Qualcuno dice che Resistenza è troppo difficile…

resistenza

Alcuni compagni ci dicono che Resistenza usa un linguaggio e tratta di argomenti che le larghe masse popolari non capiscono. E portano gli esempi dei loro vicini di casa, di qualche loro collega o parente o amico, ecc.
La questione, però, non è se le larghe masse capiscono o meno Resistenza, il linguaggio che usiamo, i temi che trattiamo o le tesi che affermiamo; la questione è se loro, i compagni che lo leggono e con cui lo discutiamo, lo capiscono. Perché in effetti il giornale è rivolto principalmente a loro, non alle larghe masse.

Noi abbiamo bisogno di costruire unità di indirizzo fra quella parte più avanzata delle masse popolari, degli operai avanzati, della base rossa: quelli che per esperienza, per volontà di cambiamento, per spirito critico, già fanno “ragionamenti complessi”, si chiedono come va il mondo, vogliono imparare a capirlo e a trasformarlo. Attraverso la parte più avanzata, le sue idee, il modo con cui traduce in pratica le idee, il movimento comunista raggiunge le larghe masse, ne diventa guida pratica, intellettuale e morale in fabbrica, a scuola, nei quartieri.

Quando questi compagni ci dicono che loro il giornale lo capiscono, ma le larghe masse no, ragionano in modo opposto a quello che utile a loro, alle larghe masse e alla rinascita del movimento comunista: si pongono nel campo delle larghe masse anziché in quello a cui veramente appartengono, il campo degli elementi avanzati. Quando facciamo loro notare che questo è un modo per non assumersi responsabilità nei confronti delle larghe masse che già oggi possono assumere, di svolgere compiti, attività e iniziative che già oggi possono svolgere, il discorso cambia. E diventa: quanto Resistenza è utile agli elementi avanzati delle masse popolari per fare meglio quello che già fanno? Quanto li aiuta a comprendere il contesto in cui operano, a definire obiettivi, a decidere una linea, a fare il bilancio dell’esperienza, a conoscere esperienze da cui attingere insegnamenti e orientamento?
La critica che ci è utile come l’aria che respiriamo è su questi argomenti. E su questi argomenti vi invitiamo a criticare il nostro lavoro, per contribuire a migliorarlo.

abbonati a resistenzaLeggere Resistenza per conoscere il mondo, usare Resistenza per trasformarlo, abbonarsi a Resistenza e far abbonare colleghi, parenti, amici e compagni per sostenere anche economicamente lo strumento che, anche grazie alle critiche dei suoi lettori, sostiene gli elementi avanzati delle masse popolari a costruire la società del futuro.

 

 

 

Richiedi l’abbonamento

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[ROMA] FESTA DI RISCOSSA POPOLARE ’24 DELLA FEDERAZIONE LAZIO DEL P.CARC

PROGRAMMA FESTA DELLA RISCOSSA POPOLARE 2024 SABATO 25 MAGGIO -...

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!