[Massa] Adesione alla manifestazione del 14 ottobre in difesa della sanità pubblica

Il Partito dei CARC aderisce e partecipa alla mobilitazione indetta dalla “Consulta Popolare per la Sanità” per sabato 14 ottobre (concentramento h 17.30 c/o parcheggio del Pomario) in difesa del distretto sanitario di Via Bassa Tambura e per il rafforzamento della sanità territoriale.

La chiusura del distretto sanitario di Via Bassa Tambura prevista per il 14 ottobre, poi frettolosamente e maldestramente ritirata da ASL e Amministrazione Comunale di Massa, a seguito della crescente mobilitazione che la fuga di notizie relative alla dismissione della struttura aveva generato, è soltanto uno degli aspetti di un processo di smantellamento della sanità pubblica in corso sul nostro territorio.

Un processo di smantellamento che è il prodotto di due aspetti: da una parte il generale smantellamento della sanità pubblica che i governi delle larghe intese (nazionali e locali) stanno portando avanti da vent’anni a questa parte ad appannaggio esclusivo di chi vuol ricavare profitti investendo nella sanità privata e dall’altra la volontà di favorire sul territorio interessi privati nel campo della speculazione dismettendo strutture ampie, valide e ancora efficienti (ospedale San Giacomo e Cristoforo, Monoblocco, distretti) o che al massimo avrebbero bisogno di lavori ordinari di manutenzione, per costruire nuove colate di cemento che non avranno nessun impatto positivo in termini di esigenza sulla richiesta e di fabbisogno della sanità territoriale. L’operazione NOA ad esempio ha portato alla perdita di 670 posti letto, con la costruzione di un ospedale per acuti senza mettere in piedi minimamente la territoriale; la costruzione del nuovo distretto sanitario sui binari della stazione a fronte dello smantellamento dei distretti sanitari esistenti sarà l’ennesimo regalo ai privati che ricaveranno profitti (per la costruzione di un distretto inutile e inadeguato) e al contempo la dismissione di un altro pezzetto di sanità pubblica sul territorio.

Sul nostro territorio è necessario che nessuna struttura sanitaria sia dismessa! anzi strutture come il distretto di via Bassa Tambura devono essere potenziate (ripristinare la radiologia, il funzionamento h 24 della guardia medica pediatrica il sabato e la domenica, l’incremento di ambulatori specialistici ecc). E’ necessario inoltre rimettere in funzione la struttura dell’ex ospedale San Giacomo e Cristoforo per lo sviluppo della medicina territoriale, solo attraverso questi passi è possibile mettere mano alle principali problematiche della sanità territoriale.

Per questo come Partito dei CARC aderiamo, partecipiamo e invitiamo a partecipare alla mobilitazione promossa per il 14 ottobre. Nessuno dall’alto ci ridarà il diritto alla sanità pubblica se non lo riconquistiamo con la lotta! E’ necessario costruire comitati e strutture popolari che mobilitino la cittadinanza per la difesa e la riaffermazione della sanità pubblica!

Sezione di Massa del Partito dei CARC

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!