La sezione di Massa del Partito dei Carc esprime solidarietà a ANPI di Carrara e CGIL di Massa che hanno visto le loro sedi imbrattate con delle svastiche e aderisce alla manifestazione antifascista di sabato 24.

È importante stroncare ogni tentativo di ripresa del fascismo, che si alimenta del clima di guerra tra poveri voluto dalle forze reazionarie di Salvini, Meloni & C.. In una situazione di crisi economica, politica e culturale come quella attuale le fazioni più reazionarie e fasciste della borghesia fanno leva sulla parte più arretrata delle masse per scatenare la guerra tra poveri: cioè mettere masse contro masse, invece che individuare il vero responsabile di questa tragica situazione, la borghesia stessa con il suo sistema di sfruttamento e guerra.

Non dobbiamo sottovalutare gesti come quelli visti in questi giorni e la manifestazione prevista per sabato 24 a Carrara (partenza alle ore 15 dalla sede dell’ANPI a Grazzano) è una giusta risposta.

Chi oggi disegna le svastiche segue l’esempio di Manfredo Bianchi e di Maurizio Lorenzoni.

Un provocatore fascista come Manfredo Bianchi va cacciato dalla scuola in cui insegna (un istituto di Carrara): che razza di valori può trasmettere ai giovani uno schifoso del genere?

E Maurizio Lorenzoni, da poco ex consigliere comunale di Carrara? Come avrebbe potuto rimanere in Consiglio Comunale uno che inneggia alla Repubblica di Salò: la pagina più infame scritta dal fascismo, quella del totale asservimento alla Germania nazista, dei rastrellamenti e della stragi a danno della popolazione civile! 

Qualche mese fa il Consiglio Comunale votò, su spinta delle forze antifasciste presenti sul territorio, una mozione in cui si chiedeva a Maurizio Lorenzoni di dimettersi, cosa che poi è successa (anche se per fatti suoi personali). Anche nei confronti di Manfredo Bianchi le istituzioni scolastiche hanno aperto un’inchiesta. Adesso vogliamo sapere che tipo di provvedimenti sono stati presi!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*