[Italia] La solidarietà operaia all’infermiere Marco Lenzoni

 

Trasmettiamo di seguito la nota di solidarietà che un gruppo di operai dei principali stabilimenti siderurgici italiani, riunitisi il 29 di Maggio per affrontare i temi legati al futuro dell’acciaio in Italia e dei lavoratori impiegati (nazionalizzazioni per far fronte alla delocalizzazione e chiusura, piano nazionale della siderurgia e coordinamento dei lavoratori, sicurezza sui luoghi di lavoro, obbligo di fedeltà aziendale), ha pubblicato in sostegno alla battaglia dell’infermiere della provincia di Massa e Carrara Marco Lenzoni, colpito da procedure disciplinari per aver denunciato le mancanze dell’Azienda Sanitaria per cui lavora a fronte dell’emergenza Covid-19.

Tante solo le iniziative in sostegno all’infermiere Marco Lenzoni e contro l’obbligo di fedeltà aziendale, un vero e proprio strumento in mano ai padroni delle aziende capitaliste e ai dirigenti delle aziende pubbliche per cercare di tenere sottomessi i lavoratori con la paura e il ricatto di far perdere loro il posto di lavoro se denunciano abusi e mancanze, se si mobilitano e organizzano per migliorare il proprio posto di lavoro e il funzionamento della propria azienda, se lottano per i diritti dei lavoratori e, nel caso di Marco Lenzoni, anche degli utenti.

In appendice la nota di solidarietà diffusa dagli operai, cliccando a questo link invece troverete l’iniziativa, promossa dalla Federazione Toscana del P. CARC a Livorno il 9 giugno proprio in sostegno a Lenzoni e a tutti coloro che lottano contro l’obbligo di fedeltà aziendale.

 

***

Solidarietà operaia

La fase 2 per i capitalisti è avere la possibilità di licenziare, chiudere o delocalizzare aziende, minacciare e cercare di imbavagliare i lavoratori che denunciano la mancanza delle sanificazioni e dei DPI.
Per noi lavoratori la nostra fase 2 deve essere applicazione delle misure anti-contagio e per la sicurezza sul lavoro, stipendio pieno, stabilizzazione dei precari, tenere aperte e far funzionare le aziende, un piano nazionale di sviluppo del paese a partire dai settori strategici e fondamentali per la nostra vita!
Con la scusa della diffamazione e della “lesa immagine” dell’azienda (il cosiddetto “obbligo di fedeltà aziendale”) i padroni cercano di chiudere la bocca ai lavoratori: ma un conto è la diffamazione, altro conto è dire la verità, denunciare fatti veri, gravi e provati!
Segnalare e denunciare la non applicazione delle misure anti-contagio e per la sicurezza sul lavoro è non solo un nostro diritto, ma anche un nostro dovere: per tutelare la salute nostra e dei nostri famigliari, per tutelare la salute pubblica!
L’Assemblea di alcuni operai e delegati del settore siderurgico riunitasi on-line i giorni 28 aprile e 29 maggio esprime la sua solidarietà al lavoratore del settore sanità Marco Lenzoni che il giorno 9 giugno sarà costretto a comparire davanti alla Commissione Disciplinare dell’ASL a Livorno per aver applicato l’articolo 21 della Costituzione!

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...