Non una lacrima, non un onore per il presidente del golpe bianco

Due giorni fa è morto Giorgio Napolitano, l’unico tra gli ex membri del Partito Comunista Italiano a ricoprire la carica di Presidente della repubblica italiana, figura che rappresenta bene la degenerazione di quel partito e il carattere eversivo della democrazia borghese sia per il ruolo che ebbe negli anni della cosiddetta trattativa Stato-Mafia, sia per il “golpe bianco” reiterato con cui ha imposto, in barba a qualsiasi esito elettorale, una serie di governi delle Larghe Intese per sedare la spinta propulsiva di cambiamento (un esempio su tutti è il golpe bianco per impedire l’insediamento al governo del primo M5S) che le masse popolari italiane volevano dare al paese.

Non una lacrima, non un onore da parte dei comunisti e delle masse popolari del nostro paese per Giorgio Napolitano. A lasciarci non è il gentiluomo e il padre della patria che i media di regime oggi cercano di presentarci ma uno dei criminali di quella guerra che la borghesia imperialista italiana muove contro gli operai, i lavoratori e il resto delle masse popolari del nostro paese. Rilanciamo di seguito l’articolo Due lezioni dalla biografia di Giorgio Napolitano. Buona lettura!

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...

[Bologna] Besta: far crescere le radici del protagonismo popolare

Il comitato Besta, che da mesi porta avanti una...