Scuola e Anpi contro la ginnastica militare

Lo scorso 4 ottobre il Consiglio d’Istituto dell’Istituto comprensivo Caponnetto di Bagno a Ripoli (FI) ha negato l’utilizzo della palestra della scuola per i corsi della società sportiva Gdm Italiana Srl, ovvero i corsi di “ginnastica dinamica militare” che negli ultimi anni si stanno moltiplicando in tutto il paese.

Recita la circolare: “il Consiglio d’Istituto […] ritiene che in un’istituzione scolastica non si possano svolgere attività, ancorché di carattere sportivo, che richiamino la disciplina militare con “comandi in stile militare” che incitano a “forzare con la dovuta aggressività le barriere dell’individuo”. Pertanto esprime parere negativo e non concede gli spazi alla suddetta società sportiva”.

La scuola e alcuni professori, infatti, si sono opposti anche spinti dalla locale sezione dell’Anpi, che già a settembre aveva denunciato la concessione della palestra della scuola da parte dell’amministrazione comunale. I compagni dell’Anpi di Bagno a Ripoli, infatti, sono molto attivi nell’opposizione alla militarizzazione delle scuole, ma anche del territorio stesso e, infatti, si mobilitano anche nel comitato “No Comando Nato né a Firenze né altrove”.

Un piccolo esempio dalla provincia fiorentina che da una parte dimostra che “si può fare” e, dall’altra, evidenzia il ruolo positivo e autorevole che può avere l’Anpi nel sostenere gli interessi delle masse popolari contro le logiche di guerra della classe dominante.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] FESTA DI RISCOSSA POPOLARE ’24 DELLA FEDERAZIONE LAZIO DEL P.CARC

PROGRAMMA FESTA DELLA RISCOSSA POPOLARE 2024 SABATO 25 MAGGIO -...

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!