I BRICS si allargano

Il 24 agosto a Johannesburg in Sud Africa si è tenuto il vertice dei Brics (acronimo di Brasile, Federazione Russa, India, Repubblica Popolare Cinese e Sud Africa). L’incontro segna un’importante svolta: è stato annunciato l’allargamento dell’organizzazione ad altri sei paesi: Iran, Argentina, Egitto, Etiopia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Altri ventitré paesi, tra cui l’Algeria e il Venezuela, hanno presentato domanda formale di adesione.

Già prima del vertice, e con maggiore frenesia dopo il suo evidente successo, i media di regime hanno sfornato una valanga di articoli per convincere l’opinione pubblica del fatto che i Brics non sono un’alternativa alla Comunità Internazionale degli imperialisti né un ostacolo alle sue manovre. Ma la vera notizia, di portata storica, sono proprio i passi in questa direzione che i media si affannano a negare.

Il coordinamento tra i Brics nasce a partire dal 2009. Nei vent’anni trascorsi, il peso economico di questi paesi è enormemente cresciuto, così come quello demografico. Con l’allargamento ai sei nuovi membri, che scatterà nel 2024, questa organizzazione rappresenterà il 36% del Pil e il 37% della popolazione dell’intero pianeta.

Oggi i Brics non sono più l’organizzazione di paesi emergenti, ma tutto sommato marginali, che era in origine. Riunisce infatti attori decisivi sulla scena mondiale e tra essi un peso determinante ce l’hanno proprio i principali concorrenti della Comunità Internazionale degli imperialisti sul piano politico, economico e militare: la Federazione Russa e la Repubblica Popolare Cinese.

Un esempio del rilievo che stanno assumendo i Brics è la discussione sull’abbandono del dollaro come valuta degli scambi internazionali in favore di una nuova moneta appositamente creata. A questo si aggiunge l’attività della Nuova Banca di Sviluppo, con sede a Shanghai, istituzione alternativa al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Mondiale, nati dagli accordi di Bretton Woods e controllati dagli imperialisti.

Lo sviluppo dei Brics è positivo? La risposta è sì, ma è importante capirne bene i motivi.

Alcuni compagni lo interpretano come un’accelerazione verso un mondo multipolare, dove il dominio degli imperialisti Usa sarà sostituito dall’equilibrio tra diverse potenze. Abbiamo più volte spiegato che l’equilibrio multipolare NON è una prospettiva realistica: quanto più gli imperialisti Usa e la loro Comunità Internazionale perdono il ruolo di dominio incontrastato sul mondo, tanto più lo scontro si sposta sul piano della guerra economica, commerciale, delle valute e militare. Tuttavia, i fattori che alimentano la tendenza alla guerra – tipica della fase imperialista del capitalismo – sono esattamente gli stessi che alimentano la nuova ondata mondiale della rivoluzione proletaria.

Il rafforzamento e lo sviluppo dei Brics indebolisce la borghesia imperialista, crea condizioni e prospettive più avanzate per l’azione e l’opera dei comunisti di ogni paese.

Manovre Nato nel Pacifico
Il 12 luglio al vertice Nato tenuto a Vilnius hanno partecipato delegati dal Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. La loro presenza è stata occasione per discutere della “minaccia cinese”, cioè di come espandere la Nato nell’Indo-Pacifico per sviluppare l’accerchiamento della Repubblica Popolare Cinese, del cui contenimento parla apertamente anche la dichiarazione finale, documento solitamente ben più vago nell’indicare i temi discussi.
Le manovre di allargamento della Nato non si limitano quindi all’accerchiamento della Federazione Russa: l’altro loro bersaglio è la Repubblica Popolare Cinese e la guerra in Ucraina è solo una parte della più generale offensiva contro “i nemici degli Usa”.
Ma non mancano le contraddizioni interne al fronte imperialista: la proposta di costruire un ufficio fisico a Tokyo per il momento è stata respinta per l’opposizione della Francia, risentita per essere stata esclusa dall’alleanza nell’Indo-Pacifico tra Australia, Gran Bretagna e Usa, che hanno anche soppiantato Parigi nella fornitura di sottomarini a Camberra.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente
Articolo successivo

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

Il 31 maggio a Reggio Emilia iniziativa del Comitato di solidarietà con la Bielorussia

Alla presenza dell’incaricato d’affari facente funzione di ambasciatore Kiryl Piatrousky

Irruzione nella campagna elettorale? Alcuni esempi

Quando parliamo di irruzioni nella campagna elettorale cosa intendiamo?

[Pozzuoli] Ancora scosse a Pozzuoli. Dichiariamo lo stato di emergenza

Individuare e imporre dal basso le misure necessarie a mettere in sicurezza il territorio!