Nella giornata di oggi, 25 aprile, siamo stati con i compagni di Pisa Brigante: studenti, lavoratori, disoccupati e precari dei quartieri di Pisa che si sono organizzati per portare avanti pratiche di mutuo aiuto sviluppando la solidarietà di classe grazie al contributo di alimentari, panifici e ortofrutticoli che settimanalmente donano all’organismo beni alimentari che vengono poi redistribuiti secondo le esigenze delle masse popolari del territorio.
Nel ridistribuire il pane alle famiglie di Via Fiorentina è stata portata la parola d’ ordine “CONTRO MULTE E REPRESSIONE, SOLIDARIETÀ DI CLASSE E REDISTRIBUZIONE” (e le Forze dell’Ordine hanno ben pensato di venire a togliere lo striscione che avevamo affisso nel quartiere…) promuovendo la solidarietà di classe e l’AUTORGANIZZAZIONE.

Ovviamente, abbiamo rispettato le disposizioni per la tutela sociale consapevoli che i veri untori non sono le masse popolari che si organizzano per aiutare concretamente i proletari, ma lo sono i vari amministratori e burocrati che ci governano: loro sono i veri criminali! loro sono gli unici irresponsabili che con le politiche scellerate degli ultimi decenni, tra cui i tagli alla sanità pubblica, e quelle odierne aggravano la situazione d’emergenza e continuano a vessare senza tregua le masse popolari.
Dopo la redistribuzione gratuita siamo andati alla Residenza Universitaria del Praticelli per portare la nostra solidarietà agli studenti che lottano per il diritto allo studio esponendo uno striscione con scritto IL DIRITTO ALLO STUDIO È STATO CONQUISTATO LA RESISTENZA CE LO HA INSEGNATO!
Nel frattempo siamo venuti a conoscenza che i compagni a Milano scesi in piazza per portare dei fiori alle lapidi dei partigiani sono stati accerchiati, picchiati e identificati dalle forze di polizia. Che le Forze dell’Ordine vadano subito nelle migliaia di fabbriche e aziende riaperte per assicurasi delle condizioni in cui lavorano gli operai, che vadano negli ospedali ad assicurarsi che ai medici, OSS e infermieri siano garantiti i DPI, che vadano nei quartieri popolari a distribuire beni di prima necessità e non a scagliarsi contro chi doverosamente porta un fiore a chi ha fatto la storia del nostro paese!

SOLIDARIETÀ E SOSTEGNO A CHI ONORA LA RESISTENZA!

LE MASSE POPOLARI SCRIVONO LA STORIA PER UNA NUOVA LIBERAZIONE FINO ALLA VITTORIA!

ORA E SEMPRE RESISTENZA!

Sezione di Pisa del P.CARC

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here