Solidarietà a Julian Assange

Il 21 febbraio si è conclusa a Londra la seconda e ultima udienza del ricorso contro l’estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti, dove rischia una condanna a 175 anni di carcere per aver rivelato al mondo i crimini di guerra degli imperialisti Usa. Nel momento in cui scriviamo, la sentenza non è stata ancora emessa.
Manifestazioni per la liberazione di Assange si sono tenute in 56 città nel mondo, da Parigi a Colonia, da Londra a New York, passando per Sidney, Vienna, Copenaghen, Madrid, Barcellona e così via. Anche nel nostro paese si sono tenute manifestazioni in molte città, con una mobilitazione capillare dal Nord al Sud del paese. A Milano un centinaio di persone si sono riunite davanti al consolato britannico. A Roma la manifestazione si è svolta davanti all’ambasciata britannica. A Napoli davanti al consolato degli Stati Uniti, protetto da un ingente schieramento di polizia. Altre mobilitazioni si sono svolte a Catania, Perugia, Ancona, Cagliari e Trieste.
L’accanimento contro Julian Assange mostra la paura che gli imperialisti hanno di chi svela la verità sui loro crimini, sulla reale natura del loro sistema.
Non è certo da ieri che la classe dominante si adopera per distogliere le masse popolari dalla comprensione della realtà attraverso i media, la diversione, l’intossicazione delle coscienze e, quando questi strumenti non bastano, la censura.
Ma nell’ultimo periodo l’opera di diversione e il clima di censura hanno fatto un salto di qualità, prima con la pandemia, poi con la guerra contro la Federazione Russa, ora con l’invasione sionista di Gaza: tanto più le cose vanno male tanto più serve convincere tutti che va tutto bene. E con il levarsi sempre più forte dei venti di guerra, pacificare il fronte interno diventa essenziale per la classe dominante.
La censura, oggi, non colpisce più solo giornalisti come Assange: nell’ultimo periodo abbiamo visto lavoratori licenziati per un commento su Facebook, studenti attenzionati per aver pubblicato un post in sostegno alla causa palestinese, e chiunque pubblichi su internet un commento o una notizia che va fuori dalla narrazione ufficiale può vedersi cancellato il profilo.
La lotta contro la censura e per la libertà di espressione diventa perciò un ambito sempre più importante della lotta di classe, che coinvolge direttamente le masse popolari. Deve diventare terreno di organizzazione e di mobilitazione e la mobilitazione in solidarietà con Assange, i tanti comitati sorti e l’ampio coordinamento che si è sviluppato, mostrano una via da percorrere e sviluppare.

Censura dilagante. Il caso del film Il testimone

Un chiaro esempio del clima di censura dilagante è il boicottaggio de “Il testimone”, film russo che denuncia i crimini di guerra del regime Zelensky.
Il film è stato, fin da subito, denunciato dai media come “propaganda filoputiniana”, da cui tenersi alla larga. A Bologna l’amministrazione del Pd è intervenuta direttamente per fermare la sua proiezione da parte di una associazione culturale, minacciando di revocarle la concessione degli spazi. A Firenze il sindaco Nardella, sempre del Pd, ha denunciato il film per incitamento all’odio e ha intimato al teatro dell’Affratellamento, che aveva in programma di proiettarlo, di sospendere l’iniziativa. L’intervento istituzionale ha portato il teatro a rinunciare.
A Milano, dove il film è stato proiettato il 13 febbraio nel Circolo di unità proletaria, la comunità ucraina, sostenuta dal Pd, ha organizzato una manifestazione di protesta davanti al locale che si è protratta per tutta la sua durata.
Insomma, questo Partito Democratico non sembra poi così democratico… Come si vede, la censura non è più solo una prerogativa delle destre al governo. È invece parte integrante della tendenza della classe dominante e di tutte le sue istituzioni a fare fronte alla crescente resistenza delle masse popolari con una repressione sempre più aperta e dispiegata.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...

[Bologna] Besta: far crescere le radici del protagonismo popolare

Il comitato Besta, che da mesi porta avanti una...