[Italia] In morte di Adriana Chiaia

Ieri è morta a Milano la compagna Adriana Chiaia (1926-2016).

Il Partito dei CARC e le Edizioni Rapporti Sociali la ricordano per il contributo che ha dato alla rinascita del movimento comunista.

Il comunismo è il futuro dell’umanità.

ciaia

***

Edizioni Rapporti Sociali (ERS)

IL PROLETARIATO NON SI E’ PENTITO

In molti ricorderanno questo testo. Una presa di posizione decisa sulla battaglia contro la dissociazione e il pentitismo del Coordinamento dei Comitati contro la Repressione. Un testo che si schiera apertamente al fianco dei rivoluzionari prigionieri. Al fianco di quanti non avevano e, tra chi è sopravvissuto, tutt’ora non ha rinnegato il proprio passato. Il principio affermato era quello della solidarietà proletaria e che il proletariato non può pentirsi dalla sua condizioni di classe, che è questa condizione di classe che spinge continuamente i proletari a organizzarsi e a lottare per costruire una nuova e superiore era.

Adriana Chiaia, l’autrice del testo editato nel 1984 dalla Giuseppe Maj Editore (oggi ERS) è stata una compagna che ha lottato per tutta la vita. La ricordiamo battagliera e sempre in prima linea nella lotta contro la dissociazione e le carceri speciali, nella lotta per il sostegno alla Cuba socialista, nella lotta contro il revisionismo moderno e le falsificazioni nella ricostruzione storica del movimento comunista internazionale. Una militanza comunista che mai s’è interrotta.

La compagna Adriana non si è arresa di fronte alla repressione che nel 1985 l’ha portata nel carcere speciale di Voghera, alle intimidazioni e neanche di fronte al corso degli anni e alle malattie. Come nel suo stile, nella sua condotta morale e intellettuale ha dato battaglia fino alla fine. Un esempio di spirito rivoluzionario che rafforza i lavoratori e le masse popolari che lottano per costruire la rivoluzione socialista nel nostro e per la rinascita del movimento comunista internazionale. Un esempio e un insegnamento che la costruzione della rivoluzione dipende da ognuno di noi.

Ciao Adriana, alziamo in alto la bandiera rossa del socialismo!

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...