USB: il 22 aprile sciopero e manifestazione nazionale a Roma

Il P.CARC aderisce e sostiene questa mobilitazione. Anche questo sciopero deve essere un’occasione per avanzare nella costruzione dell’unità e dell’organizzazione della classe operaia.

Il documento di indizione, “È l’ora della variante operaia: senza lavoratori non c’è vera ripresa. Appello per una grande mobilitazione il 22 aprile a Roma”, firmato da lavoratori e delegati Usb, va nella giusta direzione e pone questioni che sono nell’interesse generale.

La giusta direzione è quella del legame e della continuità di fatto con la mobilitazione dei lavoratori GKN del 26 marzo. La mobilitazioni promossa da Usb va sostenuta, nell’ottica di farla diventare un ulteriore passo verso un movimento che si pone l’obiettivo di prendere in mano il governo del paese.

A seguire uno stralcio dell’appello:

“Non ce ne frega niente se aumenta o meno il PIL e se la produzione industriale è in rialzo e tutti i bla bla bla di cui ci parlano ogni giorno sugli indici economici della nazione. Noi siamo operai e sappiamo che senza di noi non c’è produzione, né ricchezza, né servizi. Siamo noi che mandiamo avanti la baracca, senza di noi tutto si ferma. Per cui, se parliamo di ripresa è dal lavoro che si deve partire. (…)

C’è un filo che lega la nostra vita di operai, sia che lavoriamo in fabbrica o nei magazzini della logistica, oppure nei porti o nei servizi, nel commercio o nelle campagne: è aumentato lo sfruttamento. Tengono bassi i salari e ci spremono fino all’osso senza più riguardo per orari, contratti e sicurezza. Per questo è ora di costruire un’azione comune e promuovere una mobilitazione che rimetta il lavoro al primo posto. La ripresa deve essere valutata sulla base di quanto lavoro buono, di qualità, ben retribuito viene realizzato.

Proponiamo l’organizzazione comune di una grande mobilitazione operaia a Roma per il prossimo 22 aprile che metta insieme le tante vertenze irrisolte e le mille voci inascoltate e punti ad invertire l’ordine delle priorità: prima il lavoro! E in quella data vogliamo costruire un grande sciopero di tutti quelli che producono e distribuiscono le merci in questo paese.

La ribellione degli studenti per gli omicidi di Lorenzo e Giuseppe e contro la pretesa di imporre la logica dell’impresa finanche nella scuola è la nostra stessa ribellione. Proponiamo di mobilitarci insieme, operai e studenti, a partire dalle condizioni di vita e di lavoro, non certo solo per noi ma per tutti. Per dare un segnale di riscossa a tutta la società.

Abbiamo una Piattaforma che vogliamo condividere con tutti quelli che si riconoscono nella stessa condizione e che sono stanchi di essere presi in giro. Essa è solo una base per la discussione, che rimane aperta, ma è soprattutto un invito alla lotta comune. I temi che qui riassumiamo in sintesi sono: basta con gli appalti, rialzo dei salari e delle pensioni e legge sul salario minimo, ritorno dello Stato in economia e nazionalizzazione dei settori strategici (Nuova IRI), riduzione dell’orario di lavoro, reato di omicidio sul lavoro e potenziamento degli istituti di controllo e tutela degli RLS, difesa del patrimonio pubblico (No al Decreto Concorrenza), stop al part time obbligatorio e ripristino del pagamento della quarantena.

Se non saremo noi operai a rimettere questi temi al centro della discussione, nessuno lo farà per noi. Hanno fatto in modo che il nostro punto di vista uscisse completamente di scena, come fossimo destinati ad estinguerci. E invece hanno continuato a spremerci spegnendo la nostra voce.

Senza di noi non ci può essere nessuna ripresa. Per uscire dalla crisi c’è bisogno della variante operaia”.

Print Friendly, PDF & Email
Total
1
Shares

Rispondi

Prev
Massa: formazione e dibattito operaio

Massa: formazione e dibattito operaio

Il 28 febbraio 2022 la Sezione di Massa del P

Next
Toscana: la rete lavoratori contro il Green Pass

Toscana: la rete lavoratori contro il Green Pass

Pubblichiamo di seguito l’intervista ad alcuni membri della “Rete Lavoro No

Total
1
Share