Promuovere la riscossa, imporre dal basso le soluzioni! 

Rilanciamo una breve intervista al centro sociale Spartaco di Ravenna raccolta in occasione della manifestazione Fermiamoli! del 17 giugno scorso a Bologna. 

https://www.youtube.com/watch?v=JQJWgXvKdes

Il lavoro di raccordo svolto dal centro sociale Spartaco tra cittadini del territorio, volontari e brigate che sono confluite in Emilia Romagna subito dopo il disastro provocato dall’alluvione è un esempio concreto di quello che i collettivi e gli organismi sui territorio possono fare per trovare e imporre dal basso le soluzioni, gestendo le emergenze. 

Nell’intervista emerge bene come al contrario le istituzioni del territorio e nazionali abbiano lavorato alacremente per impedire la mobilitazione delle brigate di solidarietà attiva. 

È la prova provata, l’ennesima se ce ne fosse bisogno, del fatto che la soluzione a tutte le manifestazioni della crisi generale in corso non verranno dal governo Meloni, come non verranno da un governo PD o di qualunque altra forza delle larghe intese. 
Laddove ci sono state soluzioni sono arrivate sempre dalle masse popolari organizzate, in questo caso dai giovani che si sono organizzati.

È la manifestazione anche, come dice bene il compagno intervistato, del fatto che è proprio questo tipo di mobilitazione delle masse popolari che può trasformare i rapporti di forza e il corso delle cose. Tanto è vero che questa forma di mobilitazione mette in difficoltà le istituzioni perché contende a loro la gestione dei territorio e delle comunità. 

Non possiamo più gestire e risolvere le emergenze in cui la classe dominante costantemente precipita le masse popolari; è il momento di far diventare pratica comune e costante la gestione dei territori dal basso per imporre un governo d’emergenza popolare che sia davvero espressione di questi organismi e a questi legata in mille forme. 
Bisogna promuovere la riscossa per costruire una civiltà nuova sulle macerie del vecchio mondo che sta bruciando! 

In queste settimane sono in corso i lavori per la costruzione della Festa nazionale della Riscossa Popolare, dal 27 al 30 luglio al Parco della Comasca a Marina di Massa.

Invitiamo tutte le realtà che vogliono prendere parte a un momento di confronto, di sana aggregazione e a una scuola di organizzazione a partecipare.
La crisi della classe dominante è il tempo della riscossa delle masse popolari, primi fra tutti dei giovani! 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Il segreto di Lorenzo

Il segreto di Lorenzo testimone di omicidio sul lavoro Il...

Di carcere e di liberazione

Le soluzioni delle borghesia non sono quelle delle masse popolari!

[Ravenna] Contro ENI, NATO e PD, promuoviamo la lotta di classe!

Rilanciamo il contributo che un compagno di Ravenna, operaio...