Bilancio dell'operato del M5S

Per valorizzare il ruolo positivo che il M5S ha svolto bisogna prima di tutto prendere atto che dalla sua disgregazione sono nate varie componenti che si pongono l’obiettivo di raccoglierne il testimone. Per dare seguito a questa volontà è necessario concentrarsi con serietà sul bilancio dell’esperienza: rendere pubbliche le riflessioni che si fanno e gli insegnamenti che si ricavano, scoprire tutti “gli altarini” e coinvolgere le masse popolari nel dibattito, tirare conclusioni che siano collettive.

Abbiamo scritto una Lettera aperta agli eletti nelle file del M5S ovunque collocati oggi in cui sintetizziamo gli elementi principali dell’analisi che proponiamo e sottoponiamo alla discussione. La lettera sta circolando e stiamo accompagnando la sua diffusione con una serie di interviste a portavoce nazionali e regionali che sono stati espulsi o che sono usciti dal M5S, attivisti storici, elettori delusi, ma anche a quanti sono rimasti e vogliono assumere un ruolo positivo nella situazione politica.

Questo spazio del sito è dedicato a raccogliere riflessioni e contributi e rimarrà aperto a ogni intervento costruttivo, utile a favorire il ragionamento collettivo.

Leggi la lettera

Nel 2018 il M5S ha incanalato sul piano elettorale tutta la spinta al cambiamento che negli anni precedenti, partendo dalle fabbriche, aveva attraversato il paese (vedi articolo “Dieci anni di mobilitazioni contro le Larghe Intese”). Oggi che il M5S – per come lo avevamo conosciuto – non esiste più, la spinta al cambiamento è invece ben presente e urgente. Le crepe che si aprono nel M5S ne scavano di conseguenza altre nel governo Draghi, di cui il M5S è componente essenziale per la maggioranza in parlamento. Le settimane che abbiamo di fronte sono gravide di significativi sviluppi e trarre i giusti insegnamenti dall’esperienza è essenziale. Draghi è un gigante dai piedi di argilla: la questione all’ordine del giorno non può ridursi a promuovere un’opposizione senza se e senza ma al suo governo, ma deve comprende – inevitabilmente – il ragionamento su quale deve essere l’alternativa ad esso. L’esperienza dei governi del M5S dimostra inequivocabilmente che le Larghe Intese sono disposte a usare ogni mezzo pur di impedire la costituzione di un governo che opera fuori dal loro controllo, che non esistono scorciatoie e che dimostrarsi responsabili e conciliatori è la strada più efficace per farsi mettere fuori gioco.

Scrivici a carc@riseup.net

Interviste e contributi

[Italia] Lettera aperta agli eletti nel 2018 nelle file del M5S. O di qua o di là. Il 18 settembre è un bivio

Chi è stato eletto nel 2018 nelle file del M5S, indipendentemente da dove è collocato oggi (M5S, Alternativa c’è, gruppo misto, sinistra...

Intervista a Delio Fantasia, operaio Stellantis ed ex membro del meet-up di Formia (LT)

Qual è stata la tua esperienza del Movimento 5 stelle? Sei stato uno dei primi attivisti dei Meet Up di Formia...Si, io...

Intervista a Francesca Frediani, consigliera regionale in Piemonte

Francesca Frediani, Consigliera regionale in Piemonte Partiamo da una tua valutazione dell’analisi che abbiamo fatto rispetto alla china...

Intervista a Massimiliano Morosini

Massimiliano Morosini, Consigliere all’VIII Municipio di Roma dal giugno 2016 all’aprile 2017

Intervista a Leda Volpi – l’Alternativa c’è

Leda Volpi, eletta nel 2018 alla Camera, attualmente aderente alla componente parlamentare l’Alternativa c’è Abbiamo sentito molte volte imputare...

[Bologna] Lettera aperta agli attivisti e agli elettori M5S: alle comunali, NO all’alleanza con il PD!

In autunno si terranno le elezioni Amministrative qui e in altre importanti città del paese (Roma, Milano, Napoli e Torino), ma la...

Intervista a Jessica Costanzo – l’Alternativa c’è

Jessica Costanzo, eletta nel 2018 alla Camera, attualmente aderente alla componente parlamentare l'Alternativa c'è Jessica, il nostro ragionamento inizia...

Lettera aperta del Segretario Generale del (n)PCI a Elisabetta Trenta e ad altri ex ministri e autorevoli esponenti del M5S

Il (nuovo) Partito comunista italiano augura che l’annuncio segni l’inizio del contributo che lei può dare alla trasformazione del nostro paese nelle...