Corrispondenze Operaie in onda su Radio Grad

Da dicembre 2022 la Redazione di Resistenza cura una rubrica in onda su Radio Grad, emittente online della provincia di Pisa che fa parte del progetto nazionale Gemini Network, insieme ad altre radio indipendenti.

La rubrica prende spunto dagli articoli di Resistenza e la arricchisce: la lettura di articoli del giornale si combina con interviste ai lavoratori e corrispondenze dirette.

Il messaggio che la rubrica – in podcast sul sito www.radiograd.it – vuole trasmettere è chiaro: la voce e le esperienze delle organizzazioni di lavoratori vanno fatte conoscere in maniera ampia.

In un paese in cui i media borghesi distraggono e intossicano le masse popolari con notizie manipolate, inutili e spesso false, le corrispondenze operaie vogliono far conoscere esperienze di lotta, di mobilitazione e organizzazione della classe operaia. Alla faccia di chi dice che in Italia non si muove niente! Quanto emerge dalla rubrica è invece che i lavoratori sono sempre più in fermento e hanno la necessità di organizzarsi per far fronte ai problemi delle loro aziende e non solo.

Invitiamo i nostri lettori ad ascoltare i podcast e a seguire i prossimi episodi in onda il mercoledì alle 11 e alle 16, oltre a contribuire alla rubrica con segnalazioni, resoconti e rapporti di iniziative, manifestazioni, assemblee, ma anche con considerazioni sulla situazione politica del paese.

Per farlo è possibile inviare una mail a carc@riseup.net

Per difendere i lavoratori dall’obbligo di fedeltà aziendale, la Redazione tutela l’anonimato delle fonti.

Non sono i padroni a essere forti, è la classe operaia che deve far valere la sua forza!

ASCOLTA LE PUNTATE

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!

Nessuno spazio alla propaganda elettorale delle larghe intese

Dalla fabbrica all'università. Irrompiamo nella campagna elettorale