[Prato] I tamponi non devono essere bloccati ma requisiti e messi a disposizione dei sanitari!

Lettera aperta della sezione di Prato
ai lavoratori della sanità,
ai cittadini,
ai consiglieri comunali e regionali che vogliono mettersi dalla parte delle masse popolari,
agli attivisti, compagni, esponenti sindacali

Nei giorni scorsi la stampa locale ha riportato la notizia di tamponi a disposizioni delle strutture private del territorio e messi in vendita. Il sindaco e la Regione Toscana si sono mossi per bloccare le procedure di analisi per i tamponi all’interno dei laboratori e hanno precisato che i tamponi fatti nell’ambito privato non avranno validità ai fini di ulteriori analisi; Rossi ha poi aperto alla possibilità di un accordo con il privato. 

Quei tamponi non vanno bloccati e lasciati in attesa, ma requisiti e messi a disposizione (senza accordi e laute convenzioni per curare i profitti dei privati) dei lavoratori della sanità! 

L’emergenza sanitaria, economica e politica ha messo a nudo e ha fatto esplodere i mille problemi e le mille emergenze che esistevano anche prima. È emerso in tutta la sua evidenza lo sfacelo in cui da decenni versa il Sistema Sanitario Nazionale e gli ospedali sono diventati veicolo di contagio anziché argine al virus. Gli ospedali sono trincee, le fabbriche e gli uffici sono luoghi di contaminazione di massa, le case sono diventate prigioni per i cittadini e le carceri mattatoi per i detenuti. A fronte di misure parziali le strade sono pattugliate da polizia ed esercito e agli anziani, a quei pensionati che con il lavoro di una vita hanno contribuito a costruire quello che c’è di positivo in questo paese, è riservata oggi una vita in isolamento per la paura del contagio o la morte in solitudine.
La classe dominante ha sprofondato la società in una situazione in cui i piagnistei e le rivendicazioni non servono a niente.
Bisogna urgentemente porre le basi per gestire in modo democratico, solidale, efficace e risoluto l’emergenza sanitaria in corso e le emergenze economiche e politiche che continueranno e si aggraveranno anche dopo che l’emergenza sanitaria dovuta alCovid-19 sarà superata.

Lavoratori della sanità

Non mettete la vostra salute, quella delle vostre famiglie, di tutte le masse popolari della città nelle mani del governo, della regione e del sindaco. Loro sono quelli che hanno portato il SSN a essere quello che è oggi e a mettervi nelle condizioni di lavoro in cui siete! 
Solo voi avete l’interesse di applicare le misure che servono a tutelare la vostra salute e la vostra sicurezza! Siete voi che potete prendere in mano le sorti del SSN e del diritto alla salute! 
Dicono che non ci sono i tamponi e strumenti per poterli effettuare ma poi i tamponi sbucano e anche i laboratori dove analizzarli, solo che sbucano a pagamento, come merce su cui speculare!
Quello che nel concreto potete fare da subito è:

In questo modo costruirete nella pratica la soluzione all’emergenza, farete pressione sull’amministrazione locale perché prenda tutte le misure in suo potere e porrete fine alla narrazione che vi vede angeli o martiri.

Sindaci del distretto sanitario, consiglieri comunali e regionali  

Fate quanto è in vostro potere per requisire i tamponi e tutte le strutture sanitarie private ai fini della risoluzione dell’emergenza! 
In questa emergenza sanitaria, economica e politica schieratevi dalla parte delle masse popolari!
I poteri che avete per farlo sono molti: l’articolo 41 della Costituzione legittima alla requisizione, senza indennizzi, delle strutture private che non siano destinate al benessere collettivo, in questa fase è evidente quanto questo non accada con le strutture sanitarie private e con i tamponi fatti privatamente; convocate immediatamente un incontro straordinario con il dirigente dell’ASL del distretto per destinare i tamponi a disposizione delle strutture private a favore dell’ASL; fate pressioni sulla Regione Toscana affinché prenda misure atte a tutelare la salute dei lavoratori della sanità requisendo dal privato, oppure fatelo direttamente usando le vostre relazioni, la vostra visibilità e i vostri poteri. Le masse popolari vi sosterranno!
Mettersi al servizio della masse popolari significa rompere con consuetudini, diktat e poteri forti e significa usare tutti i poteri di cui disponete per perseguire il benessere della collettività e non quello degli speculatori! 

Compagni  

L’emergenza sanitaria, economica e politica ha portato alla luce del sole una situazione già al collasso. La lotta per un vero SSN deve essere appoggiata e promossa in ogni forma! L’emergenza sanitaria è esplosa in modo dirompente in un contesto in cui convivevano altre emergenze (devastazione dell’ambiente, disoccupazione e precarietà, degrado morale e intellettuale), ognuna delle quali non aveva e non ha soluzione nell’ambito della società capitalista.
Non è il momento di aspettare ma dipromuovere, ovunque e con ogni mezzo, l’organizzazione, il coordinamento e la mobilitazione delle masse popolari. Bisogna sviluppare un fronte quanto più ampio possibile in cui convogliare tutte le forze a sostegno di questa lotta e a sostegno dei lavoratori della sanità pubblica, messi a tacere dal pesante ricatto del vincolo di fedeltà aziendale! Bisogna supportare quei lavoratori e fare pressione con ogni mezzo sulla Regione e sul Governo nazionale affinché vengano prese immediatamente tutte le misure necessarie o attuare direttamente quelle che è possibile, che abbiamo la forza di attuare attraverso la mobilitazione dei lavoratori e del resto delle masse popolari per requisire le strutture sanitarie private e riaprire quelle chiuse! Farsi garanti del diritto dei lavoratori della sanità di organizzarsi e vigilare sul proprio posto di lavoro e per la tutela del diritto alla salute. 

I tamponi non devono essere bloccati ma messi a disposizione dei lavoratori della sanità senza accordi e indennizzi! 
Non è il momento di aspettare “come si metteranno le cose”, non dobbiamo affidarci a padroni, speculatori e affaristi!
Per una situazione di emergenza servono misure di emergenza! Andrà tutto bene solo con l’organizzazione e la mobilitazione operaia e popolare per imporre le misure d’emergenza che servono! 

7 APRILE – GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE – MOBILITIAMOCI PER UN NUOVO E VERO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] FESTA DI RISCOSSA POPOLARE ’24 DELLA FEDERAZIONE LAZIO DEL P.CARC

PROGRAMMA FESTA DELLA RISCOSSA POPOLARE 2024 SABATO 25 MAGGIO -...

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!