[Bergamo] Cacciare il governo dei ricchi, dei guerrafondai, dell’impunità per la casta e delle bugie

Parliamo di un simbolo: 0,86€ è quanto costerebbe un litro di benzina senza tasse: invece oggi lo paghiamo in media almeno 1,95€ ovvero più del doppio. Solo in una settimana lo Stato incassa un extragettito di 2,2 miliardi dalla vendita di carburante. Questo prelievo è tra l’altro incostituzionale perchè uguale per tutti e non calibrato sulla base del reddito percepito. Ma i vari governi delle Larghe Intese si sono prodigati nel tempo per favorire la demolizione della tassazione per i ricchi, le imprese, le banche, nascondendola con la “riduzione delle tasse per tutti” e “per favorire la crescita”. Poi ci troviamo a pagare 150€ per non fare la fila al Pronto Soccorso o per la visita sanitaria privata perché non funziona la Sanità pubblica, o dover fare il mutuo per mandare i figli a scuola. Mentre ci rapinano su ogni cosa, calano le mutande nei confronti delle banche e della UE, alla faccia della sovranità nazionale e ci dicono che non ci sono soldi per le spese sociali: IMBROGLIONI!

La Meloni, il Salvini e il resto della loro cricca hanno fatto chiasso per anni promettendo tagli delle accise: tutte chiacchiere! Una volta al governo, hanno addirittura eliminato il bonus carburante introdotto da Draghi! A dimostrazione che anche loro come ogni partito e governo delle Larghe Intese non faranno mai gli interessi delle masse popolari. Un’ulteriore prova che siamo noi a doverci mobilitare per difenderci, ora cacciando il governo Meloni.

Al caro-benzina, unito al caro-affitti, al caro scuola, al caro-bollette, al caro-spesa (l’inflazione per i consumi di massa è del 9% mentre per il lusso è del 4%) si aggiunge lo smantellamento di tutti i servizi pubblici (guardie mediche al minimo, 20.000 infermieri e 15.000 medici fatti scappare all’estero dal caos organizzativo e dai salari schifosi, mentre ministri e parlamentari prendono 27.000€ al mese e le grandi imprese moltiplicano i fatturati), l’eliminazione delle misure di sostegno come il Reddito di Cittadinanza alla parte più povera della popolazione, le condizioni di lavoro e salari sempre peggiori e, non ultima, la guerra della NATO contro la Federazione Russa e la Cina che coinvolge sempre di più il nostro paese portando all’aumento delle spese militari. E oggi sono sempre di più gli operai a salario ulteriormente ridotto per gli effetti della crisi e della speculazione.

Basta con il carovita, salario e lavoro dignitoso per tutti!

Dove e quando si sviluppa la mobilitazione e l’organizzazione dal basso dei lavoratori, degli studenti e del resto dei cittadini le cose prendono un’altra piega e ci mostrano che sono la classe operaia e le masse popolari a lottare per il progresso sociale mentre i padroni e i loro governi se ne fregano anche dei morti sul lavoro.

Ci ricordiamo del ruolo delle Brigate di Solidarietà durante il periodo del Covid: se non fosse stato per loro, migliaia di persone non avrebbero potuto fare fronte al completo abbandono delle “istituzioni competenti”. E oggi “l’emergenza” si è trasformata in “normalità” e molte brigate continuano e sviluppano il loro lavoro nell’assistenza e nella tutela dei diritti. È dagli organismi popolari come questi e dagli organismi operai nei luoghi di produzione a tutela della sicurezza e della salute, del salario, dei diritti che dobbiamo ripartire e sviluppare la mobilitazione!

Cominciare a prendere le misure che servono – dal non pagare le bollette, all’occupazione degli immobili, dagli scioperi alle “spese proletarie”, alla garanzia dei salari, al blocco della produzione  per la sicurezza e salari dignitosi – sono i primi passi per rendere ingovernabile il paese ai vertici padronali del paese e creare le condizioni per imporre dal basso un governo di emergenza delle masse popolari e dei lavoratori organizzati formato dagli esponenti che già oggi godono della loro fiducia. Un governo con cui sostituire quello dei padroni e degli imbroglioni.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...