L’operazione Lince è una porcata giudiziaria contro chi lotta e si organizza!

Il 31 marzo si terrà una nuova udienza del processo per l’operazione Lince, operazione poliziesca e giudiziaria orchestrata a danno degli attivisti che in Sardegna lottano contro la presenza dei poligoni militari NATO, causa dell’inquinamento e della devastazione ambientale di gran parte dell’isola. Il P. CARC è solidale con i compagni inquisiti e si unisce al coro di protesta e denuncia della porcata giudiziaria che l’operazione Lince rappresenta: con accuse gravi come associazione sovversiva e terrorismo, la procura di Cagliari cerca di colpire duramente e mandare un messaggio intimidatorio a chiunque si voglia mobilitare contro la NATO e l’abuso del territorio sardo. Lo scempio dell’assoluzione di 8 tra generali e colonnelli imputati nel processo sui “Veleni di Quirra” la dice lunga sull’orientamento della giustizia quando si parla di difendere gli interessi della NATO e dei gruppi imperialisti USA e UE che fomentano la guerra in tutto il mondo. La politica espansionista della NATO ha trovato in Sardegna una forte opposizione negli ultimi anni e oggi è sempre più evidente il ruolo che gioca la NATO a guida USA nell’alimentare una guerra su suolo europeo (basi NATO sono presenti nei paesi Baltici, Romania e Polonia, esercitazioni di “deterrenza” verso la federazione Russa sono state promosse per anni nel Mar Baltico, nel Mar Nero e nei paesi scandinavi), che si aggiunge a quelle già promosse in Medio Oriente e Africa.

Per l’occasione abbiamo intervistato Antonella Piras, di Madri contro la repressione – contro l’operazione Lince, qui il podcast

Ricordiamo i prossimi appuntamenti in Sardegna per alimentare la lotta di liberazione dall’occupazione militare della NATO, dalla guerra e dalla repressione:

31 Marzo ore 9.00: presidio presso il tribunale di Cagliari in solidarietà ai compagni colpiti dall’operazione Lince

1 Aprile: presidi contro la guerra a Cagliari, Sassari, Nuoro, San Sperate

3 Aprile ore 13.00: Pranzo di solidarietà – contro l’occupazione militare al circolo Sa Bena (Nuoro)

9 Aprile ore 15.00: Marcia popolare contro la guerra, presso l’aeroporto militare di Decimomannu

22 Maggio: Corteo contro la guerra! Partecipa alle assemblee di organizzazione

Chi accusa di violenza e terrorismo chi lotta e si organizza tira invece bombe, muove carri armati e inquina interi territori con l’uranio impoverito: terrorista è chi promuove la guerra!

Solidarietà ai compagni inquisiti!

Cacciamo il governo Draghi, i gruppi imperialisti UE e quelli USA-NATO e sionisti: non un uomo, né un soldo né un centimetro di territorio per le loro guerre!

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...