[ROMA]PER LA SOLIDARIETA’ AI COMUNISTI E AGLI ANTIFASCISTI IN UCRAINA

Dall’iniziativa di compagni e compagne afferenti a diversi percorsi politici è nato a Roma il Comitato di Solidarietà con i Comunisti e gli Antifascisti Perseguitati in Ucraina. I compagni romani del Partito dei CARC sostengono e aderiscono a questo percorso con l’obiettivo primario di costruire momenti di mobilitazione e unità d’azione dei comunisti e degli antifascisti romani.

Vogliamo contribuire allo sviluppo del necessario movimento di solidarietà internazionale nei confronti dei comunisti e degli antifascisti ucraini. Soprattutto vogliamo rafforzare la lotta contro il nemico in casa nostra, il regime della Repubblica Pontificia che è parte in causa della guerra per procura di NATO e UE contro la Federazione Russa. Rafforzare la denuncia della vera natura del regime fantoccio ucraino e delle sue spietate persecuzioni politiche è un’arma contro la propaganda di guerra con cui ieri Draghi e oggi Meloni giustificano la partecipazione del nostro paese alle scorribande NATO-UE.

Di seguito rilanciamo la lettera di costituzione del Comitato e il suo contatto e-mail. Seguiranno nelle prossime settimane nuovi aggiornamenti sulle iniziative in preparazione.

Comitato di solidarietà con i comunisti e gli antifascisti perseguitati in Ucraina

Roma, 30.01.2023


Dopo il Golpe di stampo neonazista del 2014 con a seguito la strage di Odessa, gli antifascisti ucraini si sono sollevati
contro la Junta e le organizzazioni naziste al potere. Nel Donbass è scoppiata una guerra che va avanti ancora oggi.
Nel resto dell’Ucraina è iniziata la persecuzione degli antifascisti e delle minoranze, i partiti politici di opposizione sono
stati messi al bando, la stampa libera è stata chiusa o costretta a trasmettere la propaganda di regime. I dissidenti sono
stati torturati, incarcerati (anche senza processo) e molti sono stati fatti sparire come nelle peggiori dittature dell’America
Latina.
Con il susseguirsi degli eventi, oggi il popolo ucraino vive nel terrore più assoluto a causa del governo Zelenski che
opprime: comunisti, antifascisti e democratici perseguitando anche i cittadini di origine russofona e le minoranze di
religione ortodossa. Arrivano sempre più immagini dall’Ucraina dove si vedono palesemente rapimenti sia nelle strade
che nelle abitazioni, e tutto ciò con il vergognoso silenzio degli organi di informazione, in Italia e nel resto dell’Occidente.
Per questi motivi il giorno 30 gennaio 2023 a Roma, si è riunito il comitato promotore che ha deciso di creare il Comitato
di Solidarietà con i Comunisti e gli Antifascisti Perseguitati in Ucraina; il comitato si pone in contrapposizione alla
vergognosa mistificazione dei fatti da parte degli organi di informazione ufficiali, e dalle vergognose scelte di appoggio
a Zelenski avvenute con il governo Draghi e che stanno proseguendo con l’attuale governo Meloni.
Il comitato si pone come obiettivo di creare iniziative utili alla conoscenza dei fatti ed a costruire un susseguirsi di
iniziative politiche. Per raggiungere tale scopo il comitato vuole creare un centro di ricerca e diffusione di notizie che
riguardano l’oppressione dei comunisti e degli antifascisti perseguitati in Ucraina. Il comitato intende confrontarsi con
tutti i comunisti e gli antifascisti affinché si possano attivare iniziative comuni.


Per contatti: cscapu@riseup.net

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Anche dai seggi elettorali si rilancia la riscossa

Lo scorso fine settimana si sono svolte le elezioni...

Solidarietà a Luciano Pasetti e a tutti i fermati di Piazza Duomo e non solo!

Lunedì 17 giugno p.v alle 14.00 presso il Tribunale...

[Siena] Duecento licenziamenti ad Amadori: insorgiamo!

Il Partito dei CARC, alla luce di quanto sta...

Le mobilitazioni contro il G7 in Puglia aprono la strada allo sviluppo della lotta

Da molti mesi, in particolare dopo la controffensiva della...