Volantino per gli scioperi della Cgil e della Uil

Contro la finanziaria di guerra e contro il governo Meloni

Diamoci i mezzi per realizzare i nostri obiettivi

  • Scarica il file PDF

La finanziaria che serve alle masse popolari?

Lavoro stabile, sicuro e ben retribuito, aumento delle pensioni da fame e pensionamento dopo 35 anni di lavoro (anche meno per chi fa lavori usuranti), bonifica e manutenzione del territorio e delle infrastrutture, assunzioni e stabilizzazione dei precari, sistema sanitario pubblico, solidale e universale, istruzione pubblica e di qualità, promozione della giustizia sociale, un ambiente sano e sicuro, una politica di pace.
Sono le misure che occorrono per rimettere in sesto il paese. Non è vero che non ci sono i soldi: basta prenderli a chi si è arricchito sulla pelle e a spese dei lavoratori o sulle speculazioni finanziarie (le banche hanno aumentato i profitti nell’ultimo anno di 20 miliardi), basta smettere di pagare interessi su Bot e altri titoli del debito pubblico a ricchi, banche e finanziarie, basta farla finita con spese per armamenti, missioni di guerra (80 milioni di euro al giorno!), con i miliardi per grandi opere inutili e dannose.
Sono i diritti sanciti dalla Costituzione del 1948 e mai attuati, se non in modo limitato e con le lotte tenaci degli anni ‘60 e ’70 del secolo scorso.

Darsi i mezzi per realizzare i nostri obiettivi

Organizzarsi in ogni posto di lavoro. Costruire nuclei di lavoratori decisi a portare fino in fondo la lotta e allargare quanto più possibile la mobilitazione degli altri lavoratori attorno a questi nuclei: l’organizzazione è la nostra arma principale.
Fare rete. Coordinarsi a livello locale e nazionale con altre aziende in lotta, con altri nuclei di lavoratori, con studenti e organismi popolari, con movimenti ambientalisti e contro la guerra, con tecnici, esponenti della società civile e amministratori locali progressisti.
Una campagna di mobilitazioni decise e prolungate. Ogni metodo di lotta va bene, basta che sia efficace: non facciamoci legare le mani dalle leggi e dalle regole di gente che usa le masse come carne da macello nelle sue aziende e nelle sue guerre!
Usare lo sciopero generale in cinque giornate per preparare uno sciopero unico che fermi il paese, riempia la capitale e assedi il palazzo. Formare comitati autoconvocati, unitari e intersindacali, per promuoverlo.

Cacciare il governo Meloni e sostituirlo con un governo di emergenza popolare

L’alternativa a Meloni e compari non è un nuovo governo del Pd a guida Schlein magari con dentro anche il M5s di Conte: già visto, sarebbe la zuppa al posto del pan bagnato! Occorre un governo che sottopone i capitalisti a una legislazione d’emergenza, vieta la vendita di aziende a multinazionali straniere, nazionalizza le aziende lasciate andare in malora dai capitalisti, crea nuove aziende pubbliche o riconverte e amplia l’attività di quelle esistenti per fare il lavoro necessario a rimettere in sesto il paese e a riorganizzarne le attività in maniera ecocompatibile. Che fissa un salario minimo e lo introduce da subito nelle aziende statali o partecipate, che non manda qualche controllore ogni tanto, ma incarica le Rsu o altre organizzazioni di lavoratori di segnalare i capitalisti che fanno i furbi, che traduce in leggi le misure che caso per caso esse indicano per tutelare la sicurezza sul lavoro. Che ritira i soldati dalle missioni di guerra degli Usa/Nato con o senza copertura dell’Onu, che chiude le basi Usa e Nato ed esce dall’Alleanza Atlantica. In breve: un governo deciso ad attuare la Costituzione del 1948.

Non può essere un governo dei “soliti noti”. Dev’essere un governo d’emergenza, composto da persone di fiducia degli organismi operai e popolari, cioè di chi la Costituzione ha interesse ad applicarla contro quelli che per decenni l’hanno aggirata e apertamente violata. Per tirarci fuori dal disastro, per realizzare i nostri obiettivi, per attuare la Costituzione del 1948 bisogna che noi lavoratori, giovani, donne e pensionati impariamo a governare il paese!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!