Aleggiano divieti per le manifestazioni in solidarietà con il popolo palestinese. Prepararsi a violarli e manifestare ugualmente

Con il pretesto della ricorrenza del Giorno della Memoria, le Larghe Intese provano a vietare le manifestazioni in solidarietà con il popolo palestinese che continuano ininterrottamente – nel nostro paese e nel resto del mondo – da ottobre 2023.
In Italia il fronte pro-sionista è “ben” rappresentato da una schiera di personaggi che si alternano senza posa: un giorno i ministri del governo Meloni, un altro giorno i radicali. Oggi i più zelanti sono i sindaci del Pd, in particolare Sala e Gualtieri: con aria preoccupata dicono che “la situazione è delicata e sembra inevitabile fare come dice il Ministro Piantedosi, rimandare le manifestazioni per la Palestina”.
È solo un altro tentativo di soffocare la solidarietà che nel nostro paese centinaia di migliaia di persone rivolgono al popolo palestinese e alla sua resistenza.
La situazione è ben più “delicata a Gaza”, dove l’esercito sionista sta conducendo una rappresaglia di stampo nazista e non esita a massacrare persino i prigionieri israeliani nelle operazioni militari con cui conduce lo sterminio del popolo palestinese.
La situazione è delicata – benché su tutt’altro piano – anche in Italia. Non per i cortei, ma per l’azione del governo Meloni e la complicità delle “opposizioni” (di cui Sala e Gualtieri sono esponenti di spicco) per nascondere la quale dilagano i tentativi di intossicazione delle coscienze e la diversione dalla realtà.

Da anni è in atto un’articolata opera di revisionismo, e fra i principali promotori ci sono proprio Sala e Gualtieri, per sdoganare agli occhi delle masse popolari i criminali sionisti.
Anzitutto, l’equiparazione fra sionisti ed ebrei. Che oltre a essere una menzogna, è smentita da una crescente mobilitazione di ebrei antisionisti (che sono perseguitati in Israele).
Poi l’articolata manovra per introdurre a forza la brigata ebraica nelle celebrazioni del 25 Aprile a Milano e la repressione di chi la contesta: repressione giudiziaria e criminalizzazione (sono “antisemiti”) perché squarciare la menzogna è proibito.
A un certo punto è scesa in campo Liliana Segre, osannata come “ambasciatrice della memoria”, ma gli smemorati che la promuovono hanno dimenticato che è stata sposata per una vita con un reggente del Msi, il partito erede di chi gli ebrei italiani li caricava sui vagoni piombati per i campi di concentramento in Germania.

Il divieto di manifestare, tuttavia, è dimostrazione delle difficoltà della classe dominante italiana: le menzogne, la propaganda, l’intossicazione delle coscienze, il terrorismo mediatico non bastano più a coprire i crimini degli imperialisti e dei sionisti di cui tutti i partiti e gli esponenti delle Larghe Intese sono complici e servi.

Pertanto è giusto e legittimo VIOLARE I DIVIETI e manifestare per e con il popolo palestinese che resiste. È giusto farlo con determinazione e “a muso duro” laddove ce ne sono le condizioni, i numeri, la forza per imporsi. Ed è giusto farlo con creatività laddove le condizioni sono avverse.

Che le bandiere della Palestina sventolino in ogni piazza. Che la solidarietà riempia le strade. Che la resistenza dilaghi.

Aggiornamento

Giustamente i giovani palestinesi rilanciano la mobilitazione dai loro profili social

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...