Volantino per le manifestazioni del 21 ottobre contro la guerra

  • Scarica il PDF

I servi della Nato e dei sionisti non ascoltano le piazze, le piazze devono prendere il loro posto e governare

Cacciare il governo Meloni e imporre un governo di emergenza popolare

I sionisti, gli imperialisti Usa ed europei stanno trascinando il mondo in un vortice di guerra. Per agire con maggiore libertà intossicano l’opinione pubblica con informazioni manipolate e propaganda a senso unico.
In tutti i paesi del mondo le masse popolari si sollevano contro la guerra e in solidarietà con il popolo palestinese e queste mobilitazioni vengono vietate, represse, oscurate dai media. Ma soprattutto sono completamente inascoltate.
La più efficace mobilitazione contro la guerra della Comunità Internazionale degli imperialisti e dei sionisti che possiamo compiere noi in Italia – ed è anche il più forte e concreto atto di solidarietà con il popolo palestinese – è mobilitare tutte le forze disponibili, quale che sia il motivo specifico che mette in moto ognuna, per cacciare il governo Meloni, sottomesso agli Usa, alla Nato, alla Ue e alleato e complice dei sionisti.
Gli aerei Usa che riforniscono l’esercito sionista partono da (o si appoggiano a) Sigonella, in Sicilia. A Ghedi e ad Aviano si svolgono esercitazioni per la guerra nucleare. A Niscemi i sistemi di comunicazione militare sostengono le manovre contro la Federazione Russa. Sono tutti esempi del fatto che l’Italia è già in guerra!

Le manifestazioni del 21 ottobre a Ghedi, Pisa, Palermo e Trieste contro il vortice di guerra promosso da Usa e Nato, contro le basi e le installazioni militari, contro l’economia di guerra; lo sciopero generale indetto dai sindacati di base il 20 ottobre, le manifestazioni contro la guerra che si svolgeranno il 4 novembre, lo sciopero del settore siderurgico indetto da Cgil, Cisl e Uil, con manifestazione a Roma, il 20 ottobre, la miriade di manifestazioni in solidarietà con il popolo palestinese… e la miriade di mobilitazioni sparse in tutto il paese per la difesa della scuola e dell’università, della sanità pubblica e dei territori, contro le speculazioni e la devastazione ambientale. Ognuna di esse è lo strumento per alimentare la mobilitazione contro il governo Meloni e per svilupparla fino a vincere, fino a cacciare dal governo i servi della Nato, degli Usa e della Ue e i complici dei sionisti.
Formare un governo che rompe il vortice della guerra degli imperialisti, che si schiera senza se e senza ma al fianco del popolo palestinese, che squarcia il muro di gomma della propaganda di regime e di guerra, che toglie un puntello essenziale alla Nato, ai sionisti e alla Ue. Questo è quello che possiamo e dobbiamo fare. Perché i servi della Nato e dei sionisti non ascoltano le piazze. Allora le piazze devono unirsi e coordinarsi per prendere il loro posto e governare.

Il P.CARC porta in ogni contesto, in ogni ambito, in ogni piazza, azienda, scuola e territorio la parola d’ordine unitaria e unificante “cacciare il governo Meloni e imporre un governo di emergenza popolare”.
Unitaria, perché cacciare il governo Meloni è l’obiettivo che in questa fase racchiude tutte le lotte.
Unificante, perché imporre un governo di emergenza popolare è l’obiettivo politico che rende realistiche tutte le rivendicazioni dei lavoratori e le masse popolari.
Abbiamo l’opportunità – e pertanto il compito – di dare una direzione unitaria alla resistenza delle masse popolari – sviluppare al massimo livello l’unità nella protesta e l’unità nella proposta – e di dare sbocco politico alle giuste rivendicazioni delle masse popolari.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] LIBERTÀ PER SEIF BENSOUIBAT

Libertà per Seif Bensouibat Nella giornata di giovedì 16 maggio...

Sulla candidatura di Ilaria Salis nella lista Avs per le elezioni europee

La candidatura di Ilaria Salis ha aperto un ampio...

Solidarietà a Rubio

Il ruolo dei sionisti in Italia

Le bugie della Meloni

Le masse popolari hanno una sola strada: prendere il governo del paese