Roma affonda nella speculazione e risorge con la mobilitazione popolare: la costruzione di nuove autorità dal basso

“L’operazione “mondo di mezzo” che ha scoperchiato la fogna di intrighi, malavita, affari che regola da anni l’amministrazione di Roma è la manifestazione di quella guerra per bande in cui la classe dominante è avviluppata. Tutto il clamore attorno a intercettazioni, atti, relazioni che emergono dall’inchiesta è il clamore di chi non voleva vedere, faceva finta di non vedere che “mafia-capitale” è un sistema che regola il governo delle città e, in definitiva, di tutto del paese.
Chi ancora non vede, o fa finta di non vedere, che non è una questione di PdL o PD, fa in un modo o nell’altro, consapevolmente o meno, il gioco di questa o quella fazione della classe dominante. E in particolare del Vaticano: nessun mezzo di “informazione”, nessun giornalista d’inchiesta, nessun esponente politico di livello nazionale, nessun mezzo di comunicazione e formazione dell’opinione pubblica chiama in causa il Vaticano, benché proprio lì, a Roma, “non si muove foglia che il Vaticano non voglia”.
La questione è una: che siano “eminenze grigie” o “volti pubblici”, politicanti o faccendieri, portaborse o funzionari, amministratori o ragionieri… il più sano ha la rogna. La questione è che siamo di fronte non a un ramo marcio del sistema, siamo di fronte alla rappresentazione del sistema economico, politico, amministrativo che è così, marcio” (dal Comunicato della DN del P.CARC del 09.12.14 – Occhio non vede, cuore non duole).

Non sappiamo dire se l’operazione mafia-capitale sia stata innescata per dare la botta finale a Marino (che ha resistito al risibile scandalo delle multe per divieto di sosta non pagate…), o per mettere in difficoltà Renzi (visti i legami conclamati del suo ministro Poletti e quelli che emergono di altri rappresentativi esponenti dei “rottamatori” come la Picierno, se sia un modo per regolare i conti nel PD, visto il coinvolgimento di assessori e altre “personalità” del partito, o un regolamento di conti nel campo della destra reazionaria (dati i legami fra neofascisti e l’implicazione di Alemanno): è uno dei quei casi in cui, scoppiato il bubbone, il più furbo prova a portare a casa il bottino a scapito del concorrente.
In ogni caso si tratta di un’operazione che dimostra praticamente la necessità di una nuova governabilità ad opera delle organizzazioni operaie e popolari.

Dove iniziare? Esempi ce ne sono a iosa. Cioè esistono già, non si tratta di inventare niente. Ne trattiamo due.
Gruppi di Allaccio Popolare. Sono entrati in azione e con grande pubblicità: manifesti, foto e report delle azioni, concretamente iniziano a far rispettare il Referendum sull’acqua pubblica (una sorta di decreto attuativo su mandato popolare), riallacciando l’acqua alle famiglie che vengono private del servizio per morosità. La strada che aprono i Gap è una risposta chiara a tutte le leggi e i decreti che il governo promuove soprattutto contro le fasce più deboli delle masse popolari, una forma di organizzazione semplice (basta qualcuno che abbia competenze e convinzione), che facilmente entra in sinergia con altre mobilitazioni (per il diritto alla casa, ad esempio) e risponde in modo concreto alla privatizzazione dell’ACEA.
Mobilitazione per il diritto al lavoro. Partendo dalla consapevolezza che “non è vero che i soldi non ci sono e non è vero che il lavoro non c’è”, disoccupati e precari si stanno organizzando in liste di lotta per il lavoro. Attualmente l’esperienza più avanzata è quella della lista di Ponte di Nona (ma esperienze simili sono in corso anche in quei quartieri popolari dove la guerra tra poveri si acuisce e balza alle cronache dei media come Tor Sapienza, Tor Pignattara…) che ha organizzato l’occupazione di uno dei quattro asili chiusi e inutilizzati (a fronte di una richiesta fra le più alte di Roma) come momento di visibilità, propaganda e organizzazione.
Sull’onda di questa esperienza, anche nel VII Municipio di Roma, alcuni organismi (tra cui il nostro Partito) stanno lavorando per creare una lista di disoccupati e precari che si organizzi  per iniziare a risolvere il problema della disoccupazione e del degrado dilagante. La parola d’ordine è diventata “creare 2000 posti di lavoro” stimati tra vertenze in corso di aziende che i capitalisti vogliono smantellare (Cinecittà Studios, Policlinico Tor Vergata, reduce da una vittoria contro i 200 licenziamenti annunciati), impiego nella valorizzazione del patrimonio pubblico abbandonato o in disuso (Parco archeologico di Centocelle, ex deposito Atac).
L’obiettivo è costringere, con le buone o con le cattive, i Municipi e le istituzioni competenti, a impegnare i fondi strutturali europei per dare lavoro ai disoccupati e in servizi utili al quartiere. L’ambizione del progetto sta nel superare i confini municipali e promuovere la stessa mobilitazione anche in altri quartieri.

La fogna a cielo aperto di mafia-capitale e la lotta per il diritto al lavoro, che c’entrano? I 1500 dipendenti della cooperativa mafiosa di Buzzi, finiti in mezzo a una strada per i traffici del padrino di turno, che faranno? Devono ridursi a chiedere la carità a qualche altro luogotenente del Vaticano o della malavita? Devono prostituirsi a qualche politicante? Sono l’esempio di quanto e come le masse popolari, se non si organizzano attorno a un progetto che mette al centro i loro interessi generali, sono massa di manovra per alimentare la guerra fra poveri.
Roma è la città che più di ogni altra subisce l’influenza morale e materiale della cappa di corruzione, dei traffici, degli inciuci, della decadenza e della criminalità della classe dominante. E’ la città del nostro paese in cui la Corte pontificia è più ramificata e in cui i legami con le cupole degli altri poteri palesi e occulti che governano il paese sono più stretti. Che in tempi di stravolgimenti politici, economici, finanziari, significa che sono anche più fragili e scricchiolanti. E’ la città, quindi, in cui le masse popolari organizzate possono dare impulso a una sollevazione generalizzata e in cui la sperimentazione di costruzione della governabilità dal basso ha prospettive e potenzialità che possono fare scuola: sono queste le basi per alimentare il processo di costruzione di Amministrazioni Comunali di Emergenza.

gestire i territori carc

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] FESTA DI RISCOSSA POPOLARE ’24 DELLA FEDERAZIONE LAZIO DEL P.CARC

PROGRAMMA FESTA DELLA RISCOSSA POPOLARE 2024 SABATO 25 MAGGIO -...

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!