Esprimiamo la nostra solidarietà e il nostro sostegno alla compagna e insegnante di Torino, Lavinia Flavia Cassaro “linciata” dalla gogna mediatica per aver “insultato” le forze dell’ordine che difendevano un comizio fascista, durante una manifestazione antifascista. Nell’articolo che rilanciamo dal blog “cattive maestre” è spiegato bene quanto sta accadendo. Il processo mediatico messo in atto contro la compagna, a partire dai giornali di regime, per finire con la richiesta di licenziamento da parte di Renzi passando per i salotti del più squallido ciarpame televisivo, è un vile e vergognoso attacco contro tutti gli insegnanti a cui non sta bene stare a guardare il governo e le amministrazioni locali mentre danno spazio ai fascisti, dissestano la scuola pubblica, tagliano sulla spesa pubblica e tentano di licenziare 55mila docenti diplomati magistrali che da anni (ed è il caso della compagna Lavinia) insegnano nelle scuole pubbliche avendo acquisito competenze ed esperienza. L’obiettivo è quello di licenziarla per dare l’esempio. Infatti avvisano chiunque alzi troppo la voce all’interno della scuola pubblica, promettendogli una gogna mediatica e il licenziamento se non accettano passivamente le manovre sporche del governo. Nel frattempo, la caciara innescata dalla propaganda di regime tenta di coprire la violenza che la borghesia e i suoi governi perpetrano proprio ai danni delle masse popolari, proprio ai danni di quegli insegnanti che si ribellano, come accaduto il 10 Novembre, con le cariche a freddo da parte della polizia contro gli insegnanti in sciopero.

Ogni giorno il governo Renzi-Gentiloni (o qualsiasi altro governo delle larghe intese che fa gli interessi del Vaticano, di Confindustria, di Marchionne, ecc.) promuove attacchi di ogni sorta al pubblico impiego, demonizzando chi si ribella, enfatizzando i “fannulloni” per giustificare i tagli e le privatizzazioni, togliendo ogni giorno risorse necessarie al funzionamento dei servizi pubblici. C’è chi afferma che di fronte ad una repressione così accanita, affiancata dalla spoliazione di ogni diritto delle masse popolari, si stia andando verso un “nuovo fascismo”, uno più “moderno”. In realtà, stante l’avanzare della crisi del capitalismo per sovrapproduzione assoluta di capitali, la borghesia non può che spingere verso la mobilitazione reazionaria. Ma per affermare un vero e proprio regime terroristico, la borghesia deve rompere apertamente il suo attuale regime politico (il regime di controrivoluzione preventiva e i suoi pilastri), e farlo significa rischiare di perdere tutto, lo abbiamo visto in Italia con il ventennio fascista e il movimento di Resistenza. Le centinaia di migliaia di persone che, in 150 iniziative e mobilitazioni, si sono attivate tra il 9 e il 10 febbraio dopo la tentata strage di Traini (togliendo, tra l’altro, dalle mani del PD la propaganda antifascista) e le migliaia scese in piazza per impedire i comizi fascisti nelle varie città dimostrano ben altro: dimostrano che la battaglia tra mobilitazione reazionaria e mobilitazione rivoluzionaria è tutta aperta e tutta da giocare. Ogni mossa dei governi delle larghe intese alimenta solo ribellione da parte delle masse popolari, crea situazioni che non riesce più a gestire: la “paura del fascismo” messa in campo per la campagna elettorale (al fine di giustificare un futuro governo “democratico” di larghe intese) ha spinto alla mobilitazione popolare! Lavinia Flavia Cassaro, con il suo gesto, ha espresso quella sana rabbia contro l’attuale regime politico e contro chi lo difende, il suo gesto è un esempio di civiltà!

Rispediamo gli attacchi al mittente! Estendiamo la solidarietà e facciamone arma attiva della lotta di classe! 

 

Matteo G

 

***

Siamo tutte antifasciste! Siamo tutte Cattive maestre!

“Cattiva Maestra”, così Gramellini oggi sul Corriere della Sera apostrofa l’insegnante che in questi giorni è al centro di una vera e propria gogna mediatica, dopo esser stata filmata in piazza a Torino lo scorso 20 Febbraio mentre manifestava insieme ad antifasciste e antifascisti contro il comizio elettorale di Simone Di Stefano, leader di Casa Pound.Nei confronti della Cattiva Maestra, che nel video si rivolge con rabbia alle Forze dell’Ordine schierate a difesa dell’iniziativa di Casa Pound, il MIUR e l’Ufficio Scolastico Regionale hanno avviato delle indagini mentre il segretario del Partito Democratico Matteo Renzi ne ha chiesto il licenziamento immediato in un’intervista al Corriere della Sera. Le accuse rivolte alla docente, che motivano la richiesta di licenziamento, sono quelle di essere “una persona pericolosa per l’educazione dei ragazzi che le sono affidati” e, secondo Gramellini che concorda con Renzi, sarebbe lei “la fascista perfetta. Arrogante, violenta, fanatica. Con gli occhi strabuzzati e la bocca sguaiata che bestemmia il buon senso e il senso dello Stato”.

Negli ultimi mesi di campagna elettorale siamo state dirette testimoni delle conseguenze che la legittimazione politica e mediatica dei partiti neofascisti ha prodotto nelle scuole e nei quartieri delle nostre città. Volantinaggi, banchetti, slogan fascisti sui muri degli istituti scolastici, apertura di nuovi centri di aggregazione, iniziative di protesta contro le programmazioni didattiche non in linea con i loro contenuti, attacchi diretti a insegnanti e a presidi “sessantottini” si sono moltiplicati. La scuola per Casa Pound e Forza Nuova è decisamente un spazio di potenziale aggregazione: dal coinvolgimento nei comitati genitori della scuola primaria, al lavoro diretto con gli studenti medi, il tentativo di diffondere una cultura nazionalista, razzista e sessista attraverso specifiche tematiche scolastiche è esteso a tutti i cicli.

Se anche la Ministra Valeria Fedeli, in occasione del settantesimo anniversario della Costituzione, ha ritenuto opportuno riaffermare le radici antifasciste della scuola italiana distribuendo una nuova edizione della carta in tutte le classi, è forse perché anche nei piani alti di Viale Trastevere ci si sta interrogando sui possibili effetti dello sdoganamento della cultura autoritaria e fascista, per altro, avallati da diversi suoi colleghi di governo. Come insegnanti antifasciste e antirazziste difendiamo ogni giorno la memoria storica collettiva dentro le nostre aule, e ci facciamo carico del ruolo di presidio culturale e democratico che la scuola deve avere all’interno dei territori: una comunità di dialogo garante del rispetto di tutte le diversità. Lo facciamo con gli strumenti e la professionalità che ci danno la formazione e l’esperienza, scegliendo in ogni contesto metodi e pratiche adatti al ciclo scolastico, alle storie e alle sensibilità dei nostri alunni e delle nostre alunne, senza cedere sulla radicalità di contenuti per noi imprescindibili. Fuori dalle classi non siamo più insegnanti, lavoratrici, rappresentanti di un’istituzione; siamo donne, femministe, antifasciste e antirazziste.

Non siamo tenute a incarnare 24 ore su 24 e in ogni momento della nostra vita il ruolo del posto di lavoro né a rispettarne la disciplina. Dietro questo attacco alla professoressa, non c’è nessuna difesa dell’integrità della scuola. C’è solo la traccia di un nuovo perbenismo e moralismo che si fa strada nella società e che si intreccia con le pulsioni autoritarie di questa classe dirigente neoliberale.

Rifiutiamo la retorica dell’insegnamento come missione, come indole, come propensione naturale al sacrificio in quanto donne. Non siamo necessariamente materne e composte, né tantomeno pacate con i fascisti. Ci sembra gravissima la gogna mediatica alla quale la nostra collega viene sottoposta in queste ore, e un precedente pericoloso la richiesta di licenziamento per le sue scelte politiche. “Licenziata perché sguaiata antifascista» quello stesso antifascismo “patinato” e retorico che qualcuno in campagna elettorale dice di difendere, ma poi è pronto ad insegnarci le buone maniere e a condannare chi non fa dell’obbedienza una virtù.

Del resto, era proprio Don Milani a ricordare:
«L’obbedienza a ogni costo? E se l’ordine era il bombardamento dei civili, un’azione di rappresaglia su un villaggio inerme, l’esecuzione sommaria dei partigiani, l’uso delle armi atomiche, batteriologiche, chimiche, la tortura, l’esecuzione d’ostaggi, i processi sommari per semplici sospetti, le decimazioni (scegliere a sorte qualche soldato della Patria e fucilarlo per incutere terrore negli altri soldati della Patria), una guerra di evidente aggressione, l’ordine d’un ufficiale ribelle al popolo sovrano, la repressione di manifestazioni popolari? […] L’obbedienza non è più una virtù»

Solidarietà all’insegnante torinese, in piazza e nelle classi tutti i giorni contro ogni fascismo.
Siamo tutte antifasciste, siamo tutte Cattivemaestre!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here