Abbonamento a Resistenza

In tanti ci chiedono perché continuiamo a stampare Resistenza nell’epoca dei contenuti multimediali e degli smartphone. Non sarebbe più semplice e immediato far circolare gli articoli su internet e whatsapp? A parte il fatto che facciamo già circolare gli articoli su ogni piattaforma, ci ostiniamo a stampare Resistenza perché nessuna tecnologia, per quanto diffusa, sostituisce la diffusione militante nelle aziende, nelle scuole e nei quartieri. Perché oltre alla propaganda intesa come la diffusione di idee e prese di posizione, i comunisti hanno bisogno di una propaganda che apre le porte all’organizzazione, hanno bisogno di fare inchiesta (raccogliere i pensieri e i sentimenti delle masse popolari), di suscitare discussione e confronto; tutte cose che limitandosi alla tecnologia possono essere fatte solo in parte e principalmente a livello individuale anziché collettivo. Quindi continuiamo a stampare Resistenza e a diffonderlo “alla vecchia maniera”, a promuovere presentazioni, letture collettive e discussione degli articoli, a proporre abbonamenti con consegna a mano o attraverso la spedizione a casa perché è anche attraverso il giornale e l’uso del giornale che si costruisce il Partito e si rafforza la sua rete fra i lavoratori e le masse popolari.

A proposito dell’abbonamento, cogliamo l’occasione per informare che nel 2020 verrà ripristinata la validità in base all’anno solare: ogni abbonamento ha validità fino a dicembre 2020 indipendentemente da quando viene sottoscritto. La decisione è motivata dalla necessità di gestire un numero crescente di abbonamenti e di impostare in modo più preciso le campagne per il rinnovo in determinati e specifici periodi dell’anno. Il prezzo dell’abbonamento rimane invariato: 20 euro l’ordinario, da 20 euro in su quello sottoscrittore, da 50 euro quello sostenitore.

L’importo va versato sul Conto Corrente Bancario – IBAN: IT79 M030 6909 5511 0000 0003 018 intestato a Gemmi Renzo oppure tramite Postepay n. 5333 1710 9377 5704, intestata a Gemmi Renzo.

 

Tessere simpatizzanti

Da quest’anno è possibile sottoscrivere la tessera simpatizzanti con il versamento di una quota annuale di 10 euro per studenti proletari e disoccupati, 20 euro per lavoratori e pensionati, 50 euro per la tessera simpatizzante e l’abbonamento a Resistenza per il 2020. La quota annuale va versata alla sezione territoriale (o alla Segreteria Federale) di riferimento oppure al Centro Nazionale attraverso gli stessi metodi indicati per l’abbonamento a Resistenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here