25 Aprile a Milano

Non dare tregua ai guerrafondai e agli usurpatori della Resistenza

Con una pretestuosa polemica sul fatto che in Palestina non sarebbe in corso un genocidio, all’inizio di marzo il filo-sionista Roberto Cenati si è dimesso dalla presidenza dell’Anpi di Milano. La notizia ha dato la stura alla comunità sionista che, indossando i panni della vittima sacrificale, ha lanciato l’allarme per “probabili aggressioni da parte dei sostenitori della Palestina” durante il corteo del 25 Aprile a Milano.

La verità è che già da alcuni anni i tentativi di trasformare il corteo del 25 Aprile nella passerella degli imperialisti, dei sionisti e dei guerrafondai, a opera del Pd, della comunità sionista italiana e della cordata Cenati dell’Anpi avevano oltrepassato il segno e hanno ricevuto la dovuta accoglienza: alle contestazioni circoscritte al passaggio della Brigata ebraica con le bandiere di Israele si sono via via aggiunte contestazioni più ampie e aperte. Negli ultimi due anni lo spezzone dei servi della Nato ha avuto parecchie difficoltà a posizionarsi e a sfilare.

Il loro ruolo di usurpatori del corteo del 25 Aprile è diventato palese, al punto che questa presenza è l’unico vero problema di ordine pubblico: tentano di imporsi in un luogo e in un contesto in cui non devono stare ed è giusto che siano cacciati.

Proprio su quello che è giusto fare, si è sviluppato negli ultimi anni un dibattito “a sinistra”. Sbuca sempre fuori qualcuno che pensa di “non volersi confondere” con i guerrafondai e i loro servi e che, anziché mobilitarsi per cacciarli, tira fuori l’idea di disertare il corteo del 25 Aprile per farne un altro da un’altra parte, “alternativo”.

Su Resistenza abbiamo spiegato, già nel 2022 e nel 2023, che questa linea è sbagliata perché lascia ai guerrafondai e ai loro sostenitori campo libero, mentre devono essere isolati, scortati e cacciati. Tuttavia, con una base di ragionamento molto debole, ogni anno si presenta “la fazione” che vuole distinguersi e che chiama poche decine di compagni e compagne a isolarsi mentre i riflettori sono tutti per la propaganda di guerra e per i sionisti.

Sia chiaro: se anziché decine di compagni e compagne a rispondere a questi appelli fossero centinaia o anche migliaia, l’appello sarebbe ancora più sbagliato perché risponde a infime logiche di bottega anziché favorire le condizioni e valorizzare tutte le forze per impedire un altro scempio del 25 Aprile.

Chiamiamo tutte le realtà, i partiti, i movimenti, le organizzazioni sindacali a scendere in piazza il 25 Aprile a Milano e a cacciare i promotori della guerra e i loro servi, i complici del genocidio in Palestina, i promotori dell’antifascismo padronale, gli usurpatori del 25 Aprile.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente
Articolo successivo

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...

Lotte studentesche. Lo sbocco politico

Nella giornata di ieri a Roma la polizia ha...

[Bologna] Besta: far crescere le radici del protagonismo popolare

Il comitato Besta, che da mesi porta avanti una...