Promuovere la riscossa, imporre dal basso le soluzioni! 

Rilanciamo una breve intervista al centro sociale Spartaco di Ravenna raccolta in occasione della manifestazione Fermiamoli! del 17 giugno scorso a Bologna. 

https://www.youtube.com/watch?v=JQJWgXvKdes

Il lavoro di raccordo svolto dal centro sociale Spartaco tra cittadini del territorio, volontari e brigate che sono confluite in Emilia Romagna subito dopo il disastro provocato dall’alluvione è un esempio concreto di quello che i collettivi e gli organismi sui territorio possono fare per trovare e imporre dal basso le soluzioni, gestendo le emergenze. 

Nell’intervista emerge bene come al contrario le istituzioni del territorio e nazionali abbiano lavorato alacremente per impedire la mobilitazione delle brigate di solidarietà attiva. 

È la prova provata, l’ennesima se ce ne fosse bisogno, del fatto che la soluzione a tutte le manifestazioni della crisi generale in corso non verranno dal governo Meloni, come non verranno da un governo PD o di qualunque altra forza delle larghe intese. 
Laddove ci sono state soluzioni sono arrivate sempre dalle masse popolari organizzate, in questo caso dai giovani che si sono organizzati.

È la manifestazione anche, come dice bene il compagno intervistato, del fatto che è proprio questo tipo di mobilitazione delle masse popolari che può trasformare i rapporti di forza e il corso delle cose. Tanto è vero che questa forma di mobilitazione mette in difficoltà le istituzioni perché contende a loro la gestione dei territorio e delle comunità. 

Non possiamo più gestire e risolvere le emergenze in cui la classe dominante costantemente precipita le masse popolari; è il momento di far diventare pratica comune e costante la gestione dei territori dal basso per imporre un governo d’emergenza popolare che sia davvero espressione di questi organismi e a questi legata in mille forme. 
Bisogna promuovere la riscossa per costruire una civiltà nuova sulle macerie del vecchio mondo che sta bruciando! 

In queste settimane sono in corso i lavori per la costruzione della Festa nazionale della Riscossa Popolare, dal 27 al 30 luglio al Parco della Comasca a Marina di Massa.

Invitiamo tutte le realtà che vogliono prendere parte a un momento di confronto, di sana aggregazione e a una scuola di organizzazione a partecipare.
La crisi della classe dominante è il tempo della riscossa delle masse popolari, primi fra tutti dei giovani! 

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...

[Bologna] Besta: far crescere le radici del protagonismo popolare

Il comitato Besta, che da mesi porta avanti una...