Si sviluppa la solidarietà con Rosalba e Vigilanza Democratica a seguito dell’appello che abbiamo lanciato il 24 gennaio agli organismi, partiti, collettivi e candidati alle prossime elezioni affinché sostenessero Rosalba con prese di posizione pubbliche e fotografie con i cartelli “io sto con Rosalba, basta abusi, basta impunità” e hanno risposto in tanti da un capo all’altro del paese. Organismi, RSU, lavoratori, collettivi, spazi sociali, gruppi ultras, parenti e amici degli assassinati dallo Stato, partiti, candidati e attivisti di liste popolari per le prossime elezioni (politiche nazionali e regionali della Lombardia) di Potere al Popolo e del M5S, artisti e intellettuali.

Tante voci che si sono levate per sostenere Rosalba e per sostenere una battaglia di giustizia, per la difesa del diritto di espressione sancito dall’articolo 21 della Costituzione, per l’introduzione del codice identificativo per gli agenti in servizio e di una effettiva legge su reato di tortura nell’ordinamento giudiziario, per lo scioglimento del VII Reparto mobile di Bologna.

 

 
 
 
Non staremo in silenzio davanti a questa ritorsione poliziesca e affronteremo questo processo lottando, passando da accusati in accusatori, con il preciso obiettivo di rivoltarlo contro chi ne è artefice e contro chi ne è mandante, per rafforzare la lotta contro l’impunità e gli abusi da parte delle forze dell’ordine!
 
Il 21 febbraio alle h.14.00 tutti davanti al Tribunale di Milano, in occasione della nuova e forse ultima udienza del processo!

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here