Di seguito il testo con cui ADL Cobas Lombardia convoca una giornata di confronto, riflessione e coordinamento per le mobilitazioni del prossimo autunno. NON è un’iniziativa di tipo elettorale – tutt’altro – ma lo spirito di riscossa che la anima è lo stesso che serve agli organismi operai e popolari per irrompere nel teatrino della politica borghese e ribaltare il tavolo!
Agli organismi, ai movimenti, ai comitati di Milano e della Lombardia, l’invito a partecipare, a coordinarsi, a insorgere!

Il VOTO NON BASTA RIEMPIAMO LE PIAZZE.
Appello ai compagni e alle compagne che andranno a votare, a quelli che non ci andranno e a quelli che non ci sono mai andati.
La campagna elettorale è iniziata, i muri si riempiranno di facce fin troppo note, slogan razzisti e programmi contro lo Stato Sociale, martoriato indistintamente dai “diversi” colori partitici e, finite le elezioni le condizioni di diseguaglianza e oppressione si amplificheranno, in particolare per chi è già discriminato e sfruttato.
Quest’autunno il connubbio guerra e grande finanza, che tra armi, sanzioni e quotazioni in borsa sta facendo lievitare il prezzo del gas, dell’energia e di tutte le merci, impoverirà tutti tra prezzi in continuo aumento, bollette impagabili, chiusura di aziende e relativi licenziamenti. Mentre aumenta il rischio di tornare al nucleare e all’aumento dell’utilizzo dei combustibili fossili.
Mobilitarsi contro l’economia di guerra che vorrebbero imporre, per la moltitudine è un problema di sopravvivenza, da porre subito, contro ogni finta via di uscita nazionalista, tipica di un’estrema destra che cercherà di celare il problema tra chi si arricchisce e chi viene sfruttato e si impoverisce in una finta univocità raccolta attorno all’identitá nazionale.
Questi sono solo alcuni dei motivi che dovrebbero portarci a riempire le piazze di ogni città; basti pensare al movimento per la giustizia climatica, rimasto inascoltato, ai diritti negati alle lavoratrici, ai lavoratori, a precari e a disoccupati, ai conflitti che insanguinano il pianeta e all’economia che generano, colpendo in particolare le persone più deboli e vulnerabili e quelli che non ce la facevano neanche prima con un carovita insostenibile per tutti
Tali condizioni dovrebbero bastare a scatenare una reale opposizione sociale, fatta di corpi che occupano gli spazi fisici del potere e quelli mentali della costruzione di una reale alternativa che restituisca dignità e libertà alle nostre vite.
Il 16 settembre tornerà a Milano la 99 Posse. Per noi questa data non rappresenta solo un concerto, ma l’opportunità di riflettere, condividere e dotarci di strumenti comuni di resistenza e lotta.
Immaginiamo questa iniziativa come una giornata aperta, pubblica nel solco delle diversità che ci identificano e delle speranze di cambiamento che ci accomunano. Una giornata di riflessioni, ma soprattutto di proposte concrete, capaci di ricostruire quegli orizzonti di ribellione, inclusione ed eguaglianza verso i quali continuiamo a tendere.
Crediamo che Milano, laboratorio delle peggiori politiche liberiste, abbia un debito con la propria storia, fatta di lotte operaie e movimenti radicali e moltitudinari.
Quella moltitudine è ancora lì, forse sopita, forse frustrata, mai rassegnata.
Perché dunque non provare a restituirle protagonismo e conquista dei diritti scippati dalle Multinazionali, dai Banchieri e da politicanti asserviti?
Non ci resta che sederci insieme, senza gerarchie o prevaricazioni, per capire come scuotere le coscienze e mettere in moto la ribellione di chi è vittima di un sistema di abuso, sfruttamento e sopraffazione
Per questo invitiamo tutte le soggettività e le realtà che sentono questa urgenza a confrontarsi su tematiche fondamentali quali: crisi climatica, guerre ed economia di guerra, repressione sindacale e sociale, resistenza e riappropriazione degli spazi sociali, abbandonati o sacrificati sull’altare della speculazione edilizia.
Noi lo faremo a modo nostro, non dimenticandoci che la “Gioia è rivoluzione e che non può esistere rivoluzione senza gioia”. Per questo al termine dei dibattiti si partecipa tutti al concerto della 99 Posse, colonna sonora delle lotte degli ultimi trent’anni.

Vedi descrizione su Facebook

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi