesa della Sanità Pubblica di Milano Sud-Ovest, il compagno Roberto “Ripax” Ripamonti, membro di Patria Socialista candidato nelle liste del PC a Milano, e diversi singoli.
In una città dove ci sono quattro liste popolari o comuniste che si presentano separatamente e in concorrenza l’una con le altre, la partecipazione di elementi che fanno riferimento a differenti aree politiche è stata positiva, perché va nella direzione di costruire un fronte comune.
Esempio importante è stato il lavoro che i compagni di GTA stanno facendo per elaborare un programma dal basso per il quartiere, attraverso questionari, banchetti e assemblee sul tema della sanità, del lavoro e della casa. È su questo programma che essi chiameranno ogni candidato a schierarsi e ad agire fin da subito.
La serata si è poi conclusa con una cena araba preparata da alcuni abitanti del quartiere che partecipano alla brigata per l’emergenza.

Infine la giornata del 20 abbiamo preparato assieme i materiali e partecipato alla manifestazione “Cacciamoli” contro la giunta regionale Fontana-Moratti-Bertolaso, lanciata da ZAM e costruita da un comitato cittadino cui avevamo partecipato nelle settimane precedenti.
In piazza abbiamo portato la linea del commissariamento popolare: proseguire la mobilitazione fino a cacciare la giunta per metterne al suo posto una popolare, espressione delle realtà che si sono mobilitate contro la gestione criminale dell’emergenza di Fontana e soci.
La giornata di mobilitazione ha visto numerosi interventi e la rappresentazione di un processo popolare. I partecipanti hanno provato ad affiggere la sentenza di questo processo sulla porta del palazzo della Regione, ma sono stati respinti dalle manganellate della celere.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...

[Bologna] Besta: far crescere le radici del protagonismo popolare

Il comitato Besta, che da mesi porta avanti una...