[Massa] APPELLO A SOSTEGNO DEGLI OPERAI SANAC: IL 13 NOVEMBRE TUTTI DAVANTI ALLA FABBRICA!!

Il prossimo 13 novembre si terrà presso il MISE il tavolo per discutere il futuro della Sanac, strappato a inizio ottobre grazie alla lotta degli operai fatta di irruzioni in Comune e presidi, scioperi e blocchi stradali ; è una battaglia cruciale per un territorio come il nostro, devastato da decenni di politiche lacrime e sangue che ne hanno fatto un cimitero di capannoni: Dalmine, Rational, Eaton… l’elenco è lungo e non va più allungato!

Per questi motivi promuoviamo, dalle 16 alle 18, un presidio ai cancelli della fabbrica a cui chiamiamo a partecipare gli operai delle altre fabbriche “superstiti” e in primo luogo del Pignone, i cassintegrati, i precari e i disoccupati, gli studenti, i commercianti: tutti saranno colpiti pesantemente da questa ennesima chiusura e tutti possono portare solidarietà come è stato fatto nei mesi scorsi.

La lotta della Sanac è tutt’altro che persa perché in tutto il paese ci sono migliaia di alleati, a partire dai colleghi delle fabbriche di Vado Ligure, Gattinara e Assemini; ci sono gli operai ex ILVA, che si stanno muovendo per impedire la chiusura degli stabilimenti e lo smantellamento del settore della siderurgia, che è irrinunciabile per qualunque paese che si voglia definire industrializzato. E ci sono anche i sindacati e le istituzioni, che quotidianamente affermano di essere al loro fianco pronti a occupare la fabbrica insieme a loro e a sostenerli in ogni iniziativa di lotta: è il momento di metterli alla prova!

Questi sono i passaggi per costruire una assemblea pubblica cittadina da tenersi il 14 novembre, in cui verranno riportati i risultati del tavolo al MISE in modo da decidere tutti insieme il calendario di lotta da mettere in campo. Sono decisioni che in primo luogo riguardano ovviamente gli operai Sanac, i protagonisti principali, ma per le ricadute che può avere su Massa e il territorio una eventuale chiusura, per la forza che si può sprigionare insieme alle altre organizzazioni e singoli del territorio, è decisivo che siano prese e sostenute collettivamente.

LA SANAC NON SI TOCCA! CHE A CASA CI VADANO MITTAL E I PADRONI!

UNIRE CLASSE OPERAIA E MASSE POPOLARI CONTRO LE SERRATE, COME NEL BIENNIO ROSSO!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] FESTA DI RISCOSSA POPOLARE ’24 DELLA FEDERAZIONE LAZIO DEL P.CARC

PROGRAMMA FESTA DELLA RISCOSSA POPOLARE 2024 SABATO 25 MAGGIO -...

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?