Sciopero in Stellantis

Giovedì 11 maggio in Stellantis a Pomigliano d’Arco gli operai hanno incrociato le braccia e si sono mossi in corteo interno, aderendo allo sciopero proclamato dalla Fiom, per opporsi ai ritmi di lavoro insostenibili che mettono a rischio sicurezza e salute. A fronte dell’assenza di risposta da parte dell’azienda oggi, venerdì 12 maggio, lo sciopero prosegue su diversi turni. L’adesione allo sciopero nella giornata di ieri è stata massiccia, tanto che gli operai hanno fermato la produzione della Panda e del Tonale. Per Mario Di Costanzo, responsabile automotive per la Fiom di Napoli che “hanno aderito allo sciopero circa l’80% delle maestranze sulle catene di montaggio, e ciò comporta quasi una paralisi nella produzione. Secondo nostre stime sono state prodotte oltre il 70%. di Panda in meno. Questo dimostra che gli operai sono stanchi”. 

https://youtube.com/shorts/CKOd1ocVdr4?feature=share

Quello che accade a Pomigliano mostra ancora una volta l’atteggiamento di padroni senza scrupoli che speculano sul lavoro e sulla vita degli operai avallati da leggi come il Jobs Act varato dal Governo Renzi, approfondito dal Governo Draghi e fatto suo dall’attuale Governo Meloni, che garantisce loro libertà di sfruttamento e di ricatto verso gli operai. Vengono infatti imposti maggiori carichi di lavoro a fronte di un paradossale ricorso alla CIG, a una maggiore “flessibilità” o a contratti senza tutele e nel frattempo si ricorre ai licenziamenti delle avanguardie di lotta, alla ricattabilità dei lavoratori come politica aziendale, alle trasferte forzate e anche a fermi di produzione forzati.  I padroni di Stellantis insomma, dopo aver fatto profitti e rendite parassitarie, pensano di poter disporre degli operai a proprio piacimento. 
 

Comunicato stampa Fiom-Cgil nazionale
Stellantis Pomigliano. Fiom: “La riduzione dei costi non può passare attraverso il peggioramento delle condizioni, necessario un confronto”. “A fronte dell’ennesimo aumento di produzione con un sostanziale peggioramento delle condizioni di lavoro in tutti i reparti, la Fiom ieri, nel pomeriggio, ha proclamato otto ore di sciopero che hanno interessato anche la giornata di oggi, 11 maggio. Le lavoratrici e i lavoratori hanno aderito massicciamente alla protesta, tanto che la produzione della Panda e del Tonale si è fermata. Abbiamo più volte sollecitato la Direzione aziendale ad una più attenta gestione dei carichi di lavoro, delle condizioni di sicurezza e delle condizioni igieniche generali dello stabilimento, ma le risposte sono state sempre insufficienti e l’adesione agli scioperi di questi giorni ne è la dimostrazione. Bisogna superare la logica contrattuale delle commissioni presiedute dai soli sindacati firmatari, poiché non rappresentano e non risolvono i problemi di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori, i quali – prima con il voto per il rinnovo degli Rls di qualche giorno fa e poi con lo sciopero di oggi – hanno inviato un messaggio preciso all’azienda e dato un chiaro mandato alla Fiom. Abbiamo chiesto un incontro alla Direzione aziendale per discutere delle problematiche che ci hanno indotto a proclamare lo sciopero, in quella sede ribadiremo che la politica della riduzione dei costi non può passare attraverso il peggioramento delle condizioni di lavoro, mettendo a repentaglio anche la sicurezza dei lavoratori. Solo una vera contrattazione e il rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori può essere il punto di partenza per un confronto vero che porti a risultati concreti per tutte le parti. La Fiom e le sue Rsa non si tirano indietro, ci auguriamo lo stesso anche per l’azienda.” Lo dichiarano in una nota Samuele Lodi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile settore mobilità, Mauro Cristiani, segretario generale Fiom-Cgil Napoli e Mario Di Costanzo, segreteria Fiom Napoli.
Ufficio stampa Fiom-Cgil nazionale

Lo sciopero interno oggi in Stellantis dimostra, però, che la resistenza degli operai non si piega! Al contrario, laddove a resistere è anche un solo piccolo nucleo deciso a dare battaglia e vincere, quella resistenza si rafforza e si sviluppa, avanza in intensità e durata, prende la fabbrica. È sciopero non concordato con l’azienda! È la lotta. 

Operai! Compagni! 
Bisogna dare continuità alla mobilitazione e alla lotta! Bisogna organizzarsi nelle fabbriche, dove aumenta lo sfruttamento, ma anche la resistenza operaia. E bisogna organizzarsi fuori dalle fabbriche, costruendo iniziative di lotta legate al resto dei movimenti di resistenza sociale diffusi sul territorio e coordinandosi con altre realtà di resistenza operaia e popolare, a partire da quelle degli operai e lavoratori del polo industriale di indotto a Nola l, del gruppo Finmeccanica (l’Alenia a Capodichino, l’Ansaldo a Gianturco, ad esempio) e altre ancora (su tutte, l’AVIO di Pomigliano, l’Hitatchi e la ex Whirlpool a Ponticelli). Tanti focolai di resistenza affinché diventino incendio di lotta.

Mobilitarsi in azienda e uscire dall’azienda!
Dev’essere la parola d’ordine di quanti, oggi, intendono dare continuità allo sciopero! Perché i confini di un singolo stabilimento consentono solo una difesa limitata delle condizioni di vita e di lavoro. Perché l’organizzazione collettiva e coordinata degli operai è il primo passo per far pesare il numero e l’unità della classe operaia, sia nelle rivendicazioni sia nello scontro con il governo dei padroni che vorrebbe operai pacificati e libertà di sfruttamento. Perché uniti si vince!

Costituire e coordinare le organizzazioni operaie e popolari!
Dare continuità e prospettiva alle rivendicazioni ed alla lotta, allora, significa coordinarsi! Stabilire contatti e rapporti tra operai combattivi innanzitutto nei settori produttivi contigui, indipendentemente dalle sigle sindacali di appartenenza, costruire azioni di lotta e propaganda in contemporanea tra i diversi stabilimenti e coordinarsi. È possibile farlo perché fuori dalla fabbrica esiste un vasto movimento di resistenza sociale pronto a sostenere la lotta degli operai, perché la lotta degli operai, storicamente, ha dato forza e fiducia alle lotte delle masse popolari tutte!

Costruire un governo di emergenza popolare!
È l’unica alternativa concretamente praticabile per cacciare padroni ed governi loro amici. Bisogna costruire un governo fondato sulle organizzazioni operaie e popolari che lavora negli interessi generali delle masse popolari, cioè disposto anche a violare le leggi della classe dominante assumendo, di volta in volta, i provvedimenti che le organizzazioni operaie e popolari, autonomamente, prenderanno per garantire la continuità delle aziende e tutela del territorio! 

Il Partito dei CARC sostiene senza condizioni la mobilitazione degli operai Stellantis di Pomigliano d’Arco!

Sostiene organizza ogni operaio che si mette su questa strada!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Pomigliano] La repressione non ferma la solidarietà con gli operai Stellantis!

Mercoledì 19 giugno una delegazione di una decina di...

[Bologna] Lettera ai compagni dello stabilimento IIA di Bologna

Il 3 giugno si è tenuta nel piazzale della...

Lotta contro la povertà assoluta nella Repubblica Popolare Cinese

Pubblichiamo a seguire uno scritto elaborato da una compagna,...