[Abbadia S. Salvatore] Giani, i falsi miti sulla geotermia e la campagna elettorale. L’Amiata è nostra e la difendiamo!

Mercoledì 29 Maggio, in occasione della campagna elettorale per le amministrative, è venuto ad Abbadia San Salvatore il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani per partecipare all’iniziativa promossa dalla lista civica del candidato sindaco Volpini (PD). Nonostante il ritardo di circa due ore, lo abbiamo “accolto” organizzando un flashmob insieme alle attiviste dei comitati ambientalisti dell’Amiata -Val d’Orcia con manifesti contro la geotermia, contro le opere speculative e inquinanti, contro la vendita del territorio a multinazionali e altre società private. Proprio Giani infatti vuole dare il definitivo consenso ad Enel per la costruzione di altre venti centrali geotermiche, trasformando l’Amiata in un Polo Industriale geotermico e a Sorgenia per la costruzione della centrale Le Cascinelle in Val di Paglia. Questo nonostante il piano energetico regionale abbia fissato a 100 MW il limite di sostenibilità socio-economica ambientale per il Monte Amiata, compromettendo l’acquifero, la qualità dell’aria e la salute della popolazione del territorio.

In Amiata la speculazione si manifesta con gli incentivi pubblici elargiti per la costruzione delle centrali geotermoelettriche esistenti e quelle in progetto, incentivi che incidono pesantemente sulle bollette che paghiamo; la speculazione distrugge la produzione, le infrastrutture, l’ambiente! E’ necessario attivarsi, Vigilare sull’operato delle amministrazioni locali e regionali, spingere le liste e chi si candida a fare gli interessi dei cittadini e delle masse popolari.

Nonostante la manifestazione pacifica dei partecipanti al flash mob fuori dal teatro, la nostra presenza ha dato fastidio, la vicesindaca ci ha addirittura accusato di aver spaventato eventuali persone che avrebbero voluto partecipare; evidentemente le masse che resistono “mettono paura” anche in un contesto piccolo come il nostro dove sembra che non succeda nulla, ma dove i cittadini ci sono eccome e sono liberi di esprimere il proprio dissenso!

In realtà la scarsa presenza alla iniziativa, nonostante personaggi della regione si alternino a fare visita ad Abbadia, anche Nardella, è da addurre alla debolezza del PD più che agli indomiti ambientalisti che disturbano.

Altra riflessione che possiamo fare in prossimità delle elezioni europee è quella che la propaganda vuole far passare l’energia geotermica come rinnovabile, come green e invece sappiamo che non è vero visto che studi ormai consolidati dimostrano che le centrali non producono energia pulita, non sono sostenibili né rinnovabili, i pozzi si esauriscono, sono rischiose, non servono, l’energia prodotta da energie rinnovabili sarebbe sufficiente, certo poi di mezzo c’è che, con questo falsa necessità ed urgenza di energia, si fomentano anche le guerre e si pregiudicano rapporti pacifici e di collaborazione con altri stati che nel paese che vorremmo, potrebbero garantire le risorse di cui abbiamo bisogno ma non è certo la politica che attua l’Europa!

P.CARC, sezione di Abbadia S. Salvatore

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Anche dai seggi elettorali si rilancia la riscossa

Lo scorso fine settimana si sono svolte le elezioni...

Solidarietà a Luciano Pasetti e a tutti i fermati di Piazza Duomo e non solo!

Lunedì 17 giugno p.v alle 14.00 presso il Tribunale...

[Siena] Duecento licenziamenti ad Amadori: insorgiamo!

Il Partito dei CARC, alla luce di quanto sta...

Le mobilitazioni contro il G7 in Puglia aprono la strada allo sviluppo della lotta

Da molti mesi, in particolare dopo la controffensiva della...