Whirlpool, ex-ILVA, ecc… La sovranità nazionale appartiene alla classe operaia

La sinistra borghese fa coincidere i termini “nazionalismo” e “sovranismo”, ma le masse popolari hanno interesse a tenerli ben distinti.

Il nazionalismo è la politica promossa dalla borghesia imperialista per intruppare le masse popolari nella mobilitazione “per difendere la nazione”. Si tratta di una forma di mobilitazione reazionaria.
Il nazionalismo è lo strumento con cui la borghesia imperialista contrappone, ad esempio, gli operai italiani agli operai che vivono e lavorano in Germania, in Francia, in Spagna e, in Italia, gli operai “di razza italiana” (sic!) agli operai che provengono da altri paesi. È nutrimento per la guerra tra poveri.

Il sovranismo, termine “scippato” dalla Lega e da altri partiti di destra, è la politica per cui chi vive e lavora in un dato paese decide la politica di quel paese.
L’Italia deve essere un paese sovrano. A decidere la politica italiana non devono essere gli speculatori della finanza e i banchieri di Strasburgo, le multinazionali USA, la NATO o i cardinali del Vaticano.
Nella lotta per impedire il saccheggio e la distruzione dell’apparato produttivo e per difendere i posti di lavoro, il discorso diventa chiarissimo.
Whirlpool, multinazionale USA, decide di chiudere lo stabilimento di Napoli e di lasciare in mezzo alla strada i 400 operai che vi lavoravano. Il governo Conte chiede timidamente la disponibilità a trattare e riceve picche come risposta. Non serve essere dei geni o dei rivoluzionari per capire che l’azienda deve essere espropriata, nazionalizzata e rimessa in funzione secondo le esigenze e gli interessi delle masse popolari italiane, ma il servile governo Conte dice che “non si può”.
Bene, chi comanda? La multinazionale USA o il governo italiano? O meglio, per conto di quali interessi opera il governo italiano: per quelli della multinazionale USA o per quelli dei lavoratori e delle masse popolari del nostro paese?
Discorso simile vale per l’ex-ILVA di Taranto. Abbiamo pubblicato su Resistenza n.1/2021 un articolo in cui diciamo: badate che quella che viene spacciata come “nazionalizzazione” è un regalo alle multinazionali e un’ulteriore sottomissione del governo ad Arcelor Mittal. Ma insomma, che il paese sia in grado di produrre acciaio, di produrlo in modo sicuro e compatibile con l’ambiente è cosa che riguarda il futuro del paese e delle masse popolari o riguarda solo il fatturato di una multinazionale?

Dunque, al paese serve un governo deciso a recuperare la sovranità nazionale che opera nell’interesse delle masse popolari italiane e sviluppa relazioni di reciproco scambio e solidarietà con altri popoli, non un governo nazionalista.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...