[Firenze] Multe, repressione, sorveglianza speciale? Chi ha davvero paura?

Mercoledì 9 giugno si terrà al Tribunale di Firenze un’udienza per decidere se assegnare o meno la misura della sorveglianza speciale a un compagno dell’Occupazione di Via del Leone.

Un mese e mezzo fa, la stessa cosa è toccata a una compagna dell’Occupazione di Viale Corsica, sempre in seguito alle manifestazioni contro le misure del governo del 30 ottobre 2020.

Una storia già sentita quindi, che è indicativa del fatto che le forze della repressione continuano a prendere di mira i compagni che ogni giorno si adoperano nelle loro realtà di quartiere per promuovere lotta, organizzazione e solidarietà dal basso.

A poche settimane dallo sblocco degli sfratti e dei licenziamenti, la preoccupazione maggiore del governo è quella di impedire che i lavoratori, i disoccupati, i giovani e il resto delle masse popolari si organizzino contro le ennesime misure lacrime e sangue. Tanto accanimento è indicativo, quindi, delle difficoltà che la classe dominante ha a dare una direzione organica alla società senza entrare in aperta collisione con le masse popolari: cosa impossibile stante i divergenti e inconciliabili interessi di classe che la pandemia da COVID-19 ha ulteriormente palesato ed esacerbato.

L’Occupazione di Via del Leone, fin da quando è nata, è stata esempio di attivismo nel quartiere in cui opera organizzando la riqualificazione degli spazi e varie attività per gli abitanti della zona. Ancora di più ha assunto questo ruolo con la pandemia e l’organizzazione del sostegno alimentare di San Frediano.

Per tutti questi motivi le forze della repressione sono interessate a blindare e vessare i compagni che fanno questo genere di attività. L’organizzazione popolare dal basso è un’arma e per questo fa paura.

Il nostro Partito è, come sempre, a fianco di chi lotta e resiste, per tanto esprimiamo la nostra piena e incondizionata solidarietà e invitiamo tutti a partecipare al presidio del 9 giugno alle ore 9:00 davanti al Tribunale di Firenze in Viale Guidoni.

L’attacco al compagno non è un attacco che riguarda solo lui, ma ad andare a processo sono tutti coloro che hanno interesse a cambiare la loro sorte e a rovesciare il sistema capitalista vigente nel nostro paese, fonte di distruzione e miseria in tutti i campi.

La repressione dei compagni riguarda tutti noi, facciamo quindi fronte comune per rispedirla al mittente.

Piena e incondizionata solidarietà ai compagni e alle compagne colpiti da repressione.

P.CARC, Federazione Toscana

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...