[Amatrice] Il punto delle Brigate di Solidarietà Attiva sulla risoluzione dell’emergenza casa

Raccogliamo e condividiamo dalle Brigate di Solidarietà Attiva!

***

ASSEGNAZIONE DEI SAE AD AMATRICE: davvero è andato tutto così bene come ci dicono?

Si è conclusa l’assegnazione delle prime 25 casette pronte ad Amatrice.
25 casette a fronte di una richiesta ben più alta tantochè il Comune, non riuscendo a stabilire criteri precisi per l’assegnazione, ha deciso di estrarre a sorte i “fortunati”: per gli altri ancora attesa, ma c’è già chi rinuncia per autorganizzarsi diversamente.

Pubblichiamo qua un video: il clima è molto teso, la gente arrabbiata, per la situazione di disagio già esistente e, come è evidente, per lo stato delle casette. Raccontare la verità con foto e video è il sistema migliore, secondo noi.

Le casette sono 25, solo alcune sono in condizioni degne: una parte ha muffa e crepe. La maggior parte non hanno ancora l’allaccio alla corrente elettrica, le caldaie non funzionano: ci viene assicurato che nei prossimi giorni verranno sistemati tutti gli allacci. Ci pare il minimo visto i tempi e i costi, ma ricordiamo che le ditte vincitrici del bando di costruzione dei costosissimi SAE sono coinvolti e addirittura condannati e arrestati per Mafia Capitale, quindi alcune vergogne e speculazioni sulla pelle dei terremotati erano purtroppo più che prevedibili.

Una signora anziana scoppia a piangere:
“Ho perso tutto nel terremoto e ora mi dovete consegnare una casetta in questo stato”.

Siamo sconvolti da quanto sta invece uscendo dai media nazionali, come se tutto fosse straordinariamente riuscito. Allora, a modo nostro, facciamo da megafono all’unica voce che ci interessa, quella dei terremotati.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Discussione – Liberare Firenze da speculatori e guerrafondai!

Come Federazione Toscana del P.CARC abbiamo organizzato un incontro...

Intervista a Jamal Suboh – Palestinese di Gaza che vive in Italia

"Israele non è uno Stato, è un'occupazione"

Strage di Bargi. Una mattanza chiamata lavoro

Basta subire passiamo all'attacco!

Sulla conferenza teorica sulle crisi economiche dell’imperialismo di Amsterdam

Sulla lotta tra l’instaurazione del socialismo e la decadenza del capitalismo