In ogni azienda e in ogni piazza: organizzarsi per cacciare Draghi!

Il 31 marzo 2022 il Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali di Genova, con USB, ha indetto uno sciopero per sabotare la guerra contro il traffico di armi nel porto di Genova. Nella stessa giornata, ha indetto un’assemblea nazionale proprio sulla guerra. Quello che i portuali di Genova hanno affermato con forza è la loro opposizione all’economia di guerra e a tutto quello che ha portato alla situazione attuale, chiedendo l’applicazione della Costituzione.

La locandina che annunciava la mobilitazione del 31 marzo 2022 a Genova

Pochi giorni prima, il 29 marzo, a Napoli lavoratori e masse popolari, con in testa gli operai della Whirlpool e il movimento NO Green Pass, hanno duramente contestato la visita di Draghi, contestato come assassino. Al centro delle contestazioni le politiche guerrafondaie del governo e quelle criminali verso le masse popolari italiane.  Lo stesso è avvenuto a Torino il 5 aprile, con contestazioni in diverse piazze della città.

Un’immagine dalla manifestazione di protesta contro la presenza di Mario Draghi a Napoli il 29 marzo

Il CALP con le sue azioni mette seriamente in difficoltà il governo Draghi perché mostra a tutti i lavoratori italiani che tante delle leggi che il governo vara sono carta straccia se i lavoratori le sabotano. I lavoratori hanno la forza e il potere di rendere ingovernabile il paese a Draghi! Devono solo far valere la loro forza organizzandosi per mettere in campo iniziative simili e coordinandosi fra loro.  Allo stesso modo le masse popolari napoletane e torinesi hanno reso impossibile a Draghi fare le sue passerelle e hanno reso evidente che ovunque va le masse popolari italiane possono rendergli ingovernabili le città.

Questi sono esempi di quello che va replicato, esteso e coordinato su tutto il territorio nazionale.

Il governo è già in bilico e diviso al suo interno, ma sono i lavoratori e tutte le masse popolari a dovergli dare la spallata per cacciarlo! Quegli stessi che devono decidere da chi deve essere formato un governo d’emergenza di cui c’è bisogno!

Che ogni posto di lavoro e ogni piazza diventino ambito di lotta per rendere il paese ingovernabile al governo Draghi e per boicottare la NATO e la sua guerra!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi

Iscriviti alla newsletter

I più letti

Articoli simili
Correlati

G7 in Puglia. Mentre i pupazzi ballano il loro regime traballa

Sabato scorso si sono chiusi i “lavori” del G7....

Anche dai seggi elettorali si rilancia la riscossa

Lo scorso fine settimana si sono svolte le elezioni...

Solidarietà a Luciano Pasetti e a tutti i fermati di Piazza Duomo e non solo!

Lunedì 17 giugno p.v alle 14.00 presso il Tribunale...

[Siena] Duecento licenziamenti ad Amadori: insorgiamo!

Il Partito dei CARC, alla luce di quanto sta...