91 Visite

Il 4 dicembre ’17 gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno iniziato la più grande esercitazione militare congiunta delle proprie forze aeree mai intrapresa nella storia dei due Paesi. La Difesa Usa partecipa con circa 12.000 militari e (oltre ad altri velivoli) sei aerei da caccia F-22 e 18 caccia F-35 stealth (invisibili ai radar e capaci di trasportare missili nucleari). Questa esercitazione, denominata Vigilant Ace, durerà fino all’8 dicembre ed è una chiara provocazione e un tentativo intimidatorio verso la Repubblica Popolare Democratica di Corea, il Partito del Lavoro di Corea e il popolo coreano che lottano eroicamente per la difesa della propria sovranità nazionale e la pace.

A fronte di questa politica di ricatto e di minacca, il governo della RPDC e il Partito del Lavoro di Corea stanno portando avanti con tenacia lo sviluppo e il rafforzamento del proprio armamento nucleare come deterrente rispetto alle invasioni e attacchi da parte degli imperialisti USA e i loro servi. Con il successo ottenuto nei giorni scorsi con il lancio del Missile Balistico Intercontinentale Hwasong-15, la RPDC ha raggiunto l’obiettivo di diventare una potenza nucleare dotata di un efficace sistema missilistico. Riportiamo la dichiarazione rilasciata dalla RPDC tramite l’Agenzia stampa KCNA il 29 novembre 2017 e rilanciamo l’appello a costruire nel nostro paese un ampio fronte di solidarietà internazionalista con la RPDC ([Italia] Appello alla solidarietà con la Corea del Nord).

 

FOTO: 3 dicembre 2017.
Incontro a Roma tra l’associazione G.A.MA.DI (al centro Miriam Pellegrini Ferri), una delegazione del Partito dei CARC e una rappresentanza del personale diplomatico della Repubblica Popolare Democratica di Corea per la definizione del percorso di conoscenza reciproca, iniziative congiunte e collaborazione politica.

A seguire la dichiarazione della KCNA.

***

 

Dichiarazione della Repubblica Popolare Democratica di Corea sul successo conseguito con il  test del Missile Balistico Intercontinentale Hwasong-15

(KCNA) Pyongyang, 29 novembre 2017

Il governo della Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC) mercoledì 29 novembre u.s. ha rilasciato la seguente dichiarazione sul successo del test del nuovo tipo di Missile Balistico Intercontinentale (MBI): il MBI Hwasong-15.

Il test del MBI Hwasong-15, frutto dall’attuazione della linea strategica del Partito del Lavoro di Corea, è stato un successo. Il MBI Hwasong-15 è un missile balistico intercontinentale in grado di colpire l’intera area degli Stati Uniti. Questo missile è molto più efficace del MBI Hwasong-14 (il cui test è stato effettuato lo scorso luglio) sia dal punto di vista tattico che tecnologico e tecnico. E’ il più potente dei MBI e soddisfa l’obiettivo della RPDC di completare lo sviluppo del proprio sistema missilistico.

Su autorizzazione del Partito del Lavoro di Corea, del governo della RPDC e sotto la direzione del compagno Kim Jong Un, il MBI Hwasong-15 è stato lanciato alle ore 02:48 del 29 novembre u.s. dalla periferia di Pyongyang. Dopo aver effettuato un volo di 53 minuti, percorrendo la traiettoria programmata, è atterrato con precisione nelle acque del Mare Orientale della Corea. Il missile è salito ad un’altitudine di 4.475 km e ha percorso 950 km: non ha avuto quindi effetti negativi sulla sicurezza dei paesi vicini.

Dopo aver constatato il successo del lancio del MBI Hwasong-15, Kim Jong Un ha dichiarato con orgoglio che la RPDC ha finalmente raggiunto l’obiettivo storico di diventare una potenza nucleare dotata di un efficace sistema missilistico.

Il successo del test del MBI Hwasong-15 è una vittoria inestimabile, conquistata dal grande ed eroico popolo coreano che ha sostenuto con lealtà l’attuazione della linea del Partito del Lavoro di Corea sullo “sviluppo simultaneo dei due fronti” (il fronte economico e il fronte militare, linea sancita nel VII Congresso del Partito tenuto nel maggio ’16, ndr), senza la minima esitazione, nonostante le innumerevoli difficoltà e le sfide lanciate contro il nostro paese dall’imperialismo statunitense e dai suoi seguaci.

Lo sviluppo e il progresso dell’armamento strategico della RPDC hanno l’obiettivo di difendere la sovranità e l’integrità territoriale del nostro paese e di assicurare la pace per il nostro popolo a fronte dalla politica di ricatto e di minacca nucleare portata avanti dagli imperialisti USA. Il nostro riarmo non costituisce quindi una minaccia la pace per gli altri paesi (sia vicini che lontani) purché non vengano violati gli interessi della RPDC. Questa è la nostra dichiarazione solenne!

Quale potenza nucleare responsabile e Stato che ama la pace, la RPDC farà ogni sforzo possibile per servire il nobile scopo di difendere la pace e la stabilità del mondo.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata