Marco Carrai non può essere Presidente della Fondazione Meyer

A fine dicembre Operatori sanitari per la Palestina, Cub Firenze, Comitato “Io non ci sto” di Firenze, Workers in Florence hanno lanciato una campagna contro la recente nomina di Marco Carrai alla presidenza della Fondazione Meyer.

Carrai, uomo di fiducia di Renzi e “uomo di potere” della Repubblica Pontificia, dal 2019 è Console onorario di Israele in Toscana, Lombardia ed Emilia Romagna.

Di seguito la mail da inviare e gli indirizzi a cui inviarla.

Alla cortese attenzione di:

Dario Nardella, sindaco di Firenze

Paolo Morello Marchese, dir. Generale Meyer

Alessandro Benedetti, segr. Gen. Fondazione Meyer

Emanuele Gori, dir. amm. Meyer

Marco Carrai, Console onorario di Israele, non può essere Presidente della Fondazione Meyer.

Il Codice etico della Fondazione dice, alla voce Rispetto delle persone e dei bambini, che la Fondazione non tollera nella maniera più assoluta violazioni dei diritti umani poiché opera nell’ambito del riferimento della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite e in particolar modo della convenzione internazionale Onu sui diritti dell’infanzia.

Il governo di Israele nella guerra in corso a Gaza, oggi come in passato, ha ucciso migliaia di bambini attraverso bombardamenti indiscriminati. Migliaia di bambini sono stati feriti o sono rimasti mutilati e molti sono stati operati senza anestesia e senza controllo del dolore a causa dell’esaurimento di anestetici e analgesici. La carenza di antibiotici ha aumentato la mortalità per infezioni. Neonati sono morti nelle incubatrici a causa dell’esaurimento dei generatori elettrici.

Israele ha interrotto l’approvvigionamento idrico ed elettrico, ha tagliato forniture essenziali degli ospedali e ha impedito l’accesso alle cure dei bambini feriti e malati.

Le infezioni e la fame dilagano fra i bambini palestinesi.

In Cisgiordania, che non è teatro di guerra, i coloni israeliani hanno ucciso decine di bambini nelle loro case e impediscono quotidianamente l’accesso alle scuole e all’istruzione con ripetute aggressioni che restano impunite e sono tollerate se non addirittura incentivate dal governo stesso i cui rappresentanti sono anch’essi coloni.

Il governo di Israele ha reso orfani e sfollati migliaia di bambini che hanno dovuto abbandonare le loro case e che hanno riportato traumi psicologici gravissimi per lo stress vissuto.

Unicef, Amnesty International, Oxfam, Human Rights Watch, Pcrf, Croce Rossa denunciano chiaramente tutto questo.

Il console di Israele, Marco Carrai, che non ha speso una parola contro questa feroce aggressione, collettiva e indiscriminata, né contro il massacro di bambini in corso a Gaza, non può essere ragionevolmente il presidente della Fondazione dell’ospedale pediatrico Meyer.

Tutti i bambini hanno diritto alle cure e all’istruzione.

Anche i bambini palestinesi.

I Cittadini di Firenze amici del Meyer e di tutti i bambini

sindaco@comune.fi.it

a.benedetti@meyer.it

fondazione@meyer.it

direzione.sanitaria@meyer.it

direzione.generale@meyer.it

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...