Denunciati per uno striscione contro Mario Draghi

Reggio Emilia. Il 24 aprile i compagni della Federazione Emilia Romagna sono stati denunciati per aver affisso uno striscione contro la presenza di Draghi a Reggio Emilia. Quella che segue è una breve intervista al Segretario federale Andrea Scarfone, che ci racconta quanto successo e con cui ragioniamo di resistenza alla repressione.

Siete stati denunciati… è vietato contestare Draghi?

Abbiamo deciso di attaccare in centro a Reggio Emilia uno striscione con scritto “Il boia Draghi con i fratelli Cervi non ha nulla a che fare, serve una nuova liberazione nazionale!” perché Draghi sarebbe andato a parlare a Casa Cervi, simbolo della resistenza antifascista della città e di tutto il paese. Finita l’affissione, siamo stati subito avvicinati da una pattuglia della polizia, a cui poi è subentrata la Digos, che ci ha identificati e ci ha sequestrato lo striscione. In seguito siamo venuti a sapere che ci hanno addirittura denunciati per “oltraggio al corpo politico dello Stato”.
È abbastanza inusuale che non appena messo lo striscione – attività di per sé innocua, nel senso che non abbiamo fatto niente di pericoloso – subito siamo stati intercettati dalle Forze dell’Ordine. Evidentemente un messaggio come quello che abbiamo scritto è pericoloso perché dice la verità…
Questa operazione è un chiaro attacco alla libertà d’espressione sancita dalla Costituzione che i comunisti devono difendere praticandola!

C’è da dire che da quando Draghi si è installato gli attacchi repressivi sono aumentati un po’ in tutto il paese. Vuoi parlarci della situazione in Emilia Romagna?

Una premessa: l’Emilia Romagna è governata da un sistema mafioso e poliziesco con alla testa il PD, in cui la ‘ndrangheta sguazza con il benestare di tutto il ceto politico locale e nazionale. Quello che questo sistema proprio non può tollerare è il grande sommovimento e le mobilitazioni di cui si stanno rendendo sempre più protagoniste le masse popolari.
Un esempio su tutti è la lotta dei facchini della logistica. Bloccare per settimane i magazzini di Bologna e Piacenza, significa mettere in ginocchio l’intera filiera logistica del paese. La risposta della classe dominante si è tradotta, in questo caso, in denunce, manganellate e arresti a danno dei dirigenti locali e iscritti del Si Cobas.
Altro esempio sono i maxi processi in corso a Modena a danno di decine di operai, sempre del Si Cobas, che negli scorsi anni hanno fatto valere il loro diritto a scioperare.
A Carpi decine di compagni della rete antifascista cittadina sono attualmente sotto processo per aver contrastato un presidio di Forza Nuova nel 2016: secondo la Procura di Modena, infatti, cantare Bella Ciao è diventato un reato!
Quello emiliano è un sistema rodato di repressione ai danni delle masse popolari che si organizzano dentro e fuori i posti di lavoro. Prova ne sono i licenziamenti politici delle RSU di vari settori (sanità, metalmeccanica, agroalimentare, ecc.) che si susseguono con ritmo crescente: quella dei vincoli di fedeltà aziendale è una legge che serve ai padroni per colpire chi svela le loro malefatte. La lista è lunga…

Anche se la Federazione Emilia Romagna si è costituita da poco tempo, pure il lavoro di radicamento del Partito è stato oggetto di provocazioni e tentativi repressivi…

La nostra Federazione si è costituita da poco, ma il Partito ha un intervento storico in Emilia, un intervento costellato da attacchi repressivi di varia portata e intensità.
Al momento abbiamo ancora in corso un processo a un nostro compagno che il 25 aprile del 2014, insieme ad altre decine di antifascisti, si mobilitò per impedire le scorribande di Salvini a Reggio Emilia… ma, oltre ai processi, mi preme segnalare anche manovre meno appariscenti, attenzioni e intimidazioni che si sono susseguite negli ultimi mesi, in particolare da quando abbiamo iniziato a intervenire con ordinarietà a Bologna. Tra queste, due identificazioni “sospette”. A margine di due manifestazioni in città – quella del 18 dicembre 2020 del Si Cobas e quella dello scorso 26 marzo sulla sanità promossa da USB – alcuni nostri compagni sono stati identificati dalla Digos. Sono “episodi minori”, ma il messaggio è chiaro e non intendiamo sottovalutarlo… In ultimo, vi è stato il tentativo della Digos di interrogare illegalmente uno dei compagni denunciati per lo striscione del 24 aprile, che era andato in Questura a ritirare la notifica di sequestro…
Il principio che adottiamo è che ogni abuso poliziesco, grande o piccolo, deve essere subito denunciato! Non è una questione che riguarda il singolo che lo subisce, ma noi tutti… pratichiamo e promuoviamo la vigilanza democratica!

Ecco, approfondiamo un attimo questo aspetto: cosa vuol dire rivoltare la repressione contro chi la promuove?

Un obiettivo della repressione è isolarti. Respingere l’attacco del nemico significa quindi tessere la più ampia rete possibile di solidarietà di classe, così da minare le fondamenta dell’attacco stesso. La solidarietà di classe è il filo che unisce ogni singola lotta ed esperienza…
La repressione mostra qual è il vero volto della classe dominante; mostra come è divisa la società, aiutandoti ad individuare chi è il tuo nemico, ma soprattutto chi sono i tuoi alleati. Far ricadere il masso sulla testa di chi lo ha sollevato significa trasformare la repressione in uno strumento per l’organizzazione e il coordinamento operaio e popolare.
Ulteriore passo è trattare la repressione come una questione politica, una questione di ordine pubblico. Giusto usare ogni via, anche quella legale – anzi, questo è molto importante – ma non ci si deve mai affidare alla clemenza o allo spirito democratico del procuratore o del giudice. Bisogna invece passare da accusati ad accusatori: ci accusano di aver oltraggiato il corpo politico dello Stato, ma il vero oltraggio sono le quotidiane morti sul lavoro, lo sfruttamento selvaggio, la devastazione ambientale e il bavaglio con cui provano a limitare/impedire la libertà di espressione conquistata con la resistenza antifascista.
Alle intimidazioni ricevute abbiamo risposto organizzando, tra l’altro, anche iniziative di formazione sulla lotta e resistenza alla repressione aperte a tutti, con l’ausilio del Piccolo Manuale di Autodifesa Legale. Saper prevenire gli abusi delle Forze dell’Ordine, sapersi muovere in piazza, ecc. sono aspetti utili a tutti coloro che in questi anni e mesi stanno lottando contro gli effetti più catastrofici della crisi e a quanti fanno militanza politica e sindacale.

Ma per farla finita davvero con la repressione dei padroni e dei loro servi dobbiamo farla finita con questa società da loro diretta e gestita a tutela dei propri esclusivi interessi.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...

[Bologna] Besta: far crescere le radici del protagonismo popolare

Il comitato Besta, che da mesi porta avanti una...