[Pistoia] Indicazioni di voto per le elezioni comunali 2022 a Pistoia

Domenica 12 giugno a Pistoia si terranno le elezioni amministrative per il rinnovo della giunta comunale. All’appuntamento si presentano 9 candidati sindaco e 19 liste in gara tra loro per la conquista del Palazzo di Giano. Lo stesso giorno si voterà anche per i cinque quesiti sulla riforma della giustizia.

Come comunisti del Partito dei CARC non concepiamo le elezioni politiche come il principale strumento per cambiare il corso disastroso che la borghesia ha imposto al paese. Per questo motivo abbiamo deciso di non candidarci in prima persona e di non accogliere le proposte ricevute di inserirci in altre liste. Lo strumento e la via principale per cambiare il corso disastroso delle cose sono l’organizzazione, la mobilitazione e l’iniziativa delle masse popolari nel solco della lotta per imporre un governo di emergenza popolare e per imporre amministrazioni locali di emergenza.

Ciò nonostante vogliamo dare delle indicazioni chiare e argomentate a tutti quei lavoratori ed esponenti delle masse popolari che non vogliono rinunciare ad esprimere la propria preferenza elettorale.

In prima istanza diciamo di NON votare per i partiti delle Larghe Intese (PD, M5S e alleati, FI, Lega, FdI) e per partiti e liste che di fatto sostengono la politica del governo Draghi (Sinistra per di Francesco Branchetti e Pistoia davvero di Iacopo Vespignani). Non esiste alcuna possibilità che a livello locale tali partiti o liste facciano qualcosa di diverso da quello che fanno a livello nazionale: sostenere gli interessi dei capitalisti, degli speculatori, della NATO e della UE. Non esistono “programmi locali” credibili, realmente alternativi: possono esistere sulla carta, ma sono menzogne o illusioni. Chi sostiene il governo della guerra e dell’economia di guerra o chi fiancheggia i partiti che lo sostengono è nemico dei lavoratori e delle masse popolari.

Le elezioni del 12 giugno hanno un valore politico specifico dato il contesto in cui si svolgono: partecipazione alla guerra imposta dal governo Draghi; crescente scollamento fra le larghe masse e le istituzioni borghesi; crescente mobilitazione delle masse popolari che resistono agli effetti della crisi. Benché non incidano direttamente sul governo del paese, le elezioni del 12 giugno sono uno strumento che può e deve essere usato indebolire il governo Draghi, i suoi padrini e sostenitori.

Alle elezioni amministrative diamo indicazione di votare per la Lista Onda Etica di Samuela Breschi o per il Partito Comunista di Roberto “Billo” Bardi.

Al referendum sulla giustizia, promosso dalla Lega di Salvini e dai Radicali, diamo indicazione di astenersi dal voto non ritirando la scheda per evitare il raggiungimento del quorum.

Per maggiori informazioni sui quesiti referendari visitate la tribuna/dibattito pubblicata sul sito del Partito dei CARC al seguente indirizzo: https://www.carc.it/category/tribuna-dibattito-referendum-giustizia-12-giugno-2022/).

In modi, forme e livelli differenti Onda Etica e Partito Comunista sono state le liste che più di tutte le altre si sono distinte per

  • aver usato la campagna elettorale con l’obiettivo di rafforzare i comitati ambientalisti e per i diritti e di coordinarli con i lavoratori delle aziende pubbliche e capitaliste
  • aver puntato il dito verso il governo Draghi e le forze politiche che lo sostengono (PD, M5S, FI, Lega, FdI, ecc.), indicandoli come i principali responsabili del corso disastroso delle cose che da decenni affligge la nostra città e il paese intero
  • aver intrapreso un percorso reale e concreto per avanzare nell’unità d’azione al fine di costruire un ampio e variegato fronte di lotta contro le Larghe Intese e per puntare a governare il paese,
  • nello specifico, per quanto riguarda i compagni del Partito Comunista, per aver tenuto alta la bandiera rossa con la falce e martello, aver promosso l’internazionalismo e la solidarietà di classe.

Ai lavoratori e alle masse popolari pistoiesi diamo indicazione di votare per una delle due liste sopra indicate, ma in modo particolare scrivere come voto disgiunto il nome di Rosanna Crocini.

La compagna Rosanna Crocini, della Lista Onda Etica, da sempre esercita un ruolo positivo a Pistoia: favorendo l’organizzazione e la mobilitazione delle masse popolari; mettendosi al servizio delle varie battaglie dei lavoratori e dei comitati popolari; facendosi promotrice della collaborazione tra i candidati delle liste che non rispondono alle logiche delle Larghe Intese e quindi mettendo in secondo piano la “concorrenza elettorale” in favore dell’unità d’azione.

Ai compagni e alle compagne di Onda Etica e del Partito Comunista rinnoviamo l’invito a proseguire il percorso di unità avviato prima della campagna elettorale.

Adoperarsi concretamente per la costruzione di un fronte anti Larghe Intese che promuove la mobilitazione, l’organizzazione e il coordinamento di studenti e lavoratori è la strada da seguire per avanzare verso la costruzione di un governo d’emergenza che metta realmente al centro della propria azione gli interessi delle masse popolari anziché quelli dei poteri forti!

Il segretario della sezione Pistoia del Partito dei CARC,

Cristian Boeri.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Pomigliano] La repressione non ferma la solidarietà con gli operai Stellantis!

Mercoledì 19 giugno una delegazione di una decina di...

[Bologna] Lettera ai compagni dello stabilimento IIA di Bologna

Il 3 giugno si è tenuta nel piazzale della...

Lotta contro la povertà assoluta nella Repubblica Popolare Cinese

Pubblichiamo a seguire uno scritto elaborato da una compagna,...