Dalle piazze del 16 dicembre di Non una di meno

Il 16 dicembre Non una di Meno (Nudm) ha tenuto iniziative e manifestazioni in tutto il paese raccogliendo la spinta a non fermarsi della marea umana che il 25 novembre scorso è scesa in piazza e che nei giorni successivi si è presentata alle assemblee territoriali per continuare a mobilitarsi prima e verso l’8 marzo.

Così il 16 dicembre trentasei piazze da nord a sud hanno manifestato, collegate da un filo rosso che si è tradotto in diversi contenuti: dallo smantellamento dell’apparato produttivo e peggioramento delle condizioni lavorative, passando per i tagli alla spesa pubblica, gli sgomberi di spazi collettivi, di consultori e centri anti violenza, fino alle misure repressive del pacchetto sicurezza del governo Meloni.

Le piazze del 16 dicembre

Al centro di tutte le piazze i diversi aspetti con cui il governo Meloni aggrava le condizioni di vita delle donne delle masse popolari proseguendo e aggravando le politiche lacrime e sangue già avviate dai precedenti governi delle larghe intese.

Roma Nella capitale NUDM ha portato in piazza la rivendicazione di tutto ciò che spetta alle donne delle masse popolari e per cui è necessario combattere: parità salariale, diritti sul lavoro, congedo di paternità, maternità garantita, diritto d’aborto, un sistema sanitario nazionale finanziato e non patriarcale, riforma della scuola, e molto altro ancora.

Nell’iniziativa molti interventi si sono susseguiti: sono intervenute le donne che combattono contro la chiusura del consultorio di via delle Sette Chiese causato dal silenzioso smantellamento per mano della Regione Lazio, è stato riportato il comunicato per la chiusura del Cav di Roma tre, che non ha previsto alcun bando di rinnovo; sono state portate nella piazza le lotte delle Operatrici OEPAC, figure invisibili e sottopagate delle scuole e, in conclusione, “abbiamo bruciato tutto quello che non vogliamo più, tutti i pezzi di un sistema patriarcale che opprime le nostre vite. L’ultima a bruciare è stata una panchina rossa, simbolo del pink washing di queste istituzioni che con le mani chiudono servizi e aumentano la precarietà sul lavoro, e con le parole si dichiarano dal lato delle donne”. La manifestazione si è chiusa rilanciando l’appuntamento ad un’assemblea pubblica che si terrà il 9 gennaio.

Milano A Milano un corteo molto partecipato ha sfilato per le vie della città fermandosi in diverse tappe: davanti al Comune per denunciare la situazione disumana che vige nei CPR – veri e propri lager di Stato; davanti alla Prefettura per lanciare un messaggio chiaro contro la guerra; davanti al palazzo della Stampa per denunciare l’intossicazione dei media mainstream; proseguendo il Boycottour, già avviato con le tappe del il 17 Novembre e del  12 Dicembre, con cui le manifestanti hanno sanzionato i marchi complici di Israele; e infine davanti all’Arcivescovado in un’azione di riappropriazione delle piazze e per fare luce sulle ingerenze quotidiane che il Vaticano porta avanti nei confronti dei diritti conquistati dalle donne nel nostro paese.

Bologna A Bologna la passeggiata rumorosa promossa da Nudm ha messo al centro l’istruzione, ribadendo la lotta contro le riforme targate Valditara: «sono i movimenti transfemministi a dover stare nelle scuole, nelle università e nei luoghi della formazione, non Valditara e le sue linee guida, che vorrebbero trattare la violenza di genere come un fatto apolitico di qualche malato».

Torino A Torino la questione centrale della manifestazione è stata invece il diritto alla salute. Le manifestanti hanno infatti attaccato uno striscione sotto l’ex sede della Regione Piemonte con la scritta «Lo Stato non ci cura. Salute transfemmista» e incollato scontrini e bugiardini di medicinali nel piazzale.

Toscana I nodi Nudm di Lucca, Pisa, Venezia, Viareggio, La Spezia, Lucca e Pisa si sono invece uniti al corteo contro l’estrattivismo sulle Alpi Apuane che si è tenuto a Carrara. Anche in questo caso il messaggio portato in piazza è stato chiaro: “Il sistema patriarcale che fa dei nostri corpi oggetti di dominio è lo stesso sistema capitalista che fa delle nostre terre territori di conquista da depredare e mettere a profitto”.

Organizzarsi sui luoghi di lavoro!

La giornata del 25 novembre e quella del 16 dicembre sono passi di un percorso che deve continuare e rafforzarsi! Che ha la responsabilità di non fermarsi e di far crescere la mobilitazione sedimentando organizzazione tra le donne delle masse popolari che si sono attivate, per farle proseguire e vincere!

Già queste iniziative hanno avuto ricadute nei diversi territori, in termini di mobilitazione delle donne, nell’aver instillato un maggiore senso di responsabilità in donne e uomini delle masse popolari, nell’aver mobilitato i collettivi studenteschi ecc. Da nord a sud del paese le iniziative e le mobilitazioni promosse da NUDM si combinano e si intersecano con le altre iniziative che mettono al centro la difesa dei posti di lavoro, della sanità e dell’istruzione dallo smantellamento, che combattono il sistema di intossicazione alimentato dai media di regime e la repressione che il governo Meloni attua sempre di più.

Il filo conduttore delle lotte messe in campo da NUDM, così come di quelle che imperversano da nord a sud nel paese, è il ruolo che le donne possono avere sui posti di lavoro e di studio per trovare subito soluzioni dal basso e alimentare l’ingovernabilità per la Meloni! Questa marea che non vuole arrestarsi riversiamola dentro ogni posto di lavoro perché le donne facciano valere il proprio peso e prendano in mano le soluzioni; promuoviamo l’organizzazione delle donne dentro le aziende, gli ospedali, le scuole; coinvolgiamo colleghe e colleghi per parlare dei problemi che ci sono a lavoro, per trovare soluzioni e metodi per applicare!

https://www.youtube.com/watch?v=SXOqi4WvCLM&t=5s
Organizzarsi sui luoghi di lavoro. Da dove cominciare?

Mettiamoci alla testa della lotta per non far chiudere le aziende, per fermare i licenziamenti, per avere parità salariale e migliori condizioni di lavoro e di vita tutti. Facciamo la nostra parte per difendere il diritto di sciopero praticandolo! Partecipiamo e chiamiamo a partecipare a tutti i prossimi scioperi, al di là della sigla sindacale che li promuove. Facciamo funzionare le scuole con i nostri programmi: insegnanti e studentesse promuovano iniziative di alfabetizzazione, antifasciste, sulla Palestina; promuovano progetti di alternanza che servono alla collettività, rafforzando i centri anti violenza e la vigilanza popolare nei quartieri, sabotando l’alternanza dei padroni e del governo, non lasciando in mano a chi ci reprime e opprime la nostra sicurezza!

Organizziamoci dentro gli ospedali per denunciare e sabotare le ingerenze del Vaticano, per lottare contro lo smantellamento del SSN e le condizioni precarie e di sfruttamento delle lavoratrici e dei lavoratori del pubblico, per organizzare ambulatori popolari nei quartieri. Organizziamo la nostra rabbia e il nostro amore per costruire una società diversa a partire da qui, per rendere ingovernabile ogni posto di lavoro alle istituzioni e ai padroni e prendere in mano la gestione della società. Organizziamo volantinaggi davanti alle principali aziende, davanti alle scuole e agli ospedali per soffiare sulla brace che cova sotto la cenere e alimentare la fiamma per bruciare tutto!

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...