La sorpresa di Pasqua nel Decreto bollette

Il Sistema Sanitario Nazionale (Ssn) versa da lungo tempo in condizioni drammatiche e peggiora sempre di più.

Devastato da decenni di tagli – siamo il paese europeo con la minore spesa sanitaria in rapporto al Pil – e costretto a farsi carico delle conseguenze della gestione criminale della pandemia da Covid-19 (senza averne i mezzi necessari), il Ssn non è in grado di garantire i livelli essenziali di assistenza (Lea)* in gran parte delle regioni d’Italia.

Anche nelle aree più sviluppate del paese è ormai impossibile ottenere visite ed esami in tempi accettabili o a una distanza ragionevole da casa, mentre se ci si rivolge al privato vengono fissati nel giro di pochi giorni: potersi curare è sempre di più un privilegio per pochi.

Gli operatori sanitari cercano nel settore privato condizioni lavorative e salariali più dignitose di quelle offerte dal Ssn, dove gli aumenti retributivi sono ampiamente al di sotto dell’inflazione.

I continui tagli del personale e il blocco delle assunzioni determinano indicibili sovraccarichi di lavoro. Turni che arrivano a 12 ore consecutive e a 60 ore alla settimana producono inevitabili gravi conseguenze sulla qualità delle cure che vengono fornite e quindi anche sulla sicurezza di lavoratori e pazienti. Conseguenze a volte mortali, come nel caso della giovane infermiera vittima, nel febbraio scorso, di un incidente stradale al rientro da due turni di notte straordinari consecutivi.

Di fronte a una situazione così grave, il Governo Meloni ha deciso di intervenire con urgenza, inserendo all’interno dell’uovo pasquale del “Decreto bollette” una bella sorpresa: norme in materia di sanità che danno il colpo di grazia al Ssn già agonizzante.

Si tratta di aspetti tecnici che ben si prestano a confondere le acque e che vengono sistematicamente tenuti nascosti alle masse popolari dai media di regime, trovando spazio principalmente sulla stampa di settore e specializzata: il Governo Meloni procede sulla strada del taglio alle risorse assegnate alla sanità. Lo sbandierato aumento di 4 miliardi di euro di spesa è solo un trucco contabile, l’incremento reale è ben al di sotto dell’inflazione, l’insufficienza della spesa per la sanità è stata denunciata dalla stessa Corte dei Conti nel corso dell’audizione alla Commissione bilancio della Camera il 19 aprile.

A questo si aggiungono la legittimazione dell’utilizzo da parte degli ospedali di personale “a gettone” o assunto tramite cooperative o false Partite Iva e la possibilità di mantenere i medici in servizio fino a 72 anni.

Dicono di voler risolvere il problema della carenza di personale, in realtà, dopo aver privatizzato le prestazioni mediche, vogliono esternalizzare e privatizzare anche le assunzioni, tenendo a lavorare in corsia medici che avrebbero tutto il diritto di godersi la meritata pensione, anziché assumere il personale necessario e riconoscergli un giusto salario.

*Dati tratti da Quotidiano Sanità

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Anche dai seggi elettorali si rilancia la riscossa

Lo scorso fine settimana si sono svolte le elezioni...

Solidarietà a Luciano Pasetti e a tutti i fermati di Piazza Duomo e non solo!

Lunedì 17 giugno p.v alle 14.00 presso il Tribunale...

[Siena] Duecento licenziamenti ad Amadori: insorgiamo!

Il Partito dei CARC, alla luce di quanto sta...

Le mobilitazioni contro il G7 in Puglia aprono la strada allo sviluppo della lotta

Da molti mesi, in particolare dopo la controffensiva della...