[Lombardia] GLI AGNELLI-ELKANN CHIUDONO GLI STABILIMENTI! NESSUNO SI SALVA DA SOLO: ORGANIZZARSI E COORDINARSI PER TENERLI APERTI!

Operai non fatevi fregare! Ecco il risultato della scissione in CNH Industrial: annunciata chiusura degli stabilimenti di San Mauro (TO) e Pregnana Milanese (MI), ricorso alla cassa integrazione a Brescia e licenziamento di 50 operai con contratto a termine a Suzzara (MN). Ecco dove va parare ogni progetto di fusione o separazione di rami d’azienda che gli Agnelli-Elkann da 40 anni promuovono. Vogliono smantellare la produzione industriale in Italia e trasformare sempre di più FCA e annessi in un gruppo finanziario internazionale.
Questa è la realtà! Non abboccate ai complici del padrone che per tenervi buoni dicono che la situazione si aggiusterà: ricordatevi delle chiusure dell’Alfa Romeo e di Termini Imerese; guardate al disastro degli stabilimenti ex FIAT ancora attivi dove c’è un ingente ricorso alla cassa integrazione, ai contratti di solidarietà e la produzione è sul lastrico; o guardate al “piano Marchionne”: doveva rilanciare FIAT e invece è servito a togliere di mezzo i sindacati e le organizzazioni operaie che intralciavano i progetti del padrone, a fare più profitti con il minimo investimento, a uscire dal CCNL per avere mano libera nello spezzettare la produzione, mandare in rovina gli stabilimenti e peggiorare le condizioni di chi lavora.
Chiusura degli stabilimenti, cassa integrazione a profusione e regime da caserma per i “fortunati” che restano a lavorare: ecco la ricetta degli Agnelli-Elkann per preservare gli interessi della Exor e famiglia! Operai, il futuro è nelle vostre mani! Nelle mani dei 17.500 dipendenti che CNH Industrial ha in Italia. Bisogna prevenire le mosse dell’azienda, mobilitarsi e avere l’iniziativa in mano, stabilimento per stabilimento, reparto
per reparto, organizzandosi dal basso indipendentemente dalle tessere sindacali, come ci hanno insegnato i nostri nonni e padri con le gloriose lotte dei consigli di fabbrica durante il Biennio Rosso e l’Autunno Caldo. E come loro, se i padroni e i loro sgherri dentro la fabbrica vi impediscono di discutere e organizzarvi per risolvere i vostri problemi, allora iniziate col vedervi fuori dalla fabbrica!
Organizzatevi per vigilare sulle mosse del padrone, per migliorare le condizioni di lavoro e la sicurezza in azienda.
Uscite dall’azienda: allarmate la popolazione sugli effetti della chiusura dello stabilimento, coinvolgetela nella vostra lotta e legatevi ai movimenti popolari che si mobilitano per risolvere i problemi dei quartieri e della città, costringete gli amministratori locali ad adoperarsi concretamente in vostro sostegno.
Coordinatevi con gli operai degli altri stabilimenti del gruppo FCA e CNHi, a partire da quelli di San Mauro (TO), Suzzara (MN), Brescia per imporre al padrone e al governo M5S-PD-LeU un piano industriale che metta al primo posto la salvaguardia di posti di lavoro utili, dignitosi e sostenibili per l’ambiente.
Il Partito dei CARC sostiene ogni operaio o gruppo di operai di FCA e CNHi deciso a intraprendere questa strada.
Bando alla rassegnazione: difendere i posti di lavoro, prepararsi alla lotta! Vincere è possibile!
Lottiamo per imporre un governo d’emergenza delle masse popolari, in grado di garantire i nostri interessi perché espressione diretta del lavoratori, studenti, disoccupati e pensionati del nostro paese!
Non sono i padroni ad essere forti, ma è la classe operaia che deve imparare a far valere la sua forza!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] FESTA DI RISCOSSA POPOLARE ’24 DELLA FEDERAZIONE LAZIO DEL P.CARC

PROGRAMMA FESTA DELLA RISCOSSA POPOLARE 2024 SABATO 25 MAGGIO -...

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!