Il 26 e 27 gennaio si terrà il V Congresso del P. CARC, a Firenze, presso la Casa del Popolo “Il Campino”, via Caccini 13B. Nel periodo trascorso tra il IV Congresso e oggi (dal 13-14 giugno 2015) il P. CARC si è dotato di nuovi strumenti per condurre la sua attività e alimentare la lotta di classe. Tra questi, c’è la creazione di una piccola “redazione” che producesse pezzi di propaganda utili a dare una chiave di lettura diversa della realtà e degli avvenimenti di più stretta attualità (lotta al disfattismo e alle tesi sbagliate della Sinistra Borghese che “vede tutto nero”, orientamenti sintetici sui maggiori avvenimenti politici e di attualità ma che non si limitassero alla denuncia ma dessero una visione di prospettiva, approfittare degli anniversari di avvenimenti storici legati al movimento comunista per riprendere il bilancio della prima ondata della rivoluzione proletaria e come utilizzarlo oggi…), rilanciare le lettere di nostri compagni, simpatizzanti e collaboratori sulla propria esperienza con l’attività di Partito o in generale riflessioni sulla lotta di classe in corso dando risposte ai loro quesiti, riprendere comunicati e articoli scritti da altri organismi mettendone in luce gli aspetti positivi e negativi ai fini della lotta di classe in corso per sviluppare un dibattito franco e aperto, propagandare le esperienze più significative di lotta delle Organizzazioni Operaie e Popolari. L’Agenzia Stampa del P. CARC “Staffetta Rossa” sull’onda di questi obiettivi cresce e si rafforza. Alla luce di questo sviluppo, vogliamo affrontare un aspetto del bilancio della nostra attività che sia utile per far comprendere i risvolti anche organizzativi del nostro collettivo e alimentare in questo modo l’utilizzo dello strumento “Agenzia Stampa” da parte delle sezioni e delle federazioni del Partito, e la collaborazione anche di chi ci guarda con interesse.

Come dicevo, l’Agenzia Stampa “Staffetta Rossa” è stato un contenitore di numerose esperienze e attività. Via via come collettivo abbiamo stimolato altri compagni a elaborare articoli, riflessioni, pezzi di propaganda legati al loro ambito specifico di lavoro, legati alle esperienze di mobilitazioni nazionali e riguardo al proprio percorso di trasformazione in comunisti. Il contributo dei compagni “esterni” al collettivo dell’Agenzia Stampa è progressivamente aumentato, così come è stato creativo l’utilizzo degli articoli stessi, ne riportiamo sinteticamente alcuni:

Potremmo fare decine di altri esempi, legati agli oltre 750 articoli e pezzi di propaganda che l’Agenzia Stampa del P. CARC ha rilanciato dal maggio 2016 ad oggi, che hanno visto il contributo di molti compagni (quindi un impegno maggiore di militanti del Partito che si sono cimentati nell’elaborare la propria esperienza e metterla al servizio del Partito nazionale, in questo caso dell’azione di propaganda, “liberando” tempo per i compagni del collettivo redazionale che hanno potuto dedicare ad altri compiti di partito), che sono stati di orientamento per iniziative territoriali su fatti di attualità, nell’ambito del lavoro operaio e sindacale (riportando esperienze di organismi operai, ecc), su temi legati alla storia del movimento comunista; molti articoli hanno fatto riflettere alcuni compagni sul proprio ruolo nel partito, e sulla base di quei ragionamenti hanno fatto passi avanti nell’assunzione di responsabilità, altri sono stati da stimolo per le Organizzazioni Operaie e Popolari con cui siamo in contatto per fare un bilancio della propria esperienza e rilanciare dalle posizioni conquistate nuove battaglie; altri articoli hanno alimentato la collaborazione con il (n)PCI e rafforzato quindi il legame tra i due partiti; molti articoli, infine, sono serviti a sciogliere dubbi e perplessità sulla nostra linea, hanno infuso fiducia nei compagni che hanno la falce e martello nel cuore, hanno dato una prospettiva.

Certo, abbiamo ancora da migliorare: possiamo ancora allargare la rete di collaboratori che ci riportano esperienze dai propri “posti di combattimento” e avere quindi voce su molte più esperienze riguardo la lotta di classe, possiamo elevare il contenuto degli articoli andando più a fondo su alcuni temi, possiamo e dobbiamo intervenire più tempestivamente sugli aspetti che riguardano la politica e l’attualità, dobbiamo elevare il dibattito franco e aperto con le altre organizzazioni rendendo i nostri articoli fruibili di più e meglio ai compagni che vogliono sinceramente l’unità dei comunisti e confrontarsi su cosa vuol dire, ragionare sulla prospettiva del socialismo e sui compiti dei comunisti oggi, andare più nel concreto e rompere con lo stile “stereotipato”.

L’esperienza del lavoro del nostro collettivo redazionale dimostra concretamente come la propaganda può essere strumento di organizzazione e che tutti possono contribuire alla lotta di classe partendo da ciò che fanno (anche un “semplice” resoconto di una iniziativa può essere strumento di discussione), che l’attività di propaganda se usata con creatività può essere strumento di organizzazione, attraverso il quale nuovi compagni imparano ad elaborare la propria esperienza e si formano sulla traduzione della linea dal generale al particolare, altri la utilizzano per organizzare e mobilitare singoli e organismi, altri per rafforzare il legame con altre organizzazioni che raccolgono la base rossa, altri per stimolare l’emulazione socialista di alcune delle esperienze di lotta di classe più importanti del paese.

Con questo breve contributo salutiamo il V Congresso del P. CARC, che sia foriero di nuove e importanti conquiste, facendo appello a vecchi e nuovi compagni a contribuire al meglio ai lavori congressuali.

Viva il V Congresso del P. CARC!

Avanti verso l’instaurazione del Governo di Blocco Popolare e del Socialismo!

 

La “Staffetta Rossa”, Agenzia Stampa del P. CARC

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here