[Napoli nord] Vertenza Baker-Hughes di Casavatore – Nessun lavoratore deve essere licenziato!

Gli operai della Baker Hughes ormai da una settimana stanno portando avanti la loro vertenza a sostegno di un lavoratore che con una scusa (un diverbio con un collega) è stato licenziato dall’azienda per “giusta causa”. Ma la giusta causa degli operai non è quella dei padroni!

Gli operai si sono sin da subito in solidarietà del loro compagno hanno deciso di uscire dalla fabbrica, portando la loro lotta tra i quartieri della città chiamando alla solidarietà i suoi abitanti. Hanno fatto appello alla solidarietà di tutte le realtà organizzate del territorio.

Si sono presi la parola durante la conferenza stampa organizzata dal Movimento 5 stelle a Secondigliano, spingendo amministratori locali e parlamentari a mettersi a servizio della loro lotta.

Hanno costruito così una rete di solidarietà intorno alla fabbrica: una rete costruita pezzo dopo pezzo col contributo e delle esperienze di lavoratori e abitanti del quartiere.

La lotta della Baker Hughes di Casavatore è la dimostrazione della forza di cui è capace la classe operaia quando si organizza e chiama alla mobilitazione il resto delle masse popolari. Per questo la loro vertenza – oltre all’obiettivo di reintegrare l’operaio licenziato – deve essere un ‘occasione per costruire sin da subito un collettivo di lavoratori dentro l’azienda, in modo da non disperdere quanto costruito in questi giorni, essere più forti dentro e fuori dalla fabbrica per rimandare al mittente ogni attacco padronale e repressivo.

Questa la strada per sviluppare tutto il potenziale della vertenza in corso e darsi gli strumenti per lottare per migliori condizioni di lavoro, di salario e imporre tutte le misure che servono agli operai e alle masse popolari.

Per ogni licenziamento e sopruso portato avanti dai padroni in fabbrica non c’è giusta causa che tenga. L’unica giusta causa è quella dei lavoratori che si battono per i propri diritti, per ricostruire un paese distrutto da anni di privatizzazioni e svendita alle multinazionali, per imporre le misure e le leggi che servono agli operai e alle masse popolari. L’unica giusta causa è la costruzione di una società fatta dai lavoratori per i lavoratori.

Oggi pomeriggio alle ore 16:00 saremo in piazza Plebiscito, dove gli operai saranno in presidio in occasione del tavolo prefettizio che hanno strappato per discutere con la azienda e sindacati dei fatti accaduti, per attuare fino in fondo la parola d’ordine “NESSUN LAVORATORE DEVE ESSERE LICENZIATO”.

Chiamiamo tutte le realtà organizzate del territorio a essere lì, a mostrare ancora una volta che UNITI SI VINCE!

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

[Firenze] Adesione alla piazza del 25 aprile di Firenze Antifascista

Per una nuova liberazione nazionale dai gruppi imperialisti USA-NATO,...

[Colle Val d’Elsa] Nasce la lista elettorale Colle Insorge!

In vista delle prossime elezioni amministrative di Colle Val...

Ponte sullo stretto. 40 tavoli di lavoro in tutta Italia smontano il piano del governo

Prima conquista per i comitati No Ponte sullo stretto di Messina

Volantino per le manifestazioni promosse da FFF per lo sciopero per il clima del 19 aprile 2024

Scarica il file PDF Domande apparentemente retoriche *se ne possono aggiungere...