frpsi

frpslo

1959217 787559927951443 8372304507587195232 n

Stampa
PDF

Comunicato stampa di Fabiola D’Aliesio, candidata al Comune di Napoli per la Lista Napoli è Tua

on . Postato in Archivio comunicati 2011

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Su tutti i giornali di oggi [20.4.11] sono riportate le dichiarazioni di Luigi De Magistris, candidato sindaco per la lista Napoli è Tua, rispetto all’accordo concluso dalla direzione di IdV con il PD alle municipalità: “l’accordo del centro-sinistra sulle municipalità non mi vede soddisfatto, perché manca di quella discontinuità politica che è, invece, alla base della mia candidatura e della mia campagna elettorale. E’ un’intesa di cui non mi sento autore. Un accordo tecnico frutto della trattativa fra partiti e motivato con l’argomento di voler evitare la vittoria del centrodestra nelle municipalità. Detto questo, si tratta di un’intesa che rafforza il mio impegno a continuare una campagna radicale nell’alternativa. Tanto a Morcone quanto a Lettieri”.
Sostengo in pieno questa presa di posizione di Luigi De Magistris: per la rinascita della nostra città è necessaria una rottura netta, senza se e senza ma, con il bassolinismo, con la camorra, con il PdL, con gli alti prelati, con l’insieme dei poteri forti che tirano le fila e speculano sulla pelle delle masse popolari e della città. La discontinuità deve essere radicale: non si può chiedere agli artefici e responsabili della situazione di degrado ambientale, economico, politico e sociale in cui versa la nostra città di combattere il sistema di potere e di affari che hanno creato e su cui fanno poggiare i loro affari e la loro stessa sopravvivenza come classe politica-affaristica!

Sono convinta che il cambiamento reale può avvenire solo attraverso l’azione delle organizzazioni operaie e popolari, delle associazioni attive sul territorio per la difesa dei diritti, dei comitati ambientalisti, dei movimenti studenteschi, dei movimenti dei disoccupati e precari, degli esponenti progressisti della società civile: sono solo queste le forze che possono promuovere, con la loro azione diretta sia nelle scelte decisionali sia nell’attuazione delle misure elaborate, la rinascita economica, politica, ambientale e sociale della nostra città. Non siamo la minoranza, ma la maggioranza della popolazione: la minoranza sono i ricchi, gli affaristi, i capi clan, i politicanti del PD e del PdL a loro asserviti! Se ci crediamo, se osiamo sognare, osiamo lottare, osiamo coordinarci e osiamo vincere, vinceremo!
Il nostro principale limite è lo scarso coordinamento delle forze: ma questo è anche il punto di partenza per affrontare ad un livello superiore la lotta che ci attende per trasformare questa città e il nostro paese; l’aspetto su cui lavorare nel corso di questa campagna elettorale e anche dopo. Perché una cosa è certa: queste non saranno elezioni normali e la lotta politica si accentuerà via via che la campagna elettorale avanzerà, per fare poi un ulteriore salto dopo il 16 maggio e l’eventuale ballottaggio, e anche nel nuovo Consiglio comunale, qualunque sia il vincitore. Dobbiamo essere lungimiranti, rafforzare la fiducia in noi stessi e nelle organizzazioni popolari, sviluppare la loro mobilitazione e il loro coordinamento, portare avanti una campagna elettorale di lotta e mobilitazione e osare!

Oltre al coordinamento delle forze sane, Per rompere realmente con il sistema e avviare la rinascita della nostra città: occorre mettere al centro del programma e dell’azione della lista Napoli è Tua la mobilitazione per un lavoro utile e dignitoso per tutti. Ogni problema della nostra città (dalla lotta alla criminalità organizzata all’ambiente fino alla guerra tra poveri) può essere risolta solo se si pone al centro la questione del lavoro (applicazione art. 1 della Costituzione). L’amministrazione comunale deve usare tutti i mezzi, le risorse, tutto il suo potere istituzionale per combattere la piaga della disoccupazione e della precarietà, forzando i limiti che l’ordinamento politico vigente pone per creare posti di lavoro e per promuovere la più vasta mobilitazione delle masse popolari per la conquista di un lavoro utile e dignitoso! Non è vero che non c’è lavoro: è proprio il contrario, per superare la situazione di degrado in cui versa la nostra città è necessario il lavoro di tutti! Non è vero che non c’è lavoro per tutti: le scuole, gli ospedali, tutti i servizi pubblici sono cronicamente sotto organico, c’è un immenso lavoro da fare per rimettere e mantenere in sicurezza il territorio e gli edifici, per dare servizi essenziali decenti alla popolazione. Non solo c’è lavoro, ma c’è bisogno che tutti facciano la loro parte di lavoro!
Luigi De Magistris solo facendosi portavoce e promotore di questo programma romperà realmente con il sistema, metterà all’angolo i vertici dell’IdV, il PD, il PdL e la Camorra, spingerà in avanti le organizzazioni operaie e popolari, avvierà la rinascita della nostra città.

Un’amministrazione comunale che attua questo programma è incompatibile con il sistema economico e politico vigente? Sarà commissariata o sciolta del governo centrale? E’ possibile. Ma a quel punto si aprirà una nuova fase di lotta per la rinascita della nostra città e del nostro paese. Non sarà la fine di un sogno, ma una nuova tappa del percorso. E, soprattutto, il governo centrale dovrà gestire la situazione di fermento e protagonismo delle masse popolari: siamo così sicuri che ci riuscirà? Io penso di no. E, aggiungo, dipende dall’azione delle organizzazioni operaie e popolari e dal contributo  che darà lo stesso De Magistris. Non bisogna aver paura di andare fino in fondo: abbiamo solo da guadagnarci in termini di migliori condizioni di vita!

Tornando sulla questione del coordinamento, ritengo che sia necessario sviluppare la più ampia e articolata sinergia e azione comune con le altre liste progressiste che sono presenti in questa campagna elettorale, rompendo con la logica dell’elettoralismo (coltivare il proprio orticello elettorale), della rincorsa alle poltrone. In particolare penso che è possibile sviluppare una campagna coordinata e sinergica con  il Movimento 5 stelle, Napoli non si piega, PCL. E’ con questo spirito che ieri, presso la Città del Sole, il Partito dei CARC, l’Associazione Solidarietà Proletaria e il Sindacato Lavoratori in Lotta hanno promosso una prima iniziativa di confronto tra i candidati delle liste progressiste: abbiamo sviluppato un ricco e proficuo dibattito con Roberto Fico (candidato sindaco per il Movimento 5 stelle) e Ciro Formisano (candidato sindaco per il PCL), a cui è intervenuto anche Mauro Bertini (candidato sindaco per Un’altra Marano è possibile), Gennaro Laudicino (candidato sindaco per la lista Quarto è Tua) e, telefonicamente, Abdel Shari (candidato sindaco per lista Milano Nuova). Tutti hanno raccolto l’appello che ho lanciato di promuovere insieme una delegazione di vigilanza democratica per andare a Santa Maria Capua Vetere con l’obiettivo di rafforzare la lotta contro il lager per immigrati che governo e regione hanno creato. Inoltre, sono stati invitati a partecipare al comizio che terremo davanti alla stazione di Montesanto venerdì prossimo alle 17:00 contro l’aumento dei biglietti, le precarie condizioni di sicurezza dei mezzi di trasporto e in sostegno dello sciopero dei biglietti.

E’ con profondo dispiacere che abbiamo preso atto, assieme a tutti i lavoratori, disoccupati e precari BROS che hanno partecipato all’iniziativa, dell’assenza dello stesso Luigi De Magistris (che, ad onor del vero, è già la terza volta che viene meno a riunioni di confronto da noi promosse: ci auguriamo che la quarta sia quella buona, anche questa è la strada per costruire una reale alternativa) e di Pino Marziale (candidato sindaco per la lista Napoli non si piega). Lanciamo l’appello anche a loro di prendere parte alla delegazione di vigilanza democratica e di partecipare al comizio che si terrà a Montesanto.

Colgo l’occasione, infine, per esprimere la mia gioia per il fatto che presso la municipalità di Chiaiano il candidato presidente per la lista Napoli è Tua sia Ivo Poggiani, esponente del movimento di lotta ambientalista del territorio e per la conquista di spazi di aggregazione popolare. Come candidata al Comune di Napoli sosterrò e parteciperò alle iniziative che verranno promosse, facendo da megafono alle rivendicazioni espresse e dando un mio contributo per lo sviluppo del coordinamento.

Una nuova Napoli è possibile, dipende da noi!
Avanti verso una nuova Napoli e un nuovo paese!

Fabiola D’Aliesio
Della Direzione Nazionale del Partito dei CARC
Candidata al Consiglio Comunale con la lista Napoli è Tua

Sottoscrivi2