Il diritto di sciopero si difende scioperando!

Per la seconda volta in neanche tre settimane il ministro delle Infrastrutture Salvini ha chiesto la precettazione davanti a uno sciopero regolarmente indetto, quello del trasporto pubblico locale di venerdì 15 dicembre proclamato da Adl Cobas – Cobas Lavoro Privato, Sgb, Cub Trasporti e Usb appellandosi al “grave pregiudizio” che l’interruzione di un pubblico servizio potrebbe comportare alle persone.

Per soffocare la mobilitazione contro l’approvazione della finanziaria, contro la guerra e il carovita, quindi, Salvini ha imposto una riduzione della durata da 24 a 4 ore come aveva già fatto in vista del 27 novembre, data inizialmente prevista per lo sciopero promosso dalle sigle sindacali di base e come aveva provato a fare per lo sciopero generale del 17 novembre indetto da Cgil e Uil.

Dopo l’ordinanza di Salvini, Usb Lavoro privato ha comunicato che “provvederà” a richiedere al Tar di competenza la sospensiva dell’ordinanza e che in ogni caso disobbedirà alla riduzione oraria imposta dal ministro, confermando lo sciopero nazionale di 24 ore. Oltre a questo sempre Usb ha convocato insieme ad altre forze politiche, movimenti sociali e studenteschi una manifestazione a difesa del diritto di sciopero e contro l’arroganza del ministro che si terrà venerdì 15 dicembre alle ore 17:00. Il corteo partirà da piazza Aldo Moro e si concluderà sotto le finestre del ministero.

La linea affermata da Usb di non rispettare la precettazione e indire una manifestazione contro Meloni, Salvini e i loro attacchi al diritto di sciopero è giusta. Tutti i sindacati di base, a partire da quelli promotori dello sciopero del 15 dicembre, devono fare lo stesso e promuovere la massima partecipazione alla manifestazione di Roma.

Devono fare lo stesso tutti i lavoratori, siano essi iscritti ai sindacati di base, alla triplice o a nessun sindacato, aderire allo sciopero e partecipare alla manifestazione. Scioperare è un diritto di tutti i lavoratori e il modo migliore per difendere questo diritto è scioperare!

https://www.youtube.com/watch?v=p24MHtyH9EM

In ogni luogo di lavoro ribellarsi alla precettazione

Aderire e sostenere lo sciopero, quindi, si può fare in più modi. Questo perché ribellarsi alla precettazione di Salvini significa innanzitutto promuovere la più ampia partecipazione dei lavoratori appartenenti a ogni azienda e ad ogni categoria. Anche un piccolo gruppo di lavoratori determinati e ben sostenuti dai propri rappresentanti sindacali può organizzarsi, attivandosi e sfruttando le coperture sindacali attraverso:

  • lo sciopero delle mansioni, per mancanza di sicurezza e tutele: la strage di Brandizzo del 30 agosto, gli incidenti ferroviari nel cosentino del 28 novembre e a Cosina di Faenza del 10 dicembre, sono esempio dello stato di degrado e insicurezza nel settore dei trasporti;
  • lo sciopero dello straordinario e il rifiuto di sopperire alla cronica mancanza di personale (altro che interruzione del pubblico servizio per via dello sciopero, è necessario aumentare mezzi e assunzioni!);
  • lo sciopero di rendimento: rallentando i mezzi e i ritmi di lavoro, per ragioni di sicurezza e di rispetto delle norme che sistematicamente i lavoratori sono costretti a violare per poter lavorare;
  • lo sciopero a singhiozzo e lo sciopero a scacchiera laddove ci sono le condizioni per bloccare i trasporti con la partecipazione anche soltanto di una parte del personale.

Tante altre sono le forme di lotta che possono essere messe in campo a difesa del diritto di sciopero che va esercitato in ogni forma possibile e su questa strada bisogna mobilitare anche i rappresentanti sindacali delle organizzazioni confederali e i loro iscritti.

Superare la logica della concertazione

La precettazione di Salvini e le riduzioni del margine di lotta e conflitto per i lavoratori e le rappresentanze sindacali non cadono dal cielo, sono lo sviluppo di un attacco ai diritti dei lavoratori che va avanti de decenni. Nel 1990 Cgil, Cisl e Uil sostennero l’introduzione della legge 146/90 (“Norme sull’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati. Istituzione della Commissione di garanzia dell’attuazione della legge”) e negli anni hanno sostenuto tutte le integrazioni, sempre più restrittive. 

Nel corso del tempo Cgil, Cisl e Uil si sono appellate molte volte al rispetto di questa legge per frenare l’iniziativa dei lavoratori con la scusa che non si potesse “uscire dalle regole e dalla legge”. E hanno fatto spallucce quando la Commissione di garanzia vietava gli scioperi dei sindacati di base.

È quindi nel nome della concertazione imboccata dai sindacati di regime, alla quale anche i sindacati di base, al di là dei proclami si sono via via allineati, che negli anni Cgil, Cisl e Uil hanno permesso che la Commissione di garanzia, ad esempio, vincolasse la stesura dei contratti collettivi nazionali a norme arbitrariamente stabilite e in questa fase ne hanno pagato lo scotto. Ogni volta che Cgil, Cisl e Uil hanno fatto appello al “rispetto della legge e delle regole” non hanno tutelato i lavoratori, ma hanno rafforzato le regole e la legge dei padroni.

Hanno fatto tutto questo nonostante persino le stesse leggi che normano il diritto di sciopero contengono appigli per i lavoratori per rifiutare la precettazione e scioperare. L’articolo 2, comma 7, della Legge 146/90, dice infatti che le disposizioni in tema di preavviso minimo dello sciopero e di indicazione della durata “non si applicano” nei casi di astensione dal lavoro in difesa dell’ordine costituzionale o “di protesta per gravi eventi lesivi dell’incolumità e della sicurezza dei lavoratori”.

In ogni caso lo sciopero e le mobilitazioni dei lavoratori non si organizzano e promuovono sulla base della volontà di un governo, di un ministro e neanche di una legge. Il diritto allo sciopero, anzi, è sempre legittimo e appartiene all’unica vera legge che regola i rapporti nella società capitalista, la lotta di classe. È per questo che si è scioperato anche sotto il re o il fascismo, figurarsi con Salvini o la Meloni. La verità, quindi, è che rispetto a questi attacchi non è più possibile limitarsi a parare i colpi, è necessario passare all’attacco e superare la logica della concertazione.

Cacciare il governo Meloni

Lo scontro sulle precettazioni e le altre limitazioni del diritto di sciopero ha assunto un ruolo centrale. Il braccio di ferro che sta scaturendo può spingere ina avanti tutto il movimento di opposizione, protesta e lotta contro il governo Meloni e far assumere ai sindacati alternativi e di base un importante ruolo di centro promotore della lotta non solo contro il governo Meloni, ma per la sua cacciata.

I sindacati conflittuali, alternativi e di base hanno una grande opportunità di dare un contributo al cambiamento generale della società, sviluppando l’azione anche sul terreno politico e perciò usare gli scioperi e le manifestazioni per confrontarsi e coordinarsi a un livello superiore, per spingere i lavoratori ad organizzarsi e ad attuare direttamente le misure che servono a difesa del diritto di sciopero, del salario, del lavoro e dei diritti.

L’azione cosciente delle organizzazioni operaie e popolari, dei sindacati di base e combattivi, dei movimenti e delle reti sociali può rovesciare il governo Meloni e creare le condizioni per imporre un Governo di emergenza delle masse popolari organizzate. Un Governo che prenda misure immediate e urgenti per far fronte alla crisi imperante e dello stato catastrofico delle cose.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...