“Adesso basta” (con il governo Meloni)! Che fare nei prossimi scioperi e piazze?

L’ 11 e il 12 aprile la Cgil metterà in campo due giornate di sciopero che si inquadrano in un percorso di mobilitazioni che porteranno alle due manifestazioni nazionali del 20 aprile a Roma e del 25 maggio a Napoli. Con queste date il sindacato, incalzato dalla sua base da mesi, riprende il percorso avviato dal 7 ottobre del 2023: quello de La via maestra.

Lo sciopero di domani, 11 aprile, con lo slogan “Adesso basta!”, chiama gli iscritti a scioperare e manifestare per fermare le morti sul lavoro (“zero morti sul lavoro”), per “una giusta riforma fiscale” e per un “nuovo modello sociale di fare impresa”. Lo sciopero proclamato sarà di 4 ore (8 ore per gli edili) e interesserà tutto il comparto privato e in parte la funzione pubblica (igiene ambientale e contratti Federcasa e Federculture). Un ingrediente fondamentale che ha contributo all’indizione di questo sciopero (e delle tante mobilitazioni recenti e prossime) è la spinta che la base della Cgil sta facendo sulla testa del sindacato perché assuma fino in fondo la lotta per la cacciata del governo Meloni. Già alcune organizzazioni operaie e Rsu hanno infatto esteso lo sciopero a 8 ore. È il caso ad esempio della Pasotti e dell’Iveco di Brescia.

Il 12 aprile invece lo sciopero riguarderà il gruppo Stellantis, in particolare lo stabilimento di Mirafiori di Torino e il suo indotto. Lo sciopero di 8 ore è stato indetto unitariamente da Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Uglm e Associazione Quadri. È il primo sciopero unitario indetto per lo stabilimento da oltre 15 anni (fonte Ansa). In questo caso lo sciopero ha l’obiettivo di contrastare la morte lenta a cui la proprietà conduce lo stabilimento di Mirafiori.

Sulla base della spinta dei lavoratori e delle mobilitazioni in corso, la testa della Cgil è sempre più costretta a chiamare scioperi e manifestazioni su parole d’ordine politiche, che attengono al governo del paese e alle esigenze delle masse popolari di cambiare il corso delle cose. Per questo la riuscita di questi scioperi dipenderà innanzitutto da quello che accadrà nelle aziende: da quanto e come operai e lavoratori parteciperanno da protagonisti alla realizzazione. In ballo non c’è solo la riuscita degli scioperi: c’è soprattutto come perseguire concretamente gli obiettivi che gli scioperi e le manifestazioni si pongono, quale ruolo possono assumere operai e lavoratori per farlo e come riusciranno ad usarli a questo scopo.

Sicurezza al lavoro e del lavoro sono in mano ai lavoratori

Dentro i luoghi di lavoronon esiste sicurezza senza il ruolo attivo dei lavoratori per denunciare le problematiche, imporre controlli e vigilare su questi. Allo stesso modo non si blocca lo smantellamento di aziende private e pubbliche se non sono operai e lavoratori a impedirla “con i loro corpi”, per dirla alla maniera del Collettivo di Fabbrica ex Gkn.

Leggi anche Maurizio Landini, la patente a punti per le aziende e la lotta dei lavoratori, Comunicato del Comitato Centrale del (n)PCI del 28 febbraio 2024

Le mobilitazioni dell’11 e del 12 aprile sono un’ occasione per organizzarsi: per parlare con i propri colleghi lontani dagli occhi del padrone e per confrontarsi con gruppi di operai e lavoratori di altre aziende. Sono occasione per riportare i contenuti di quelle piazze dentro l’azienda, organizzando assemblee allargate che coinvolgano anche non iscritti e iscritti ad altri sindacati. In ogni posto di lavoro è necessario parlare in maniera più ampia possibile della sicurezza che serve (è di ieri la notizia dell’ennesima strage operaia in provincia di Bologna), dello stato dell’azienda e di quelle che sono le problematiche urgenti nel paese.

Alimentare il confronto e l’organizzazione collettiva dei lavoratori, al di là di sigle e tessere serve per fare un bilancio degli scioperi (cosa era possibile fare in più), per decidere quali iniziative prendere direttamente per gestire la sicurezza sul lavoro, se e come indire altri scioperi (anche a livello di azienda) e come rendere le prossime date questione di ordine pubblico.

Non aspettare risposte dal governo, far crescere mobilitazioni e organizzazione per cacciarlo!

Di sicurezza sui luoghi di lavoro, di tutela dei lavoratori e di lotta al carovita oggi ciarlano i ministri del governo Meloni, i capi della finta opposizione PD-M5S, i candidati alle elezioni amministrative ed europee, presentandole come cose inaccettabili e promettendo di fare questa e l’altra cosa. Ma basta! Siano gli operai a decidere di cosa è necessario parlare e cosa è necessario fare! Che questi scioperi, manifestazioni e mobilitazioni siano un’irruzione dei lavoratori nella campagna elettorale permanente in corso e tappe della marcia per la cacciata del governo Meloni.

Le misure antipopolari del governo non si arresteranno se non saranno operai e lavoratori a imporlo. Il governo Meloni non è un governo a cui appellarsi, ma è un governo invece da cui liberarsi al più presto! Per fermare da subito morti sul lavoro, per alzare gli stipendi, tassare extraprofitti e dirigere la società basandosi sulla centralità del lavoro serve un governo d’emergenza fatto dalla parte sana del paese, al di là dei soliti politicanti delle larghe intese. Su questo operai e lavoratori devono mettere testa, energia e competenze e coordinarsi con il resto delle mobilitazioni in corso nel paese.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Anche dai seggi elettorali si rilancia la riscossa

Lo scorso fine settimana si sono svolte le elezioni...

Solidarietà a Luciano Pasetti e a tutti i fermati di Piazza Duomo e non solo!

Lunedì 17 giugno p.v alle 14.00 presso il Tribunale...

[Siena] Duecento licenziamenti ad Amadori: insorgiamo!

Il Partito dei CARC, alla luce di quanto sta...

Le mobilitazioni contro il G7 in Puglia aprono la strada allo sviluppo della lotta

Da molti mesi, in particolare dopo la controffensiva della...