[Milano] Adesione alla manifestazione del 21 ottobre contro la guerra a Ghedi (BS)

La Federazione Lombardia del Partito dei CARC aderisce, partecipa e invita a partecipare alla manifestazione del 21 ottobre a Ghedi.

Rilanciamo il comunicato nazionale di adesione a tutte le mobilitazione indette per quella data: da Ghedi a Pisa, da Palermo a Trieste e Taranto.

“Il 20 ottobre è stato proclamato lo sciopero generale dei sindacati di base.
Il 21 ottobre si svolgono manifestazioni contro la guerra, l’economia di guerra, le basi militari e le installazioni militari a Ghedi (BS), a Pisa e a Palermo.
Il 4 novembre è una giornata di mobilitazione nazionale contro la guerra.
Per liberare il paese dai guerrafondai e dai servi della Nato bisogna moltiplicare le manifestazioni e le iniziative fino a rendere il paese ingovernabile ai vertici della Repubblica Pontificia, ponendo continui problemi di ordine pubblico, ma principalmente bisogna curare che ogni mobilitazioni sia strumento per rafforzare gli organismi operai e popolari esistenti, farne nascere di nuovi, favorire il coordinamento di tutti e accrescere in loro la fiducia che è possibile costituire un governo d’emergenza delle masse popolari organizzate. Il successo della mobilitazione per cacciare il governo Meloni è strettamente legato alla mobilitazione per costituirlo.

(…)

Fra gli organizzatori e i promotori della manifestazione di Ghedi, di Pisa e di Palermo ci sono differenze di carattere politico e divergenze sull’analisi della situazione e sulle prospettive da dare alla mobilitazione, in certi casi divergenze importanti.
Le divergenze non vanno nascoste e non vanno messe in secondo piano. L’unità d’azione, mobilitarsi insieme su tutto quello per cui è possibile farlo, è anche il modo per trattare a fondo e seriamente le divergenze.
Per questo, al netto delle differenze e delle divergenze, le manifestazioni del 21 ottobre incarnano oggettivamente la mobilitazione della parte più sensibile e avanzata rispetto alla lotta contro la guerra e l’economia di guerra, così come oggettivamente sono in concatenazione con tutte le mobilitazioni, grandi e piccole, di cui sono protagonisti i lavoratori e le masse popolari in questi mesi.
Le masse popolari del nostro paese sono alla ricerca di un centro autorevole che le organizzi e che le mobiliti per cambiare il corso delle cose perché la direzione della classe dominante sta portando il paese e la società intera alla rovina. In questa ricerca – che avviene per lo più in modo spontaneo e incosciente – si condensa la lotta fra la via della mobilitazione rivoluzionaria delle masse popolari e la via della mobilitazione reazionaria promossa dalla borghesia imperialista e dal suo governo Meloni.
Ogni titubanza, ogni reticenza, ogni manifestazione di attendismo e di disfattismo indebolisce il fronte delle masse popolari e la via della mobilitazione rivoluzionaria e favorisce la classe dominante e la via della mobilitazione reazionaria.
Per questo il P. CARC porta in ogni contesto, in ogni ambito, in ogni piazza, azienda, scuola e territorio la parola d’ordine unitaria e unificante cacciare il governo Meloni e imporre un governo di emergenza popolare.
Unitaria, perché cacciare il governo Meloni è l’obiettivo politico che in questa fase sintetizza tutte le lotte di resistenza alla crisi, agli effetti della crisi e alle manovre della classe dominante.
Unificante, perché imporre un governo di emergenza popolare è l’obiettivo politico che rende realistiche tutte le rivendicazioni dei lavoratori e le masse popolari.
Tutti gli organismi operai e popolari, le organizzazioni sindacali e politiche, i partiti anti Larghe Intese, i partiti e gli organismi del movimento comunista cosciente e organizzato del nostro paese hanno l’opportunità – e pertanto il compito – di dare una direzione unitaria alla mobilitazione spontanea delle masse popolari (sviluppare al massimo livello l’unità nella protesta e l’unità nella proposta) e di dare sbocco politico alle giuste rivendicazioni delle masse popolari”.

Il P.CARC sostiene e invita a costruire insieme mobilitazioni e iniziative per porre fine alla partecipazione dell’Italia alla guerra scatenata da USA-NATO come:

– denunciare capillarmente con scritte murali, con locandine e volantini, sui social network ogni base militare, agenzia e installazione NATO e USA, ogni servitù e operazione militare: che la presenza di ognuna di queste postazioni risalti in ogni località come risalta la presenza di una chiesa e di una stazione ferroviaria.

– promuovere manifestazioni stradali contro la partecipazione alla guerra e contro ogni operazione in cui la partecipazione si concretizza;

– bloccare e sabotare l’invio e il trasporto di armi verso l’Ucraina: ogni convoglio ferroviario e stradale e ogni caricamento di navi;

– generalizzare l’esempio dato dal Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali (CALP) di Genova contro l’invio di armi dai porti italiani;

– fare agitazione contro la partecipazione dell’Italia alla guerra USA-NATO in ogni istanza delle forze armate italiane;

– denunciare e contrastare l’addestramento di militari del governo Zelensky o comunque mobilitati per l’invio sul fronte ucraino;

– promuovere la solidarietà di massa con ogni persona perseguitata dal governo Meloni e dai suoi complici e agenti perché si oppone alla guerra USA-NATO.

Invitiamo a mettersi in contatto con noi per organizzare presidi e mobilitazioni fuori dagli uffici della NATO a Milano e le mobilitazioni del 4 novembre.

Non un uomo, non un soldo, non un metro di suolo per la guerra!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!