Il governo dichiara guerra agli occupanti di case

Il 10 agosto il Ministro degli Interni Piantedosi ha inviato a tutti i prefetti una direttiva d’indirizzo “sull’occupazione arbitraria di immobili” in cui invita le prefetture a “prevenire le occupazioni” e, soprattutto, a procedere con lo sgombero di quelle che esistono. È un ulteriore attacco al diritto alla casa – sancito anche dalla Costituzione – e a tutti quegli organismi, movimenti e comitati che si occupano del diritto all’abitare.

La scorsa estate, a Firenze, una bambina è stata rapita in un ex cinema occupato per motivi ancora poco chiari, anche se dalle inchieste sembra emergere un coinvolgimento della famiglia nel racket degli appartamenti occupati e quindi il rapimento sembra legato a presunti regolamenti di conti.

Questo fatto è stato utilizzato dal governo Meloni per giustificare la repressione e la criminalizzazione del movimento delle occupazioni. Ed è proprio Firenze la città apripista: ad agosto sono stati eseguiti due sgomberi nel giro di dieci giorni. In particolare lo sgombero dello Studentato Autogestito ha visto la mobilitazione di decine di camionette e agenti delle forze dell’ordine e addirittura un elicottero con cui i poliziotti si sono calati sul tetto del palazzo… Centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici per sgomberare e denunciare nove studenti che si trovavano all’interno del palazzo – occupato nel 2015, dopo anni di abbandono – in una città dove il costo della vita e quello degli affitti sono ormai fuori controllo e dove nascono come funghi studentati privati di lusso.

Quello di Firenze è solo un esempio fra molti, ma mostra bene che la direttiva di Piantedosi è destinata ad alimentare le contraddizioni sul tema del diritto alla casa: migliaia di immobili sfitti (proprietà dei comuni, di palazzinari, delle banche o della Chiesa) e altrettante famiglie che invece non hanno un tetto sopra la testa o vivono in una situazione precaria e non dignitosa.

Piantedosi dichiara di voler “mettere un freno al degrado delle città”, ma così facendo lo alimenta! E questo esaspererà ancora di più le contraddizioni tra governo centrale ed enti locali, che si trovano e si troveranno sempre di più a fare i conti con gli effetti provocati dall’applicazione di misure repressive volte solo a fare gli interessi degli speculatori.

Secondo i dati più recenti dell’Istat – quelli del 2019 – in Italia 10,7 milioni di abitazioni non sono occupate, ovvero quasi il 30% del totale di quelle censite! Tra le città più grandi, a Torino era inabitato il 18% delle abitazioni, a Milano l’11,9%, a Bologna il 12%, a Roma il 11,5% e a Napoli il 20,3%.

Questo non vuol dire che non ci siano sindaci – vedi Nardella a Firenze – che non si trovano a loro agio nel ricoprire il ruolo di “sceriffo”, ma la riduzione degli enti locali a esattori delle tasse e garanti della repressione del governo centrale è una bomba destinata a scoppiare. In tempi brevi. Colpire frontalmente le occupazioni è una misura destinata ad alimentare l’emergenza e a creare continui problemi di ordine pubblico, con tutto quello che ne consegue per la vivibilità delle città e dei territori. Quanti sindaci, quanti amministratori locali saranno (o sono già) contenti di dover fare i conti con circolari ministeriali che non fanno altro che aggravare problemi già esistenti? Quanti prefetti, quanti agenti delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco, ecc. continueranno a chinare la testa di fronte alle continue richieste di sgomberi a danno delle masse popolari per “liberare” gli immobili e riconsegnarli all’abbandono o alla speculazione di banche e multinazionali?

Perché occupare non è un capriccio, ma una risposta a un problema concreto – quello del diritto alla casa – a cui le istituzioni della classe dominante non danno soluzioni.

Il governo ha fatto i conti senza l’oste… facciamo in modo che anche questa misura gli si ritorca contro!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Anche dai seggi elettorali si rilancia la riscossa

Lo scorso fine settimana si sono svolte le elezioni...

Solidarietà a Luciano Pasetti e a tutti i fermati di Piazza Duomo e non solo!

Lunedì 17 giugno p.v alle 14.00 presso il Tribunale...

[Siena] Duecento licenziamenti ad Amadori: insorgiamo!

Il Partito dei CARC, alla luce di quanto sta...

Le mobilitazioni contro il G7 in Puglia aprono la strada allo sviluppo della lotta

Da molti mesi, in particolare dopo la controffensiva della...