VI Congresso Partito dei CARC – Federazione Campania – AVANTI UNITI!

Il Partito dei CARC – Federazione Campania invita a partecipare al Congresso federale campano del Partito che si terrà a Napoli, venerdì 10 marzo 2023 dalle ore 17:00, presso presso lo Spazio XXXI nella Galleria Principe di Napoli.

Tre anni di pandemia. Poi, da un anno, il nostro Paese coinvolto, al carro degli USA e della NATO, nella guerra in Ucraina e nelle sanzioni contro la Federazione Russa, i cui effetti di scarico sociale pesano sulle spalle delle masse popolari.

È la guerra cui conduce la crisi generale del sistema capitalista, che tracima sempre più in crisi politica e sociale dei regimi borghesi.

Per le caratteristiche peculiari del nostro Paese, significa che la classe dominante ha sempre maggiori difficoltà a dare un indirizzo unitario allo Stato e a tenere sottomesse e “al proprio posto” le larghe masse.

Il distacco delle masse popolari dai partiti, dagli enti, dalle istituzioni della classe dominante si approfondisce e cresce la mobilitazione spontanea contro gli effetti della crisi. Una mobilitazione in mille forme e modi, diffusa, ma non ancora sufficientemente coordinata.

Al momento, non c’è, difatti, una mobilitazione generale e dispiegata contro la guerra e contro il governo di guerra. Questo permette a Giorgia Meloni di arrampicarsi sugli specchi: colleziona “figure barbine” (vedi le promesse non mantenute sulle accise sul carburante) e incolpa altri delle sue responsabilità (ad esempio i benzinai per i rincari sul carburante).

Per svilupparsi ulteriormente, la mobilitazione delle masse popolari necessita di un centro autorevole che si faccia carico di organizzarla e dirigerla. Un fronte composto dalle organizzazioni politiche, sindacali e dalle organizzazioni di base contrarie ai governi espressione della classe dominante può assumere questo compito. La questione di fondo, quindi, non è sperare che la mobilitazione si estenda e salga di tono e aspettare che succeda, ma partecipare attivamente e in maniera unitaria al movimento che la fa crescere.

L’unico sbocco di questa crisi non può che essere politico. Questo l’aspetto decisivo di dibattito e mobilitazione per tutte le organizzazioni politiche, sindacali e di massa contrarie al governo Meloni e a ogni governo espressione della classe dominante del nostro Paese.

Lo sbocco politico necessario non può che essere un governo di emergenza popolare, espressione delle masse popolari organizzate, della sinistra sindacale e sindacati di base e delle organizzazioni politiche che si contrappongono al sistema politico delle Larghe intese. Comporta, pertanto, di organizzarsi, coordinarsi e mobilitarsi a questo fine. Occorre imporlo. Occorre dare così più deciso impulso al processo di costruzione della rivoluzione socialista nel nostro Paese. Questo è il compito dei comunisti in questa fase. Non altro.

Il VI Congresso del Partito dei CARC vuol essere occasione di un lavoro politico ampio, fatto di dibattito, confronto, scambio di osservazioni e critiche. Un congresso aperto e così concepito. Non una dichiarazione d’intenti, ma una necessità storica.

Si deve tornare a discutere di politica, di lotta, di presa del potere politico. A questa discussione vogliamo contribuire e chiamiamo a contribuire tutti quanti intendano porre fine al corso disastroso delle cose. Chiamiamo, pertanto, a partecipando e intervenire al dibattito congressuale della Federazione Campania del P.CARC.

Avanti uniti! | VI Congresso del Partito dei CARC – Federazione Campania

Venerdì 10 marzo 2023, ore 17.00, a Napoli!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!